Sguardi da nord. Reflecting with Images

Palazzina dei Giardini e Palazzo Santa Margherita 27 gennaio - 6 maggio 2007

La relazione fra l'uomo e l'ambiente che lo circonda è il tema portante della mostra Sguardi da nord. Reflecting with Images che inaugura il 27 gennaio 2007 alle 12 e si protrarrà fino al 6 maggio 2007.
A cura di Filippo Maggia, organizzata e prodotta dalla Galleria Civica di Modena e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, si svolgerà nelle due sedi espositive della Galleria Civica di Modena: Palazzo Santa Margherita e Palazzina dei Giardini
Natura e ambienti domestici vengono visti dal nord dell'Europa sino al nord dell'Italia: la rassegna comprende infatti le ricerche di alcuni artisti oggi fra i più interessanti a livello internazionale: Salla Tykkä (Helsinki, 1973), Elina Brotherus (Helsinki, 1972), Annika von Hausswolff (Gothenburg, 1967), Walker and Walker (Dublin, 1962), Sarah Jones (London, 1959), Walter Niedermayr (Bolzano, 1952).

Il curatore ha chiamato ad intervenire nel progetto alcuni artisti della generazione più recente, giovani ma in molti casi già di notevole notorietà internazionale. Il loro modo di guardare il mondo è accomunato da una falsa freddezza, che nasconde un profondo coinvolgimento con la sfera emotiva. La figura umana è sempre centrale nei lavori esposti, ed è sempre protagonista dell'opera anche quando appare collocata come in un dipinto, persa nel paesaggio oppure tratteggiata all'interno di una casa: affiora dalla nebbia oppure volge le spalle seduta a un tavolo, guarda assente senza in realtà vedere nulla, o dialoga silenziosamente con se stessa seduta sulle sponde di un lago. La sua condizione, il suo manifestarsi, o la sua improvvisa sparizione esprimono alle volte melanconia, disagio, ma anche una cosciente rassegnazione che non vuol dire perdita o sconfitta, bensì bisogno di libertà, di rivincita.

Le immagini, in forma di fotografie, video o film, inducono lo spettatore a farsi avanti, a partecipare tentando di immedesimarsi nel soggetto e nella sua solitudine, di capirne e svelarne le paure, le gioie, il rapporto che questi ha con il mondo, con ciò che tocca, che vede, per capire innanzitutto chi abita dentro di lui.

Sfondo comune a molti dei lavori esposti è la natura, qui intesa non più come campo esperienziale nè come classico paesaggio, quanto come luogo ove lasciare emergere tutto ciò che sovente è sottomesso alla ragione: scenografia passiva eppure indispensabile, mai casuale nè intercambiabile. Come del resto sono tutte le altre ambientazioni pensate e organizzate dagli artisti in mostra.
La figura umana, alle volte minuscola, altre volte ossessiva, domina il campo evocando nello spettatore le medesime emozioni che l'artista ha voluto esprimere.

Così avviene infatti assistendo al viaggio del solitario protagonista del film dei Walkers, che, al crepuscolo, vede un altro se stesso avvicinarsi alla sponda del lago da cui è appena partito, avvolto da una sorta di inquietudine schnitzleriana.
Una certa preoccupazione - in questo caso lucida e ragionata - suscitano le adolescenti che posano nelle fotografie di Sarah Jones, chiamate a interrogarci su ciò che presumiamo conoscere del loro mondo.
Ancora la casa, il luogo a noi più familiare, diventa una palestra per Annika von Hausswolff che con determinata e solo apparente freddezza analizza il rapporto fisico che l'uomo ha con essa, liberando in ogni sua fotografia emozioni forti. Casa che anche nei film di Salla Tikkä può divenire un luogo misterioso, o di scoperte inattese, come nella trilogia che l'ha resa internazionalmente celebre composta da Thriller, Lasso e Cave. Di lei viene proposto, in anteprima per l'Italia, il nuovo film Zoo, insieme a una serie anch'essa inedita di fotografie dal titolo Distance, ove chiaro e limpido torna il rapporto con la natura. Quest'ultimo tema viene affrontato con grande coinvolgimento anche dall'altra artista finlandese in mostra, Elina Brotherus. La Brotherus, attrice protagonista di tutti i suoi lavori, ci appare sovente da un lato persa nello scoprire se stessa attraverso l'intimità del mondo che la circonda, dall'altro incline a collocare l'uomo nel paesaggio per studiarlo, analizzarlo. Pratica questa condotta in modo esemplare anche da Walter Niedermayr, nei video come nelle fotografie che indagano il difficile rapporto fra uomo e natura, restituendo a quest'ultima un primato in realtà mai perduto nè discusso, ma che anzi riconduce la presunzione umana a un normale dialogo con essa e con i suoi lunghi e profondi silenzi.

