Questo sito accessibile da tutti i browser e gli user agent, ma il design e alcune funzionalit minori dell'interfaccia sono visibili solo con i browser che rispettano gli standard definiti dal W3C . Per maggiori informazioni consulta le pagine sugli Standard del Comune di Modena oppure vai al sito del Web Standard Project (WaSP) dove verranno illustrati i browser standard gratuiti disponibili per ogni piattaforma. vai direttamente al contenuto |

Canile Comunale

Rete Civica del Comune di Modena
Via Nonantolana 1219, Modena - tel. 059/8635178 | contatto |


Ricevi la nostra newsletter
Logo Ufficio diritti degli animali
Logo caleidos
Logo Argo

07/07/2012
ATTENZIONE AL COLPO DI CALORE
Il colpo di calore è provocato dalla temperatura e dall’umidità ambientale elevata.
 I casi più frequenti riguardano animali lasciati incustoditi nelle automobili in sosta.
Può manifestarsi, in situazioni di temperatura e umidità elevate, anche se l’auto è parcheggiata all’ombra e con i finestrini abbassati, soprattutto se non c’è acqua da bere a disposizione.
In generale i soggetti più predisposti sono i giovani e gli anziani, con il pelo lungo e scuro, con il muso schiacciato e i soggetti che hanno appena fatto esercizio fisico o hanno consumato un pasto abbondante da poche ore: nel primo caso perché la temperatura corporea aumenta per il calore prodotto dai muscoli, nel secondo per il calore prodotto dalla metabolizzazione degli alimenti (è infatti consigliabile d’estate dare da mangiare il pasto principale alla fine della giornata).
 I sintomi sono agitazione, respiro affannoso, mucose congeste (congiuntive degli occhi e lingua color rosso mattone) che possono diventare in seguito cianotiche.
In questo caso la prima cosa da fare è abbassare subito la temperatura corporea bagnando abbondantemente l’animale con acqua (non ghiacciata) oppure ponendo dei pani di ghiaccio secco come quelli dei frigoriferi portatili sotto le ascelle e tra le cosce e l’inguine. Bisogna inoltre dare da bere, facendo attenzione che non debba bere troppo o troppo in fretta, con il rischio che debba vomitare.
Se non si interviene tempestivamente l’animale va incontro a shock termico: si presenta in uno stato di stupore, può presentare vomito e diarrea emorragici, avere delle crisi convulsive, andare in coma e morire per arresto cardiorespiratorio.




« Visualizza tutte le notizie