You are here: Home Appuntamenti GRATTUGIE, COLTELLI, ROTELLINE... MERAVIGLIOSI ARNESI DA CUCINA
 

GRATTUGIE, COLTELLI, ROTELLINE... MERAVIGLIOSI ARNESI DA CUCINA

Ultimo appuntamento con i laboratori didattici sabato 23 gennaio

What
When Oct 17, 2015 03:30 PM to
Jan 23, 2016 05:00 PM
Add event to calendar vCal
iCal

Si conclude la serie di incontri per bambini e ragazzi da 5 a 12 anni realizzati in collaborazione con Dida, laboratorio didattico dei Musei civici di Modena e Memo, Multicentro Educativo di Modena Sergio Neri allo spazio "Civetta" di Palazzo Santa Margherita in corso Canalgrande 103. 

Sabato 23 gennaio 2016 alle 15.30 Grattugie, coltelli, rotelline... meravigliosi arnesi da cucina, un appuntamento cui i bambini potranno partecipare su prenotazione, (tel.n. 059 2032919 in orario di mostra), e a pagamento, costa € 5.00 per ciascun bambino e, con la formula "Porta un amico", valida anche per un fratello, € 7,00.

L'esperienza dura circa 1 ora e mezza.

Dopo una simpatica visita semiseria alle straordinarie opere di Spoerri e, in particolare, ai suoi famosissimi "quadri trappola", i bambini, si trasformeranno in veri e propri cuochi; si recheranno in laboratorio - cucina del ristorante - dove tra grattugie, mattarelli, rotelline e tirapasta potranno impastare la sfoglia (farina e acqua), stenderla con il mattarello e con la macchina per tirare la pasta e, infine, decidere che pasta fare: farfalline, tagliatelle, maccheroni, gnocchetti... Naturalmente la pasta servirà per creare un'opera d'arte alla "maniera" di Spoerri.

In caso di bambini con intolleranze o allergie alla farina, sarà utilizzata la farina di riso.

L'esperienza si ispira e dialoga con i temi presentati nella mostra "Daniel Spoerri. Eat Art in transformation".

Daniel Spoerri (1930) è il fondatore della Eat Art, corrente con la quale l’artista intendeva avviare una riflessione sui principi fondamentali della nutrizione e sul rapporto tra arte e cibo.

I laboratori prendono spunto da una riflessione sulle opere allestite a Palazzo Santa Margherita a partire dai tableaux-piége o "quadri trappola", dove oggetti apparecchiati casualmente su una tavola vengono fissati da Spoerri esattamente nella posizione in cui si trovano ed elevati a opera d’arte, fino ad arrivare ai menù, ai ricettari e alle collezioni di oggetti da cucina.

 
La mostra, realizzata e coprodotta dalla Galleria civica di Modena e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena con il m.a.x. museo di Chiasso (Svizzera) è a cura di Susanne Bieri, Antonio d'Avossa e Nicoletta Ossanna Cavadini.