Cesare Peverelli. Opere 1950 - 1987

Palazzina dei Giardini dal 27 gennaio al 3 marzo 2002

CESARE PEVERELLI. Opere 1950 - 1987

Si inaugura domenica 27 gennaio alle ore 11 presso la Palazzina dei Giardini la mostra antologica di Cesare Peverelli, organizzata dalla Galleria Civica di Modena.

La mostra, composta da oltre trenta tele che seguono per intero il percorso dell'artista, dagli avvii alla scomparsa, avvenuta a Parigi nel 2000, rappresenta un importante punto di approfondimento sugli aspetti della cultura pittorica italiana del dopoguerra.

Nato a Milano nel 1922, Peverelli è stato infatti protagonista del neocubismo e della prima stagione dell'informale italiano, in particolare della declinazione "spazialista" che ha avuto nel capoluogo lombardo e nella figura di Fontana i suoi centri propulsori.

Trasferitosi in Francia nel 1957, Peverelli ha continuato la sua ricerca, ampliando il raggio degli interessi soprattutto in direzione del surrealismo, stringendo legami importanti con personaggi come Max Ernst, André Masson, Sebastian Matta, e contando tra i suoi estimatori letterati come Michel Butor, Jean Laude, Edouard Glissant, Georges Limbour, Italo Calvino, che all'artista hanno dedicato pagine straordinarie. La sala personale dedicatagli dalla Biennale di Venezia nel 1960, con il ciclo La Demeure, rappresenta la consacrazione internazionale dell'artista.

I decenni successivi si caratterizzano per una sempre più accentuata visionarietà e per un confronto sempre più serrato con la cultura pittorica del passato: da qui la scelta di lavorare su teleri di complessa concezione e di vasta dimensione, sia nella misura del d'après, come testimonia in mostra il formidabile Omaggio a Isabey, sia in quella dell'elaborazione originale, culminante nella vasta composizione L'atelier de l'artiste esposta nel 1976 in una personale al Musée d'art moderne de la ville de Paris e presente a Modena.

Pittore di iconografie, dalla cultura complessa e analitica, Peverelli è da tutti considerato un "pittore filosofo", in cerca non della grazia del vedere quanto dell'intensità emotiva e intellettuale.

La mostra, curata da Flaminio Gualdoni, è accompagnata da un catalogo edito da Silvana Editoriale, contenente la riproduzione a colori di tutte le opere esposte, una completa ricostruzione bio-bibliografica della vicenda dell'artista, e una larga scelta di testi di e su Peverelli.

Mostra: Cesare Peverelli. Opere 1950-1987
A cura di: Flaminio Gualdoni
Sede: Palazzina dei Giardini, Corso Canalgrande, Modena
Inaugurazione: domenica 27 gennaio, ore 11
Periodo: dal 27 gennaio al 3 marzo 2002
Orari: 10/13 - 15/18, chiuso il lunedì
Ingresso: Intero Euro 3,00; Ridotto Euro 1,50; gratuito minori 18 e maggiori 60 anni
Catalogo: Silvana editoriale

Visita guidata alla mostra

Sabato 23 febbraio alle 16, presso la Palazzina dei Giardini in c.so Canalgrande, a Modena, per il ciclo "Il sabato in Galleria" si terrà una visita guidata alla mostra Cesare Peverelli. Opere 1950-1987.

Tenuta da Daniele Astrologo, la visita permetterà di riscoprire e approfondire l'opera di Peverelli cui l'antologica organizzata dalla Galleria Civica e curata da Flaminio Gualdoni offre un vero e proprio omaggio.

Il percorso conta circa una trentina di tele, per un viaggio a ritroso nel tempo, dagli esordi alla scomparsa avvenuta a Parigi nel 2000. Fra i protagonisti della cultura pittorica italiana del Dopoguerra, Peverelli ha stretto legami importanti con personaggi come Max Ernst, André Masson, Sebastian Matta, e conta tra i suoi estimatori letterati come Michel Butor, Jean Laude, Edouard Glissant, Georges Limbour, Italo Calvino, che all'artista hanno dedicato pagine straordinarie.

Per partecipare alla visita non è necessaria la prenotazione: è sufficiente presentarsi in sede di mostra poco prima dell'inizio.

Informazioni e richiesta immagini:

UFFICIO STAMPA GALLERIA CIVICA
tel 059/206883-fax 059/206932
galcivmo@comune.modena.it

Tipo di evento Mostra
Periodo 27/01/2002 al
03/03/2002
Sede PALAZZINA DEI GIARDINI
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal
Azioni sul documento