Le immagini, che mai come in questa epoca dipingono il mondo, qui lo raccontano traducendo in colori la sua anima contemporanea, senza tralasciare nulla poichè per la loro stessa natura non solo riproducono ma riflettono, costringendo l'uomo ad avere infine piena consapevolezza di sè e della realtà sempre cangiante intorno a lui.

La mostra è accompagnata da un catalogo curata da Filippo Maggia e Silvia Ferrari pubblicato da Silvana Editoriale: la pubblicazione, di 168 pagine, è biligue (italiano/inglese) e raccoglie la riproduzione a colori di tutte le opere presenti in mostra, oltre a contenere un saggio del curatore Filippo Maggia.

Note biografiche

Salla Tykkä
Nata a Helsinki (Finlandia) nel 1973 dove attualmente vive e lavora, si esprime attraverso diverse tecniche: fotografia, video e film. Dopo aver presentato la sua prima personale nel 1997 all'Accademia di Belle Arti di Helsinki, ha poi esposto in gallerie e musei in Europa e oltreoceano, fra cui la Kunsthalle di Berna (2002), il Museo d'Arte Contemporanea di Helsinki (2002), la Galleria Yvon Lambert di Parigi (2002) , l'istituto di Arti Visive di Milwakee (2003) e lo SMAK di Gent (2006). Numerose poi le partecipazioni a collettive, come Girls don't cry, Parco Museum di Tokyo (2003), Transparente, MAXXI, Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo a Roma (2003). Inoltre ha partecipato ad importanti festival cinematografici internazionali come: Tribeca Film Festival di New York (2003), Locarno Film Festival (2002), Festival Internacional de Cine Documental y Cortometraje de Bilbao (2002).

Elina Brotherus
Nata a Helsinki (Finlandia) nel 1972 vive e lavora tra Helsinki e Parigi. Le sue fotografie sono sovente riferite a se stessa e alla propria esperienza: si tratta di lavori che combinano l'autoritratto alla rappresentazione del paesaggio, due elementi che si riflettono l'uno nell'altro, quasi a caricarsi vicendevolmente di nuovi significati. Fra le mostre personali più importanti citiamo: The Wapping Project, Londra (2001 e 2004), Photo España ai Giardini Botanici di Madrid (2002), Contemporary Art Centre Tinglado, Tarragona (2005), The New Painting, mostra itinerante partita da The Finnish Museum of Photography, Helsinki (2006). Ha partecipato a diverse collettive fra le quali la Biennale di Istanbul (1999), NordenNorth, Kunsthalle di Vienna (2000), CitigroupPhotography Prize presso The Photographers' Gallery, Londra (2002), Transparente al MAXXI, Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, Roma (2003), Self-Timer, Kunsthalle Fridericanum, Kassel (2005), Biennale di Sidney (2006).

Annika von Hausswolff
Nata in Svezia nel 1967, ha studiato all'Academy of Photograpy e all'University College of Art, Crafts and Design a Stoccolma nei primi anni Novanta. Da allora ha cominciato a esporre in tutto il mondo e ha rappresentato la Svezia alle Biennali di San Paolo nel 1996 e di Venezia nel 1999. Con la staged photography (la tecnica fotografica dove le immagini sono preventivamente organizzate e curate nei dettagli all'interno di set veri e propri) l'artista nel corso degli ultimi anni ha anche sperimentato l'installazione di fotografie in ambientazioni tridimensionali. Recentemente si è trasferita a Gothenburg, in Svezia, dopo aver vissuto e lavorato quattro anni a Berlino.
Annika von Hausswolff lavora con la Galleria Andréhn-Schiptjenko di Stoccolma e la Galleria Casey Kaplan a New York.

Walker and Walker
I gemelli Joe e Pat Walker, nati nel 1962 a Dublino dove vivono e lavorano, iniziano a collaborare nel 1989 come Walker and Walker. Nel 2005 hanno co-rappresentato l'Irlanda alla Cinquantunesima Biennale di Venezia con un'istallazione video dal titolo Nightfall. Fra le collettive più recenti si ricordano Presence alla Gimpel Fils Gallery di Londra (2005), Time's Arrow alla Rotunda Gallery di New York (2005), Red, White, Blue alla Spencer Brownstone Gallery di New York (2005), How Things Turn Out all'Irish Museum of Modern Art di Dublino (2002), Are We There Yet? alla Glassbox di Parigi (2001), Propositions alla Locks Gallery di Philadelphia (2000), Utopias alla Douglas Hyde Gallery di Dublino (1999), Dublin and (In)Consistency alla Arthur R. Rose Gallery di Londra (1999). Tra le personali citiamo quelle al RHA Gallery di Dublino (2005), Floating IP di Manchester e Temple Bar Gallery di Dublino (2003). Hanno ricevuto riconoscimenti e premi dall'Arts Council of Ireland e figurano nella collezione d'arte The Arts Council of Northern Ireland. Recentemente hanno prodotto un catalogo antologico dal titolo Until Now.

