Appuntamenti

Venerdì 15 dicembre NODE torna negli spazi della Galleria Civica di Modena con un dialogo sonoro tra Nicola Ratti e Dakim e l'arte di Cesare Leonardi

. E da mercoledì 13, in orario di mostra, i visitatori potranno assistere in prima persona al progetto di residenza dei musicisti nella sala grande di Palazzo Santa Margherita.
Domenica 14 gennaio, quarto e ultimo appuntamento con il calendario di visite guidate alla mostra dedicata a Cesare Leonardi, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Modena.
Domenica 14 gennaio ultimo appuntamento con il calendario di laboratori didattici indirizzati ai bambini, organizzati in occasione della mostra di Cesare Leonardi
 

15 marzo 2011, ore 18.00

ATELIER D'ARTISTA / FRANCO GUERZONI visita guidata condotta da Marco Pierini

Cosa
Quando 15/03/2011
da 06:00 pm al 09:35 pm
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

 Con la visita guidata all'atelier di Franco Guerzoni, prevista il prossimo 15 marzo 2011 alle ore 18,00 proseguono gli appuntamenti dell'iniziativa Atelier d'Artista, programma di itinerari dedicati all'arte contemporanea organizzato dalla Galleria Civica di Modena nel corso del quale Marco Pierini, Direttore della Galleria, guiderà il pubblico alla scoperta dei luoghi in cui vengono create e prodotte le opere, introducendo i visitatori a una conversazione con l'artista.

Il ciclo continuerà, il 12 aprile, con la visita all'atelier di Giuliano Della Casa.
La partecipazione all'iniziativa è a iscrizione e gratuita.
Prenotazioni al numero 059 203 2919 da martedì a domenica dalle 10,30 alle 13,00 o all'indirizzo biglietteria.galleria.civica@comune.modena.it

Franco Guerzoni
Franco Guerzoni è nato nel 1948 a Modena, dove vive e lavora.
Fin dai primi anni '70 si dedica alla ricerca dei sistemi di rappresentazione dell’immagine attraverso l’uso del mezzo fotografico, in un contesto di forte influenza concettuale e di un intenso scambio di idee con altri artisti modenesi quali Franco Vaccari, Claudio Parmiggiani, Giuliano Della Casa, Carlo Cremaschi, Luigi Ghirri. Appartengono a questo periodo "Archeologia", la prima personale dell'artista a Bologna, curata da Renato Barilli nel '73, la collettiva milanese "Blow-Up" del '76 e la collettiva "Foto-grafia", del '77 a cura di Arturo Carlo Quintavalle.
Negli stessi anni Guerzoni presta grande attenzione al mondo archeologico ed elabora parallelamente libri–opera che affrontano i temi del viaggio, della riproduzione dell’immagine e delle sue molteplici letture. Risale ai primi anni '80 la svolta artistica che lo vede impegnato nella realizzazione di grandi carte parietali gessose. Sono di questo periodo la mostra milanese "Cosa fanno oggi i concettuali?" realizzata nel 1986 alla Rotonda della Besana a cura di Renato Barilli, e "Scavi superficiali" (1987), curata da Paolo Fossati alla Galleria Civica di Modena. E' della fine degli anni '80 la ricerca sulla superficie intesa come profondità, che dà luogo a grandi cicli di opere quali "Decorazioni e rovine", presentato alla Biennale di Venezia del '90, e "Restauri provvisori", in mostra alla Galleria Comunale d’Arte Moderna di Bologna. Un’ampia retrospettiva dell’artista è stata coordinata da Paola Jori nel '96 in occasione della mostra personale presso la Galleria Civica di Arte Contemporanea di Trento, mentre è del '99 la personale "Orienti", curata da Pier Giovanni Castagnoli a Palazzo Massari di Ferrara. Nel 2004 "Arcangeli” e “Pagine Furiose", personale, a cura di P. Castagnoli e G. Bizzarri, Musei Civici, Reggio Emilia, e successivamente il ciclo di lavori dal titolo "Sipari", viene presentato presso Palazzo Forti, Verona, da Giorgio Cortenova e Fabrizio D’Amico. Nel 2005, presso la galleria Marco Rossi Spirale ArteContemporanea, Milano, Alberto Fiz raccoglie in “Nero Fumo” un ciclo di opere ispirate all’ombra e alle cromie opache e sedimentate degli affreschi pompeiani.
Nel 2006 dieci opere di Guerzoni, presentate da Pier Giovanni Castagnoli, vengono acquisite dalla GAM di Torino. Nel 2007 “Paesaggi in Polvere” approda a Palazzo Casotti, Reggio Emilia, con la cura di Giulio Bizzarri, mentre un corpo di dipinti recenti di grande formato, inneggianti ai bianchi calcinati di antichi muri  solcati da tracce e segni, dà origine all’esposizione “Antichi Tracciati”, a cura di Annamaria Sandonà, Scuderie di Palazzo Moroni, Padova, 2007, occasione per la quale Umberto Galimberti elabora un saggio dedicato all’artista.
Ad aprile del 2010 la Galleria EventiNove di Torino inaugura una mostra personale, "Pagine furiose", che raccoglie una selezione di opere su carta che rappresentano la summa della ricerca degli ultimi quarant’anni dell’artista modenese.
Le opere di Franco Guerzoni sono presenti in importanti collezioni pubbliche e private, in Italia e all’estero.