Ugo Rondinone

Giorni Felici 15 settembre 2006 – 7 gennaio 2007 Palazzo Santa Margherita, Sala Grande e Sale Nuove

Dopo aver partecipato alla collettiva “EGOmania”, Ugo Rondinone torna alla Galleria Civica di Modena con una personale intitolata “Ugo Rondinone. Giorni Felici”, curata da Milovan Farronato in collaborazione con Angela Vettese.
La mostra, organizzata e prodotta dalla Galleria Civica di Modena e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, presenta una serie di lavori inediti – alcuni dei quali pensati appositamente per questa mostra — ed è la prima grande rassegna in Italia dell’autore svizzero, dal vasto curriculum internazionale.

La personale, ospitata nella Sala Grande e nelle Sale Nuove di Palazzo Santa Margherita, sarà inaugurata sabato 16 settembre 2006 alle ore 12 nell’ambito del festivalfilosofia, dedicato quest’anno al tema dell’Umanità, in programma a Modena, Carpi e Sassuolo il 15, 16,17 settembre 2006 (www.festivalfilosofia.it).
Ugo Rondinone è stato definito un artista visionario intrappolato nella realtà. La sua poetica infatti, che fa uso di stili e tecniche che contemplano la fotografia e la scultura, la pittura e altri mezzi attraverso un’articolata produzione in cui stili e tecniche sono volutamente combinati fra loro, ci permette di entrare in un suo mondo interiore, dominato da melanconia e rassegnazione, noi stessi siamo accompagnati dalle opere in un percorso analogo di analisi interiore.
Metaforicamente, ogni sua mostra si dipana come un corridoio su cui si affacciano varie porte che conducono ad altrettante stanze e ad altrettanti ingressi, dove si incontrano emozioni e stati d’animo differenti: dall’armonia allo sconforto, alla sensazione di essere vittima di continue metamorfosi Tra i suoi paesaggi, i suoi clown abbandonati per terra, i suoi alberi tridimensionali bianchi, le sue colonne sonore minimali, il visitatore può sentirsi come disorientato e perso in un labirinto mentale.
Lo stesso che l’artista tratteggia, per esempio, nei suoi enormi dipinti in bianco e nero di foreste portate al di fuori del tempo o definisce attraverso articolate strutture in plexiglas.
Rondinone è come un viaggiatore capace di trattenere a sé e riportare agli altri le proprie memorie; che si tratti di un fitto groviglio di rami e fogliame o di una distesa infinita di acque calme, egli mostra sempre un senso di arrendevolezza di fronte alla vita, alla sua grandezza, alla responsabilità che ci impone l’essere uomini. Nessuna sfida in questo modo di intendere l’esistenza, ma piuttosto un’accettazione del nostro destino sia dolce che malinconica.

Ogni suo lavoro sembra corrispondere a un haiku, un breve componimento giapponese dalla struttura aperta che definisce in poche parole la natura o un atto quotidiano semplicissimo. “Una pioggia di catene”, “una nevicata di carta”, “una serie di linee dell’orizzonte” sono al contempo sintetiche indicazioni di materiali impiegati o descrizioni esaustive di alcuni suoi interventi.

Alla Galleria Civica di Modena lo spettatore sarà sospinto tra poderose pareti oblique specchianti variamente istoriate dall’artista con tenui disegni; dovrà fronteggiare muraglie spigolose e aggressive che forse nascondono nel loro interno immagini e rivelazioni o forse intendono dare forma al vuoto.
Dovrà seguire attraverso oltre trecento fotografie in bianco e nero con accompagnamento sonoro una ricerca sentimentale che sembra naufragare: due figure infatti si rincorrono e si cercano in uno scenario ovattato dalla neve senza mai trovarsi, percorrendo costantemente direzioni opposte.
Lo spettatore si imbatterà infine nella ripetizione ossessiva di uno stesso elemento appeso al soffitto a disegnare improbabili festoni e nel mistero di un fumo azzurro e trasognato.
Accompagnerà la mostra una pubblicazione studiata appositamente dall’artista.

Inaugurazione

: 16 settembre 2006, ore 12

Preview per la stampa: 14 settembre, ore 11,30
Organizzazione e Produzione:
Galleria Civica di Modena e Fondazione Cassa di Risparmio di Modena
Cura:

Milovan Farronato in collaborazione con Angela Vettese

Sedi:Sala Grande e Sale Nuove, Palazzo Santa Margherita, c.so Canalgrande 103, Modena
Periodo:
15 settembre 2006 – 7 gennaio 2007
Orari:
da martedì a venerdì 10,30-13,00; 15,00-18,00

sabato, domenica e festivi 10,30-18,00

chiuso il lunedì

15,16 e 17 settembre, in occasione del festivalfilosofia 2006,

apertura dalle 10,00 alle 23,00

Festività: 1 novembre, 8 dicembre e 6 gennaio, 10,30-18,00

25, 26 dicembre, 1 gennaio, 15,00-18,00

Ingresso:

libero

 

Ufficio Stampa Studio Pesci: Bologna, www.studiopesci.it, info@studiopesci.it

, Tel. + 39 051 26 92 67

Ufficio Stampa Galleria Civica: Tel. +39 059 2032883 galcivmo@comune.modena.it

 

Info:

Galleria Civica di Modena, c.so Canalgrande 103, 41100 Modena,

tel. +39 059 2032911, 2032940, fax 2032932

Con il patrocinio di: Istituto Svizzero di Roma 

 

Con il contributo di: Fondazione Svizzera per la Cultura 

Catalogo

UGO RONDINONE. GIORNI FELICI
Tipo di evento Mostra
Periodo 15/09/2006 al
07/01/2007
Sede Palazzo Santa Margherita
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal
Azioni sul documento