Chi siamo

MEMO

( Multicentro Educativo Modena "Sergio Neri" )

è una struttura del Settore Istruzione del Comune di Modena, riconosciuto dalla Regione Emilia Romagna come Centro di Servizio e Consulenza per le istituzioni scolastiche, ai sensi dell'art. 22 della legge regionale 12/2003.

 

Nasce nel 2004 dalla fusione di diversi servizi dell'Assessorato all'Istruzione: il Centro Documentazione Educativa, il Centro Documentazione Handicap, la Biblioteca pedagogica, Itinerari Scuola-città, il centro Interculturale/Educazione degli adulti. L'unione di queste attività fa sì che Memo si caratterizzi per un articolato sistema integrato di servizi a supporto delle istituzioni scolastiche territoriali che operano nella fascia di età 0-18 anni, con particolare riferimento a:

 

FORMAZIONE E CONSULENZA

per insegnanti, educatori e genitori

 

ITINERARI SCUOLA - CITTA'

rivolti ad alunni/studenti

 

DOCUMENTAZIONE E DIFFUSIONE

di esperienze, pratiche e progetti innovativi

 

INFORMAZIONE

sulle attività e sui servizi del Centro e sulle attività più rilevanti nel territorio in materia di scuola ed educazione.

 

PROGETTAZIONE E RICERCA

 

ACCESSO AI MATERIALI PRESENTI NELLA BIBLIOTECA SPECIALIZZATA:

monografie; riviste, cataloghi di esperienze, ausili didattici.

 

SPORTELLO di consulenza specifico per l'EDUCAZIONE MUSICALE

 

Nell'ambito dei servizi di consulenza e di supporto, si occupa prevalentemente di INTERCULTURA, di DISABILITA' di ORIENTAMENTO-DISPERSIONE, di ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO e di NUOVE TECNOLOGIE.

 

Memo collabora con diversi enti del territorio, tra cui Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Bologna, Fondazione San Filippo Neri, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e diversi altri

 

Memo è accreditato dal Miur per la formazione del personale scolastico, ai sensi della Direttiva Ministeriale n.170/2016

per saperne di più

La storia e i servizi di Memo nella pubblicazione Memo compie 10 anni realizzata nel 2014. I pannelli illustrativi dei servizi e gli approfondimenti di chi ha vissuto in prima persona la nascita del Centro.