Sarah Jones
Nata a Londra nel 1959 dove vive e lavora, Sarah Jones realizza fotografie di grande formato, a colori, prestando grande cura ai set fotografici. La sua tecnica fotografica accentua la relazione tra i soggetti a grandezza naturale - spazi domestici e persone, spesso ragazze adolescenti - e lo spettatore. Vincitrice nel corso della sua carriera di numerosi premi e riconoscimenti internazionali, ha preso parte a numerose collettive fra cui quella al Centro Internazionale d'Arte Contemporanea di Grenoble (1997), The New Neurotic Realisme alla Saatchi Gallery di Londra (1998), Terza Biennale Fotografica Internazionale di Tokyo al Metropolitan Museum of Photography di Tokyo (1999), Quotidiana, Castello di Rivoli di Torino (2000), Art of The Garden alla Tate Britain di Londra (2004). Tra le personali citiamo le principali a Le Consortium di Dijon (1997 e 2000), Museo Reìna Sofìa di Madrid (1999), Maureeen Paley Interim Art di Londra (2002).

Walter Niedermayr
Nato a Bolzano nel 1952, si occupa dagli inizi degli anni Ottanta di vari progetti: paesaggi alpini, artefatti, edifici grezzi, spazi consequenziali e Bildraum. Un elemento tipico e fondamentale del suo lavoro è il principio compositivo delle sequenze di fotografie e le discontinuità nell'immagine.
Ha partecipato a numerose ed importanti collettive in Europa, negli Stati Uniti e in Giappone, fra queste Morceaux Choises al Centro Nazionale d'Arte Contemporanea di Grenoble (1995), al Museo d'Arte Contemporanea di Tokyo (1999), Luoghi come paesaggi alla Galleria degli Uffizi a Firenze (2000), L'idea di paesaggio nella fotografia italiana dal 1850 ad oggi, Modena per la fotografia, alla Galleria Civica di Modena (2003), Public Record al Museo d'Arte Contemporanea di Los Angeles (2004).
Ha allestito personali in prestigiose gallerie e musei di tutto il mondo fra cui quelle alla White Cube di Londra (1998), alla Galleria Koyanagi di Tokyo (2000), alla Galleria Nordenhake di Berlino/Stoccolma (2001), al Kunstverein di Hannover (2003) e alla Kunsthalle di Vienna (2003), alla Galleria Suzy Shammah di Milano (2005) e alla Galleria Robert Miller di New York (2006).

Tipo di evento Mostra
Periodo 27/01/2007 al
06/05/2007
Sede PALAZZINA DEI GIARDINI
Note

Inaugurazione: sabato 27 gennaio 2007, ore 12
Preview per la stampa: 26 gennaio 2007, ore 11,30
Organizzazione e Produzione: Galleria Civica di Modena e Fondazione Cassa di Risparmio di Modena
Cura: Filippo Maggia
Sedi: Galleria Civica di Modena - Palazzo Santa Margherita, c.so Canalgrande 103
Galleria Civica di Modena - Palazzina dei Giardini, c.so Canalgrande
Periodo: 27 gennaio - 6 maggio 2007
Orari: mar-ven dalle 10,30 alle 13,00 e dalle 15,30 alle 18,30
sabato, domenica e festivi, 9 e 25 aprile, 1 maggio, 10,30-18,30
chiuso il lunedì
Ingresso: libero
Catalogo: Silvana Editoriale "Northern Lights. Reflecting with Images", a cura di Filippo Maggia e Silvia Ferrari, 168 pp. a colori, bilingue (ita/ing), testo di Filippo Maggia; prezzo al pubblico in sede di mostra 18 euro
Ufficio Stampa Studio Pesci: Bologna, www.studiopesci.it, info@studiopesci.it, Tel. + 39 051 26 92 67
Ufficio Stampa Galleria Civica: Tel. +39 059 2032883 galcivmo@comune.modena.it
Info: Galleria Civica di Modena, c.so Canalgrande 103, 41100 Modena,
tel. +39 059 2032911, 2032940, fax 2032932

Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal
Azioni sul documento