salta messaggio browser standard
Se leggete questo messaggio probabilmente non state usando un browser standard. Questo sito è accessibile da tutti i browser e gli user agent, ma il design e alcune funzionalità minori dell'interfaccia sono visibili solo con i browser che rispettano gli standard definiti dal W3C . Per maggiori informazioni consulta le pagine sugli Standard del Comune di Modena
Immagine decorativa
 
Museo Civico Archeologico Etnologico di Modena
inizio menù di ritorno a monet - rete civica comune di modena
 Logo Monet

Le urne dei forti

fine del menù di ritorno a monet - rete civica comune di modena

foto sala archeologico Il Museo Civico Archeologico Etnologico espone una ricca documentazione relativa allo sviluppo storico e alle dinamiche di popolamento della città e del territorio modenese dalla preistoria al medioevo. La nascita del museo, nel 1871, si ricollega all'intenso dibattito culturale e politico sul tema delle ricerche preistoriche e dell'istituzione dei musei civici come luoghi deputati alla conservazione dell'identità cittadina nello scenario di profondo cambiamento degli anni immediatamente post-unitari. Anche la sezione etnologica, con i suoi reperti di provenienze extraeuropea, si riallaccia strettamente alla genesi del Museo Civico e all'affermarsi delle teorie antropologiche comparative, che ampio contributo hanno dato alla nascente disciplina della paletnologia. L'origine ottocentesca del Museo è stata valorizzata nel 1990 con un progetto di riallestimento che, mantenendo sostanzialmente intatti gli arredi del XIX secolo, ha visto il recupero di un'eccezionale testimonianza museografica.
Il percorso espositivo è in continuità con quello del Museo Civico d'Arte.


NEWS
METTI LA PRIMAVERA IN MUSEO. Incontri fra arte e archeologia
SABATO 28 MARZO, ore 11
Visita guidata alla mostra “Le urne dei forti. Storie di vita e morte in una comunità dell’età del bronzo”
con la curatrice Cristiana Zanasi, Museo Civico Archeologico Etnologico. Prenotazione obbligatoria tel. 059 2033125.
Un percorso fra ricostruzioni, filmati evocativi e reperti che illustrano i risultati di una pluriennale ricerca sulla necropoli della Terramara di Casinalbo che ha restituito quasi 700 urne e svelato aspetti inediti della vita e della morte di una delle comunità che popolavano la pianura padana oltre 3000 fa.
DOMENICA 29 MARZO, ore 17
“Il pane e i suoi derivati nella cucina contadina” Conferenza di Sandro Bellei, scrittore e giornalista. A ricette, utensili di cucina, alimentazione, notizie e curiosità storiche sui cibi a base di cereali che fanno parte della tradizione gastronomica modenense è dedicata la conferenza del noto gourmet ed esperto di cucina Sandro Bellei che da diversi anni si interessa di antropologia gastronomica e tradizioni locali. L’iniziativa è collegata al progetto “Pane a Villa Sorra. Percorso partecipato dalla semina alla tavola”.
Partecipazione libera e gratuita.
Per saperne di piu'

LE URNE DEI FORTI
STORIE DI VITA E DI MORTE IN UNA COMUNITA' DELL'ETA' DEL BRONZO
Museo Civico Archeologico Etnologico, Palazzo dei Musei
fino al 7 giugno 2015

La mostra presenta i risultati di una ricerca pluriennale condotta sulla necropoli dell’età del bronzo di Casinalbo (MO). Il sepolcreto fu individuato alla fine dall’800 a circa 200 metri da uno di quegli abitati dell’età del bronzo, noti come “terramare”, che a partire dal 1650 a.C. occuparono in modo capillare la pianura padana centrale.
Nuovi scavi intrapresi dal Museo Archeologico in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna hanno indagato circa un quinto dell’estensione presunta dell’intera necropoli (pari a 12.000 mq), recuperando oltre 600 tombe costituite da pozzetti contenenti le urne cinerarie con i resti dei defunti.
Guarda il video

Per saperne di piu'

Nuove pubblicazioni in vendita
presso il bookshop del Palazzo dei Musei

Il volume scientifico "La necropoli della terramara di Casinalbo" di Andrea Cardarelli, € 90.
La guida "Le urne dei forti" a cura di Andrea Cardarelli e Cristiana Zanasi, € 9,50.


PANE A VILLA SORRA.
Percorso partecipato dalla semina alla tavola
Il progetto dei Musei Civici in collaborazione con l’associazione Per Villa Sorra, Slow Food e l'Istituto di Istruzione S. T. Agrarie “Spallanzani di Castelfranco Emilia, nasce in sintonia con il tema di Expo 2015 “Nutrire il Pianeta”. E' previsto un lungo cammino che dall'aratura, alla semina, alla mietitura porterà alla degustazione del pane fatto interamente in loco a partire da pratiche agricole di lotta integrata.
Villa Sorra, via Prati 50 - Gaggio di Castelfranco E.
Progetto inserito tra gli eventi di www.visit.modena.it - Sapori Cultura Motori - Anteprima EXPO.
www.villasorra.it

Per saperne di piu'


Largo Porta S. Agostino 337 - 41121 Modena (Italia)
tel +39 059 2033100 museo.archeologico@comune.modena.it