Appuntamenti
Domenica 14 gennaio, quarto e ultimo appuntamento con il calendario di visite guidate alla mostra dedicata a Cesare Leonardi, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Modena.
Domenica 14 gennaio ultimo appuntamento con il calendario di laboratori didattici indirizzati ai bambini, organizzati in occasione della mostra di Cesare Leonardi
 

9 e 10 aprile 2011 PERDERSI

— archiviato sotto:

PERFORMANCE PER LA COLLEZIONE DELLA GALLERIA CIVICA DI MODENA IN OCCASIONE DI MUSEI DA GUSTARE

Cosa
  • Altro
Quando 09/04/2011 21:00 al
10/04/2011 20:10
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

 La Galleria Civica di Modena aderisce alla settima edizione di Musei da Gustare, l'iniziativa che la Provincia di Modena propone con la collaborazione dei Musei del sistema museale modenese. L'edizione 2011 ha per filo conduttore il tema del rapporto con gli altri, "Un Museo tira l'Altro", e proporrà per due weekend successivi, il 9 e il 10 e il 16 e 17 aprile prossimi, una ricca serie di eventi, distribuiti rispettivamente nell'area urbana e nel distretto provinciale della città, tra scienza, natura, teatro, storia, arte e immaginazione, a cura dei musei modenesi che aderiscono all'iniziativa.
Il progetto, unico nel suo genere in Italia, si inserisce nella Settimana della Cultura indetta dal Ministero per i Beni e le attività culturali dal 9 al 17 aprile 2011.

Presso la Sala grande di Palazzo Santa Margherita, in corso Canalgrande 103, sabato 9 aprile 2011 alle ore 21,00 e domenica 10 aprile alle 19,00, avrà luogo una performance letteraria e sonora dal titolo "Perdersi", ispirata in particolare all'allestimento della collezione permanente della Galleria Civica di Modena.
Il progetto è a cura di Marco Olivieri, Fabrizio Orlandi e Claudio Ponzana - p.o.p. produzioni, con la partecipazione di Marco Olivieri, Fabrizio Orlandi, Claudio Ponzana, Magda Siti.

Fra vedute e scorci di Modena - alle pareti la selezione di immagini di grandi fotografi contemporanei dalla Raccolta della Fotografia museale visibile fino al 17 luglio  - un viaggio fino a perdersi, vagabondando nei luoghi conosciuti della propria città. Accompagnano il pubblico nella riscoperta di luoghi noti attraverso il filtro dei sensi altrui gli attori, che dialogano a fasi alterne su postazioni sopraelevate, chi dando voce a testi che raccontano la perferia, chi indagando le aree metropolitane, da brani selezionati di autori capaci di attraversare con la loro sensibilità le città del mondo; fra questi quelli di Walter Benjamin, Emile Zola, Giorgio Bassani, Louis Aragon, George Perec.
Un tappeto di suoni animerà la postazione di Marco Olivieri, impegnato a mescolare con computer e campionatori rumori e suggestioni sonore che si intrecciano alle letture.

La città, quella conosciuta, quella riscoperta, o quella impossibile, che può essere solo immaginata, sarà protagonista insieme alle immagini esposte di un evento letterario e sperimentale al tempo stesso. L'iniziativa, che durerà approssimativamente un'ora, è a ingresso libero fino a esaurimento posti.
Le voci recitanti sono quelle di Claudio Ponzana e Magda Siti.

In occasione di Musei da Gustare la Galleria Civica di Modena osserva il seguente orario: sabato 9 aprile apertura dalle 10,30 alle 24,00. Domenica 10 aprile dalle 10,30 alle 20,00.

Nella foto Mimmo Jodice, Cortile interno di Palazzo dei Musei, dalla serie Modena, 2009, Galleria Civica di Modena, Raccolta della Fotografia

Note biografiche

Marco Olivieri
Fonico e compositore ha collaborato con molti musicisti sia in situazioni live che in studio. Operando da molti anni anche in ambito teatrale ha potuto affinare competenze e gusti che travalicano i consueti confini di genere privilegiando nella propria ricerca la musica elettronica, la rumoristica e l'eleborazione di elementi naturali in elementi musicali. Tra le collaborazioni più recenti quella con Chiara Guidi, Società Raffaello Sanzio e quella dello scorso Festival di Santarcangelo per la realizzazione di un evento unico con il chitarrista Arto Lindsay. Ha composto un'opera dal titolo Ode to the Light che propone come evento performativo all'alba in diversi festival estivi.

Fabrizio Orlandi
Di formazione tendenzialmente eclettica si è mosso all'interno dei territori teatrali e culturali con diverse, ma in qualche modo complementari, funzioni: organizzatore, tecnico,drammaturgo e in alcune occasione anche attore. E' responsabile del Teatro delle Passioni di Modena. Collaboratore della Biblioteca Delfini, per la quale ha curato per oltre dieci anni il “Salotto di lettura”. Fondatore della p.o.p. produzioni. Ha pubblicato tre raccolte di versi, "Abbi cura" (2006), "Stempiano gli anni" (2008) e "Per il momento è tutto" (2009) - Edizioni C.O.A.

Claudio Ponzana
Ha iniziato l'attività con il Teatro San Geminiano. Dal 2000 al 2004 ha collaborato con Enrique Vargas e il Teatro de Los Sentidos, con il quale ha realizzato numerose esperienze internazionali. Da 2001 al 2010 ha collaborato con il Teatro delle Ariette in Italia e in Europa come organizzatore e attore. Collaboratore della Biblioteca Delfini, per la quale ha curato per oltre dieci anni il “Salotto di lettura”. Fondatore della p.o.p. produzioni. Si occupa attualmente di realizzazione di progetti culturali e di organizzazione e distribuzione di spettacoli teatrali.

Magda Siti
Attrice, ha lavorato con il Teatro San Geminiano, il Teatro Imprevisto, la Cooperativa Il Ponte e il CSRT di Pontedera.  Tra i suoi spettacoli, Exproff (1998), Humana Fiction (2000), La notte racconta (2003), La festa è finita (2004, da testi di l. Fink e S. Liebrecht), Idioti illuminanti (2007, da E. Cavazzoni), per la regia di Stefano Vercelli. Conduce laboratori teatrali per adulti e ragazzi.

p.o.p. produzioni
Fabrizio Orlandi e Claudio Ponzana realizzano progetti culturali dal  1998. A partire dal 2000 riuniscono le loro molteplici attività sotto il nome di p.o.p. produzioni.
Tra gli utlimi progetti realizzati ricordiamo le performances “Volando Voy” (2009) e “Il tempo della tartaruga” (2010) per la Galleria Civica di Modena, e “Buonanotte ai suonatori” (2010) per il Festival della Letteratura di Mantova, che verrà riproposto anche nell’edizione 2011 del Festival.