Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / MakeitModena / Progetti
MakeitModena

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Progetti

Makeitmodena propone diversi progetti in ambito ICT caratterizzati dalla scelta dell'uso dell'Open source (Linux e software open) e dalla promozione e diffusione dell'uso creativo delle risorse digitali.

Alcuni dei progetti in partenza sono:

Code it, make it!, le tecnologie digitali nella didattica

La semplicità d’uso dei moderni device (tablet, smartphone) e delle tantissime APP rischia di appiattire le enormi potenzialità creative del digitale banalizzandole e omologandole ad un uso scontato e ripetitivo.

La programmazione (coding) invece sviluppa il pensiero computazionale, insegna a trovare soluzioni creative ai problemi, un modo di affrontare le cose che può essere applicato a tutti gli aspetti del conoscere, a tutte le materie, non solo a quelle tecniche o matematiche.

Code it, make it! è un progetto per l’uso delle tecnologie digitali in classe in maniera creativa, applicandole a ogni ambito curricolare: tecnico, artistico, culturale.

Il progetto si sviluppa per step nel corso di due anni con progetti progressivamente più complessi che conducano gli studenti, e i docenti, a sviluppare competenze e conoscenze in progetti interdisciplinari.

Gli interventi prevedono non solo la presenza di esperti di programmazione e in particolare di Scratch, ma anche interventi di esperti per la scrittura creativa, il sistema del gioco e la grafica.


Sicurezza e vulnerabilità - HackTeam

Il backup, questo sconosciuto - Cronaca di un disastro annunciato con Massimiliano Rosi

Odoo, un ERP OpenSource con Massimiliano Rosi e Luca Zomparelli

 

Cortometraggio

sceneggiatura, regia, recitazione e musiche tutto per la realizzazione del video con programmi Open source

 

OfficeBox

una suite di produttività Open per le aziende


CoderDojo

CoderDojo è un progetto no-profit internazionale nato in Irlanda nel 2011 con lo scopo di avvicinare bambini e ragazzi alla programmazione attraverso la realizzazione di incontri di  programmazione gratuiti. Il nome deriva dall’unione delle parole coder, cioè programmatore, e dojo, la palestra giapponese in cui si praticano e apprendono le arti marziali.

Nei CoderDojo si utilizza Scratch, un linguaggio di programmazione a oggetti in ambiente grafico messo a punto dal M.I.T., Scratch è open source.