Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Città che cambia / Mobilità / Viale Jacopo Barozzi
Città che cambia

logo-citta-che-cambia.jpg

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Viale Jacopo Barozzi

Nuova pista ciclabile


Lungo viale Jacopo Barozzi viene costruito un percorso ciclabile promiscuo, di collegamento, tra piste ciclabili esistenti.
La realizzazione si inserisce in una zona del territorio comunale contigua al centro storico, ad elevata frequentazione ciclabile e pedonale, con il fine di migliorare e garantire la sicurezza degli utenti.
L’itinerario si sviluppa lungo tutto il viale Jacopo Barozzi per circa 900 metri fungendo da collegamento per le piste ciclabili esistenti in via Emilia Ovest ed in via Giardini.
La sede della pista ciclabile si ottiene nell’ambito della riorganizzazione della carreggiata stradale esistente con un nuovo disegno delle corsie centrali, una di 3 metri ed una di 3,50 metri di larghezza, ha inizio all’incrocio con via Emilia Ovest e si sviluppa lungo il viale Barozzi sul lato Nord mediante lo spostamento dei parcheggi e delle fermate del trasporto pubblico, verso la sede stradale.
Nella prima parte, da via Emilia Ovest a via Luosi, la pista ciclabile si sviluppa sulla carreggiata stradale, contigua al pedonale esistente, delimitata da segnaletica orizzontale e verticale e protetta dai parcheggi in linea.
Superato l’incrocio con la via Luosi il percorso si sviluppa in sede propria, al lato del marciapiede è delimitato con segnaletica orizzontale e verticale ed ha una sezione pressoché costante di circa 2.00 metri.
Fa parte dei lavori l’adeguamento degli impianti semaforici presenti agli incroci con le vie Campori, Rangoni e Luosi, affidato ad HERA SpA.
Allo stato attuale i lavori sono stati eseguiti per circa il 50 % delle opere previste corrispondenti ad un importo presunto di circa 45.000 euro.

Informazioni

Tempi previsti

Inizio lavori luglio 2017

Conclusione entro fine 2017

Investimento

45.000 €

Responsabile del progetto

Settore Lavori pubblici, Patrimonio e Manutenzione urbana
Alessio Ascari