Appuntamenti

Venerdì 15 dicembre NODE torna negli spazi della Galleria Civica di Modena con un dialogo sonoro tra Nicola Ratti e Dakim e l'arte di Cesare Leonardi

. E da mercoledì 13, in orario di mostra, i visitatori potranno assistere in prima persona al progetto di residenza dei musicisti nella sala grande di Palazzo Santa Margherita.
Domenica 14 gennaio, quarto e ultimo appuntamento con il calendario di visite guidate alla mostra dedicata a Cesare Leonardi, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Modena.
Domenica 14 gennaio ultimo appuntamento con il calendario di laboratori didattici indirizzati ai bambini, organizzati in occasione della mostra di Cesare Leonardi
 

GEMINE MUSE 2009

— archiviato sotto:

DIARI DI ANATOMIA, Musei Anatomici di Modena, dal 18 aprile al 28 giugno 2009

Cosa
  • Mostra
Quando 18/04/2009 18:00 al
28/06/2009 18:00
Dove Musei Anatomici
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

Inaugura sabato 18 aprile alle ore 18.00 presso i Musei Anatomici di Modena, in viale Berengario 16, la nuova edizione di Gemine Muse a Modena, con il progetto di arte contemporanea Diari di Anatomia, promosso dall'Ufficio Giovani d'Arte del Comune di Modena in collaborazione con il Dipartimento del Museo di Paleobiologia e Orto Botanico dell'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e la Galleria Civica di Modena.
Giunta alla sesta edizione, Gemine Muse 2009, rientra nel Programma ITALIA CREATIVA, a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù in collaborazione con l’ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani e il GAI - Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani. La Manifestazione nazionale ha l’obiettivo, nell’anno europeo della creatività e dell’innovazione, di valorizzare il patrimonio artistico italiano e il dialogo culturale, rendendo protagonisti 150 giovani artisti e 30 curatori in 22 città italiane.
In occasione di questo nuovo appuntamento nazionale, l’Ufficio Giovani d’Arte comunale presenta a Modena il progetto Diari di Anatomia, curato da Silvia Ferrari, che prevede tre installazioni realizzate appositamente dai giovani artisti modenesi Alessio Bogani, Fabio Bonetti, Angelica Porrari in un confronto insolito con le collezioni scientifiche conservate nello storico Museo di Anatomia dell'Università.
Il Museo di Anatomia è il luogo dove da sempre arte e scienza si incontrano in modo enigmatico e sorprendente. Artisti e artigiani hanno spesso prestato la sapienza del disegno, della scultura, della decorazione, della fotografia al servizio dello studio scientifico del corpo. In parallelo l'evoluzione delle tecniche artistiche della rappresentazione del corpo ha avuto sviluppi importanti anche grazie al lavoro svolto dai musei anatomici nella storia.
I tre giovani artisti modenesi sono stati invitati a riflettere oggi sul rapporto con il corpo e la sua identità, attraverso un'incursione negli studi di anatomia umana documentati dai preparati storici conservati nel museo, dando luogo a un dialogo tra antico e contemporaneo dove entrano in gioco diverse modalità espressive; tre storie individuali aspirano a infrangere con un portato di emotività quelle barriere disciplinari che solo all'apparenza dividono la ricerca scientifica da quella artistica.
L'installazione Second life di Alessio Bogani (Modena 1977) è dedicata alla figura dello scienziato. Da una parte la ricostruzione dello studio di un ipotetico medico, grazie al recupero di oggetti, strumenti e documenti del passato, intreccia vissuto e scienza; dall'altra la riflessione sulla falsificazione, sui limiti e sugli eccessi della ricerca culmina nella proiezione video del grande cuore pulsante, soggetto di un filmato d'epoca su falsi esperimenti scientifici condotti negli anni Trenta in Russia. 
Fabio Bonetti (Modena 1981) presenta l'installazione Della nostra stessa dissoluzione, incentrata sul tema della dissoluzione del corpo come allusione all'arte e al suo rapporto con la realtà, partendo dal genere dell'autoritratto. Citando il famoso scatto di Hyppolite Bayard che nel 1840 si ritrae in forma di annegato, l'artista si spinge oltre e rappresenta sé stesso in una fotografia a dimensione quasi reale immersa in una vasca d'acqua, dove il corpo composto perde consistenza e mostra in trasparenza il proprio interno.   
Angelica Porrari (Modena 1985) reinterpreta il corpo umano nella sua fisicità più esasperata: luogo della pelle e della carne, materia in continuo mutamento, nonché memoria della vita e della morte. Il video presentato, dal titolo Nowhere fast, ispirato ai busti ostetrici in terracotta esposti, si concentra in particolare sul corpo femminile, soggetto caro all'artista, che viene qui restituito alla sua sacralità ancestrale. L'opera si sviluppa come un rituale drammatico della violenza e del dolore in uno spazio astratto dove la luce diventa protagonista. 
Il Museo di Anatomia di Modena viene fondato all'inizio del XIX, sotto impulso del duca Francesco IV d'Este. Le sale, inaugurate nel 1854, conservavano i preparati anatomici utilizzati per le lezioni, principale risorsa didattica per medici e studenti. Conservando intatta la maggior parte delle sue collezioni, collocate negli arredi originali, il museo consente, ancora oggi, di poter cogliere le modalità con cui in passato venivano condotti gli studi anatomici e medici. Al principale nucleo espositivo storico, organizzato sui criteri dell’anatomia descrittiva, si affianca la collezione di busti ostetrici in terracotta risalenti al 1773.

Quest’anno Gemine Muse ha un madrina d’eccezione, Angela Vettese, Direttrice della Galleria Civica di Modena che ha curato l’introduzione del catalogo nazionale di Gemine Muse 2009 e che sottolinea come sia profondamente importante che ai giovani artisti venga data la possibilità di intervenire in luoghi non consacrati dalla “nuova musa”, di fronte a un pubblico “non necessariamente consenziente”, con l’obiettivo di pensare ancora all’arte contemporanea come “una punta di spillo sul corpo dell’arte antica o su qualsiasi contesto culturale e sociale dato”.
Sono realizzati per l'occasione un catalogo bilingue e una mappa che forniscono la documentazione necessaria per scoprire i tanti luoghi e i musei che ospitano la manifestazione in Italia; inoltre sul sito di Giovani D’Arte www.comune.modena.it/gioarte sono riportate le schede sulle opere in mostra a Modena e sul sito del GAI www.giovaniartisti.it  si possono consultare approfondimenti, news, database e molte altre curiosità sull'iniziativa.
Per l’edizione 2009 il Cidac – Associazione delle Città d’Arte e Cultura rinnova la sua partnership all’evento. Gemine Muse è inoltre sostenuta da SEAT Pagine Gialle e da UniCredit Private Banking, in qualità di Main Sponsor, e da Electa Mondadori come sponsor tecnico.
                                                   
Mostra: GEMINE MUSE 2009 a Modena - Diari di anatomia
A cura di: Silvia Ferrari
Opere di: Alessio Bogani, Fabio Bonetti, Angelica Porrari
Sede: MUSEI ANATOMICI, viale Berengario 16, Modena
Periodo: 18 aprile – 28 giugno 2009
Inaugurazione: sabato 18 aprile ore 18.00
Orari di apertura: ven.-sab. 15.00-19.00; dom. 11.00-13.00 e 15.00-19.00
festivi: 25 aprile, 1 maggio chiuso;  2 giugno 11.00-13.00 e 15.00-19.00; Ingresso gratuito
Info: Giovani d’Arte tel. O59-2032604  www.comune.modena.it/gioarte