Tu sei qui: Portale Appuntamenti CLAUDE NORI PRESENTA "STROMBOLI" (CONTREJOUR, 2015)
Appuntamenti

Venerdì 15 dicembre NODE torna negli spazi della Galleria Civica di Modena con un dialogo sonoro tra Nicola Ratti e Dakim e l'arte di Cesare Leonardi

. E da mercoledì 13, in orario di mostra, i visitatori potranno assistere in prima persona al progetto di residenza dei musicisti nella sala grande di Palazzo Santa Margherita.
Domenica 14 gennaio, quarto e ultimo appuntamento con il calendario di visite guidate alla mostra dedicata a Cesare Leonardi, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Modena.
Domenica 14 gennaio ultimo appuntamento con il calendario di laboratori didattici indirizzati ai bambini, organizzati in occasione della mostra di Cesare Leonardi
 

CLAUDE NORI PRESENTA "STROMBOLI" (CONTREJOUR, 2015)

Giovedì 23 aprile 2015 alle 18.00, Palazzo Santa Margherita

Cosa
Quando 23/04/2015
da 06:00 pm al 07:30 pm
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

Incontro d'eccezione alla Galleria civica di Modena che giovedì 23 aprile 2015 alle 18.00 ospita il celebre fotografo Claude Nori.
Presso la sala grande di Palazzo Santa Margherita, in corso Canalgrande 103, sarà infatti presentato Stromboli (edizioni Contrejour, 2015)

L'iniziativa, ad ingresso gratuito, è promossa nell'ambito della mostra The Cinema Show. Fotografie dalla collezione della Galleria civica di Modena, a cura di Daniele De Luigi e Marco Pierini. Il percorso espositivo abbraccia un secolo di cinema, dalle foto di Anton Giulio Bragaglia prese sul set del suo "Thaïs" nel 1917, fino ai protagonisti italiani e internazionali dei film degli ultimi anni: da Woody Allen a Robert De Niro, da Carlo Verdone a Paolo Sorrentino.


In questa occasione, Claude Nori presenta un libro fotografico realizzato a seguito di un viaggio a Stromboli che l'artista fece fra il 1989 e il 1990. Ispirato dall'amore scoppiato alla fine degli anni Quaranta fra Roberto Rossellini e l'attrice svedese Ingrid Bergman – che dopo aver visto "Paisà" e "Roma città aperta" aveva inviato al regista una vera e propria dichiarazione d'amore alla quale lui aveva risposto invitandola a girare il film "Stromboli" – Nori cerca di ritrovare nei paesaggi e nei colori dell'isola i soggetti della sua ispirazione.
"La prima volta che mi sono imbarcato per Stromboli – scrive – ero meravigliato come un bambino che sfoglia le pagine di un album alla ricerca dei suoi personaggi preferiti. I miei erano in bianco e nero e nel furore del vulcano e della lava si coricavano gli amori tumultuosi di Roberto Rossellini e Ingrid Bergman. Poi, nel corso di un secondo viaggio, ho preso la mano di Gino, la donna che amavo, e l'isola tutto a un tratto ha cominciato stranamente ad assomigliarle". (Collection Cahier de voyage, Contrejour, 1991)
 
Claude Nori, fotografo, scrittore ed editore, nato nel 1949 a Tolosa da genitori italiani, scopre la fotografia nel 1968. Comprende molto presto le potenzialità espressive del mezzo fotografico, soprattutto la libertà e la leggerezza con le quali è possibile andare alla scoperta degli altri, del mondo e di se stessi. La sua prima mostra, alla perferia di Tolosa, è del 1971. Nel 1974 si trasferisce a Parigi e incontra Bernard Plossu. In seguito fonda Contrejour, casa editrice e galleria d'arte a Montparnasse che diventa in breve un punto di riferimento per la fotografia sulla scena culturale del tempo. Contrejour pubblica la maggior parte dei primi libri di autori del calibro di Édouard BoubatRobert Doisneau, Luigi Ghirri e Sebastião Salgado, fra gli altri. Dopo aver lavorato per Vogue e per il Daily Telegraph, nel 1975 pubblica il suo primo libro di fotografia cui seguiranno due film e numerosi altri libri autobiografici aventi l'Italia, l'amore, la nostalgia per l'adolescenza e la fascinazione per il cinema neorealista come temi centrali.


La sua mostra alla Maison Européenne de la Photographie di Parigi del 2012 ha sottolineato l'importanza del suo lavoro come autore: per lui il libro fotografico è un luogo di creazione unico, un territorio senza eguali dove poter sperimentare un linguaggio originale fra realtà e finzione.