Appuntamenti
Sabato 21 ottobre parte il calendario di laboratori didattici indirizzati ai bambini dai 4 agli 11 anni e organizzati nella sala grande di Palazzo Santa Margherita in occasione della mostra Cesare Leonardi. L'Architettura della Vita.
Domenica 29 ottobre, appuntamento a Bosco Albergati per una giornata alla scoperta della Città degli Alberi, bosco di pianura progettato da Cesare Leonardi.
 

VISITA GUIDATA GRATUITA ALLA MOSTRA

Domenica 11 ottobre Antonio D'Avossa conduce la visita alla mostra 'Daniel Spoerri. Eat Art in Transformation'

Cosa
Quando 11/10/2015
da 11:00 am al 12:30 pm
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

Domenica 11 ottobre 2015 alle ore 11.00 Antonio d'Avossa, co-curatore della mostra Daniel Spoerri. Eat Art in Transformation allestita fino al 31 gennaio 2016 nelle due sedi espositive della Galleria civica di Modena, condurrà una visita guidata gratuita al percorso espositivo con partenza dalla Palazzina dei Giardini.

Per partecipare non è necessaria la prenotazione, è sufficiente presentarsi qualche minuto prima dell'inizio al bookshop della sede espositiva all'interno dei Giardini Ducali, in corso Canalgrande.
La visita si concluderà intorno alle 12.30 a Palazzo Santa Margherita.
 

Si tratta di un'occasione unica per andare alla scoperta di un progetto culturale che ha portato a Modena oltre 150 opere di Daniel Spoerri (1930, fondatore della Eat Art, corrente con la quale l’artista ha avviato una riflessione sui principi fondamentali della nutrizione e sul rapporto tra arte e cibo.

Le opere esposte vanno da un primo periodo di sperimentazione legato alla rivista "Material" (1955-1961), ai multipli cinetici, ai celebri tableaux-pièges, "quadri trappola" ottenuti da assemblaggi di oggetti di uso quotidiano incollati a supporti e ribaltati nell'orientamento  –  composizioni casuali di residui di cibo e stoviglie usate, intrappolati nella resina e disposti in verticale, come quadri, oggi in collezione al MoMA di New York e al Centre Pompidou di Parigi – fino alla scultura e alla ricerca in campo grafico, cui si aggiungono importanti documenti d'archivio.
 

In mostra anche le ricette d'artista, i suoi appunti e i menù del Restaurant Spoerri di Düsseldorf (1968) fino al Bistrot di Santa Marta realizzato per la Fondazione Mudima di Milano 2014.
Un'intera sezione sarà dedicata alla grafica, per la prima volta oggetto di studio in una sede museale, che presenta, fra gli altri fogli, i suoi elaborati, i manifesti, gli annunci.
Lettere e documenti saranno testimoni dei rapporti di Spoerri con gli artisti contemporanei, tra i quali, Jean Tinguely, Marcel Duchamp, Man Ray, Meret Oppenheim, Ben Vautier.
Le opere provengono dalla collezione dell'artista, dalla Biblioteca nazionale svizzera di Berna che custodisce l'archivio di Spoerri e da importanti musei, gallerie e collezionisti europei.
A Modena la mostra si arricchisce di una sezione che attinge alle collezioni del tessuto regionale messi a disposizione da generosi prestatori.
 
Nato nel 1930 in Romania, trasferitosi in Svizzera negli anni ’40 per sfuggire alle persecuzioni fasciste, Spoerri è stato letteralmente catturato dall'aspetto magico delle cose, inclinazione che gli ha consentito di crearel'Angelo di panforte con glassaotto incubi magriscarpe di pane, ferro da stiro al forno, opere "al dente" infilate come perle di una collana virtuale lungo un filo "astro/gastro" che lui ha retto divertito coinvolgendo lo spettatore in un surreale tête-à-tête con cin cin finale.
Nel corso della sua carriera ha sviluppato investigazioni criminali, inventato la Eat Art, aperto ristoranti (dando ai critici il ruolo di camerieri) e partecipato attivamente a Fluxus; celebre soprattutto per i suoi “quadri-trappola” è stato tra i fondatori del Nouveau Réalisme, il 27 ottobre 1960, nell’appartamento di Yves Klein a Parigi con il giovane Pierre Restany, Arman, Dufrèn, Hains, Klein, Raisse, Tinguely e Mahé de la Villeglé, cui si aggiunsero poi Niki de Saint-Phalle, Christo, Dechamps e Rotella.
 
Realizzata e coprodotta dalla Galleria civica di Modena e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena con il m.a.x. museo di Chiasso (Svizzera) la mostra, curata da Susanne Bieri, Antonio d'Avossa e Nicoletta Ossanna Cavadini ei dedicata all'opera dell'artista svizzero Daniel Spoerri, (1930) in relazione alla corrente della Eat Art, da lui creata nel 1967, si collega strettamente al tema dell'EXPO 2015 di cui la tappa italiana ha ricevuto il patrocinio.