Questo sito accessibile da tutti i browser e gli user agent, ma il design e alcune funzionalit minori dell'interfaccia sono visibili solo con i browser che rispettano gli standard definiti dal W3C . Per maggiori informazioni consulta le pagine sugli Standard del Comune di Modena oppure vai al sito del Web Standard Project (WaSP) dove verranno illustrati i browser standard gratuiti disponibili per ogni piattaforma. vai direttamente al contenuto |

Canile Comunale

Rete Civica del Comune di Modena
Via Nonantolana 1219, Modena - tel. 059/8635178 | contatto |


Ricevi la nostra newsletter
Logo Ufficio diritti degli animali
Logo caleidos
Logo Argo

28/07/2013
CANI E GATTI IN OSPEDALE

Cani e gatti in ospedale, per far compagnia ai pazienti ricoverati. Adesso in Emilia-Romagna si può fare, con una legge aprifila in Italia. "Viene migliorata ulteriormente una normativa che è già all'avanguardia a livello nazionale nella tutela del benessere degli animali" dice l'assessore regionale alla Sanità, Carlo Lusenti, commentando l'approvazione in Assemblea legislativa della nuova legge sul benessere animale.

E' "importante e innovativo - ha osservato - l'articolo che introduce la possibilità per la persona ricoverata di farsi portare il proprio animale da compagnia all'interno delle strutture di cura pubbliche e private accreditate nelle ore di visita. La presenza dell'animale agisce direttamente sul benessere fisico e psichico della persona malata. E' questa una opportunità di portare sollievo, soprattutto nei casi di lungodegenza o nelle fasi più avanzate della malattia. Non ci sono altre esperienze regolamentate in Italia - ha aggiunto - se non iniziative sporadiche introdotte in alcuni reparti o in alcune strutture. In questo senso, l'iniziativa della Regione Emilia-Romagna è una assoluta novità".

Entro sei mesi dall'entrata in vigore della legge, la Giunta regionale approverà la disciplina per l'accesso degli animali alle strutture di cura.

"Con la nuova legge - spiega Andrea Defranceschi, consigliere del Movimento 5 Stelle e relatore del testo - si darà “nuovo impulso alla pet-therapy o zoo terapia” e si potranno aprire le strutture sanitarie pubbliche e private, attraverso un apposito disciplinare, agli animali da affezione". Il progetto di legge, composto da nove articoli (di cui uno, l’ottavo, di modifica alla l. r. 8/1994 sulla caccia, soppresso da un emendamento presentato in aula dal relatore, Andrea Defranceschi), era stato sottoscritto, nella sua veste originaria, da Marco Monari (Pd), Gabriella Meo (Sel-Verdi), Mauro Manfredini (Lega nord), Andrea Defranceschi (Mov5s), Gianguido Bazzoni (Pdl) e Liana Barbati (Idv).




« Visualizza tutte le notizie