Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Settore Ambiente e Protezione Civile del Comune di Modena
Strumenti personali
Tu sei qui: Home Difesa e gestione del territorio Attività estrattive

Autorizzazione estrattiva - Cave

La Legge Regionale 17 del 1991 attribuisce ai comuni il compito di rilasciare le autorizzazioni estrattive per la gestione di cave di materiali da costruzione. Il sottosuolo del territorio comunale è di origine alluvionale, caratterizzato da successioni di materiali sedimentari prevalentemente medio - grossolani nella parte sud e fini nella parte nord; tale costituzione rende pertanto disponibili materie prime costituite da ghiaie e sabbie, utilizzate in edilizia e per infrastrutture e quindi oggetto di attività estrattive, mentre il prelievo di materiali fini per l'industria dei laterizi, una volta fiorente, è oggi molto ridotto. L'attività estrattiva, anche se esercitata nel pieno rispetto delle legislazioni vigenti, costituisce un fattore di modifica territoriale, in quanto comporta variazioni dell'aspetto geo-morfologico, occupazione di suolo e successivo riuso, ecc., determinando, oltre al consumo di una risorsa non rinnovabile, problemi di inserimento nell'ambiente circostante.
L'autorizzazione viene rilasciata soltanto nelle aree comprese nel Piano comunale delle Attività Estrattive (PAE) a soggetti in possesso dei necessari requisiti imprenditoriali, tecnici e organizzativi.
Nella maggioranza dei casi il Progetto per l'esercizio dell'attività estrattiva deve essere preceduto da richiesta di assoggettamento a VIA (valutazione impatto ambientale) o Screening (art. 4 LR 9/99); a seguito di VIA o Screening con esito favorevole può essere presentato il Progetto esecutivo della cava.

Il Settore Ambiente cura le procedure tecnico-amministrative conseguenti ed in particolare
- trasmissione alla Provincia per il parere della Commissione Tecnica Infraregionale per le Attività Estrattive;
- trasmissione, in caso di interessamento di aree tutelate ai sensi del D. Leg. 490/99, al Ministero dell'Ambiente per la procedura di cui all'art. 151 dello stesso D. Leg.;
- deposito delle garanzie fudejussiorie previste dalla convenzione estrativa;
- rilascio dell'autorizzazione estrattiva.


Modalità di richiesta
- presentazione, ove richiesto, della domanda di assoggettamento alla preventiva procedura di VIA o Screening ai sensi dell'art. 4 LR 9/99 e successive modifiche;
- presentazione della richiesta di autorizzazione estrattiva corredata di progetto di escavazione e risistemazione

Costo
- 2 marche da bollo
- registrazione convenzione e autorizzazione
- costo delle garanzie fidejussorie previste in convenzione

Tempi di risposta
135 giorni per cave ricadenti in aree non assoggettate a vincolo di tutela paesaggistico
210 giorni per cave ricadenti in aree assoggettate a vincolo di tutela paesaggistico
Si aggiunge il periodo non valutabile in caso di preventivo assoggettamento a VIA o Screening.

Normativa di riferimento
LR 17/91 e successive modifiche
LR 9/99 e successive modifiche
DPR 128/59 e successive modifiche

Data dell'ultimo aggiornamento:
16/03/2012
Azioni sul documento