Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Città che cambia / Progetti conclusi / Santa Caterina / Via Santa Caterina
Città che cambia

logo-citta-che-cambia.jpg

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Via Santa Caterina

Demolizione sottopasso

Avviati nel mese di dicembre 2014 lavori preparatori di pulizia della boscaglia sulla scarpata ferroviaria: smantellamento di binari e traversine in legno, recupero di parte della massicciata che verrà riutilizzata come sottofondo stradale, spostamento delle linee telefoniche e dell’illuminazione pubblica, demolizione delle spalle in calcestruzzo e delle solette che sorreggono la ferrovia.

Il 2 febbraio 2015 sono iniziati i lavori per l’abbattimento del ponte del sottopasso dell’ex ferrovia Modena-Mirandola in via Santa Caterina, avranno una durata di circa due mesi e un costo di 85.000 €

Durante questo periodo via Santa Caterina sarà temporaneamente chiusa, in corrispondenza del sottopasso della linea ferroviaria, per consentire i lavori di demolizione. L’obiettivo è infatti l’allargamento della sede stradale in modo tale da permettere il transito a doppio senso di circolazione. La sede stradale dagli attuali 2,75 metri passerà a 11 metri, comprensivi di pedonali su entrambi i lati con larghezza di 1,5 metri, e consentirà un più facile transito da e verso il comparto residenziale Peep Santa Caterina, sorto qualche anno fa oltre il sottopasso ferroviario e interessato, lo scorso autunno, da lavori di completamento delle opere di urbanizzazione comprendenti, tra l’altro, la realizzazione di un tratto ciclabile di collegamento tra il comparto e via Santa Caterina adiacente ai campi sportivi e alla ferrovia, e di un’area cani di circa 2.000 metri quadrati tra i campi sportivi e la strada.

Tempi previsti

L'intervento di demizione è concluso e  ha avuto una durata di due mesi.

Restano da effettuare i lavori impiantistici di competenza HERA e SNAM previsti entro l'estate.

Investimento

85.000 €

Responsabile del progetto

Settore Lavori pubblici, Patrimonio e Manutenzione urbana
Alessio Ascari