MICHELA LORENZI CINDARELLA AND THE VERY LAST GENTLEMEN

Palazzo Santa Margherita 7 Dicembre 2005 - 8 Gennaio 2006


Michela Lorenzi, "Post-party",2005 tecniche miste, cm. 25x15x10

Michela Lorenzi, "Queen of...f", 2005
tecniche miste, cm 30x30x40


Michela Lorenzi, "Gentleman", 2005,
grafite, pastello, pennarello su carta, cm 27x27

Mercoledì 7 dicembre 2005,alle ore 18,30 inaugura, nell’ambito dell’Area Progetto della Galleria Civica di Modena, Cinderella and the very last gentlemen, intervento site specific di MICHELA LORENZI. Tocca ora a Michela Lorenzi, con l'opera intitolata "Cinderella and the very last gentlement" confrontarsi con il sito specifico attraverso un intervento ad hoc. "Un’operazione non sempre facile - scrive Serena Goldoni che ha curato l'intervento con l'artista - tanto più quando questo è uno degli edifici entrati a pieno titolo nella memoria storica della città. Palazzo Santa Margherita, nato come chiesa e trasformato poi in convento, acquista agli inizi dell’800 le caratteristiche monumentali che trasmettono a Michela Lorenzi quel senso di inadeguatezza che si prova dovendosi misurare con superfici così articolate. L’artista, volendo superare la sua inibizione, indossa i costumi di una Cenerentola del nostro tempo che, invitata a palazzo, fa del suo meglio per non sfigurare, decisa a combattere una battaglia per l’affermazione della sua identità e della sua storia. Lorenzi percorre così la lunga scalinata, gli spazi del piano superiore e lascia segni che, uniti insieme, raccontano frammenti di vita attraverso una simbologia da favola metropolitana, specchio di una donna che si scopre consapevole del potere che il suo fascino riesce ad esercitare sugli altri, ma consapevole anche di riuscire a ironizzare sullo stesso, prendendosi, a volte, gioco di sé. E ci affascina appunto con una scarpetta che non è più di puro e trasparente cristallo, ma è trasformata in un provocante décolletée, forgiato con acuminati chiodini e appoggiato su uno strascico che sembra distrattamente fatto cadere durante una fuga. La scarpa assume ancora più la valenza feticista fino a diventare così esagerata da trasformarsi in caricatura, affermando quanto il complicato ruolo della seduzione ha parti tanto sicure quanto pericolose. E’ qui che Cenerentola comincia a rivelarsi attraverso un'impronta, un segno di innocenza trasformata, cresciuta, oramai non più inibita. Cenerentola passa di fianco ad una corona, copricapo principesco, bellissima e pericolosa tanto quanto la scarpina, con un diadema che richiama le rappresentazioni degli ex-voto, quando il cuore significa dedizione totale e indiscussa. Il cuore è quello donato, con anima e corpo al proprio principe azzurro, che si ritrova moltiplicato nella varietà di ritratti che l’artista ha composto in un'ideale galleria che raccoglie i volti degli uomini della sua vita, amici e amanti, raffigurati con una minuziosa pulizia stilistica che necessita del disegno per rivelarsi come tale.La rappresentazione della fisionomia è precisa, tanto quanto il ricordo di loro nella mente di Michela; tutti possiedono uno sguardo che scava nella memoria, per trovare una parte di passato prossimo o lontano che si manifesta sulla carta. Il ricordo è Cenerentola che rivive attraverso i loro occhi, non nella sua interezza di essere umano, ma in un gesto significativo, una postura, un particolare preciso del corpo o delle vesti. Ed ecco che lei si manifesta per l'ultima volta, richiamata da ogni suo principe, mostrando di nuovo le sue armi, il gioco delle parti attraverso frammenti, accessori di sé, maschere e porzioni di corpo, per trasformarsi in idea di seduzione, in soffio di leggero erotismo. Cenerentola-Michela è riuscita così ad entrare a palazzo, affascinare i suoi abitanti, a raccontare la sua favola come ha voluto e fin dove ha voluto, lasciando aperti altri infiniti scenari fantastici."

Michela Lorenzi
nasce a Pavullo nel Frignano nel 1975. Diplomata in Pittura all'Accademia di Belle Arti di Bologna, frequenta l’Hochschule der Kunste di Berlino. Partecipa a numerose mostre collettive tra cui, 2000, "Triangolazioni", Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia, Chiesa della Maddalena, Bergamo, Palazzina dei Giardini, Modena; 2003, "Odun", Galleria Arte e Arte di Bologna, 2004, "Premio Lissone", Galleria Civica, Lissone (MI); "Scope-New /York, H. Gansevoort, Room 36, Galleria Estro, NewYork; 2005 "I just don't know what to do with myself", Galleria Marella Arte Contemporanea, Milano. Tra le mostre personali: 1997 "Barbie Plegine", Les Bistrot de Venise, Venezia; 1999 "Passaggi 2000", Galleria Civica, Modena; "Operazione Sottoveste", ex-AMCM, Modena; 2004 "Qualcosa di personale", Galleria D406, Modena.

 

Area Progetto è uno spazio che dal 2005 la Galleria Civica di Modena, in collaborazione con l'Ufficio Giovani d'Arte del Comune di Modena, dedica agli artisti under 35 del suo territorio. I giovani sono invitati a esporre un'opera progettata appositamente per porsi in relazione con gli spazi architettonici di Palazzo Santa Margherita, nella zona dello scalone principale. Al loro lavoro la Galleria Civica dedica un pieghevole a colori con immagini e testo critico. L'iniziativa è curata da Ornella Corradini per l'Ufficio Giovani d'Arte, da Silvia Ferrari e Serena Goldoni per la Galleria Civica di Modena e ha ospitato fino ad ora gli interventi di Rocco Bizzarri, Michela Lorenzi, Laura Serri, Davide Bertocchi, Claudia Collina, Leonardo Greco, Chiara Tagliazucchi, Fabio Bonetti, Matteo Serri, Franco Hüller, Laura Renna, Chiara Forti, Simone Fazio, Elena Ascari e Fausto Corsini.


MICHELA LORENZI
Cinderella and the very last gentlemen
7 dicembre 2005 – 8 gennaio 2006
Galleria Civica, corso Canalgrande 103, Modena

Tipo di evento Mostra
Periodo 07/12/2005 al
08/01/2006
Sede Palazzo Santa Margherita
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal
Azioni sul documento