salta messaggio browser standard
Se leggete questo messaggio probabilmente non state usando un browser standard. Questo sito è accessibile da tutti i browser e gli user agent, ma il design e alcune funzionalità minori dell'interfaccia sono visibili solo con i browser che rispettano gli standard definiti dal W3C . Per maggiori informazioni consulta le pagine sugli Standard del Comune di Modena
Immagine decorativa
 
Museo Civico Archeologico Etnologico di Modena
inizio menù di ritorno a monet - rete civica comune di modena
 Logo Monet

  •  
fine del menù di ritorno a monet - rete civica comune di modena


foto sala archeologico Il Museo Civico Archeologico Etnologico espone una ricca documentazione relativa allo sviluppo storico e alle dinamiche di popolamento della città e del territorio modenese dalla preistoria al medioevo. La nascita del museo, nel 1871, si ricollega all'intenso dibattito culturale e politico sul tema delle ricerche preistoriche e dell'istituzione dei musei civici come luoghi deputati alla conservazione dell'identità cittadina nello scenario di profondo cambiamento degli anni immediatamente post-unitari. Anche la sezione etnologica, con i suoi reperti di provenienze extraeuropea, si riallaccia strettamente alla genesi del Museo Civico e all'affermarsi delle teorie antropologiche comparative, che ampio contributo hanno dato alla nascente disciplina della paletnologia. L'origine ottocentesca del Museo è stata valorizzata nel 1990 con un progetto di riallestimento che, mantenendo sostanzialmente intatti gli arredi del XIX secolo, ha visto il recupero di un'eccezionale testimonianza museografica.
Il percorso espositivo è in continuità con quello del Museo Civico d'Arte.


NEWS
METTI L’AUTUNNO IN MUSEO. Inediti percorsi tra arte e archeologia ai Musei Civici
Musei Civici, Salone dell'Archeologia
Sabato 29 novembre, ore 16.30
LA REGIA DI PIAZZA, UNA PORTA PER SAN GEMINIANO
Nel corso del XIII secolo, la cattedrale di San Geminiano ha subito un radicale rinnovamento, riflesso dei rivolgimenti politici, sociali ed urbanistici vissuti dalla città di Modena. Sonja Testi illustrerà come in un momento di forte cambiamento, segnato dalla ricerca di una nuova identità, la comunità modenese si sia stretta intorno al simbolo che più la identificava, da sempre, il suo patrono.
Domenica 30 novembre, ore 16.30
BARRIERE FRAGILI. CERAMICA E MENTALITÀ NEI MONASTERI FEMMINILI. TESTIMONIANZE DAL MONASTERO DI SAN PAOLO A MODENA
Gli scavi all’interno del monastero di San Paolo hanno messo in luce quasi un millennio di storia dell’isolato che ospita il complesso religioso. Mauro Librenti e Cecilia Moine, entrambi dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, guideranno il pubblico nell’interpretazione di testimonianze sulla vita all’interno degli istituti religiosi tra medioevo ed età moderna. Recita Lina Velardi
In occasione dell’incontro saranno esposte alcune ceramiche provenienti dal Monastero di San Paolo.
Seguirà aperitivo
INGRESSO GRATUITO
Per saperne di piu'

LE URNE DEI FORTI
Storie di vita e di morte in una comunità dell’età del Bronzo
14 dicembre 2014 - 7 giugno 2015
Museo Civico Archeologico Etnologico, Palazzo dei Musei

La mostra presenta i risultati di una ricerca pluriennale condotta sulla necropoli dell’età del bronzo di Casinalbo (MO). Il sepolcreto fu individuato alla fine dall’800 a circa 200 metri da uno di quegli abitati dell’età del bronzo, noti come “terramare”, che a partire dal 1650 a.C. occuparono in modo capillare la pianura padana centrale.
Nuovi scavi intrapresi dal Museo Archeologico in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna hanno indagato circa un quinto dell’estensione presunta dell’intera necropoli (pari a 12.000 mq), recuperando oltre 600 tombe costituite da pozzetti contenenti le urne cinerarie con i resti dei defunti.
Per saperne di piu'

GLI ESTE E LA GLORIA. Ambizioni e rinunce
12 settembre 2014 - 6 gennaio 2015
Modena - Musei Civici, Sala Boni
Quattro duchi che dal XVI al XIX secolo hanno visto nella gloria militare i più alti valori del governo: Alfonso I rappresenta la solidità dell’onore conquistato con le armi; Alfonso III rinuncia alla “gloria terrena”; Francesco III, cui tocca in sorte il tramonto del ducato, subisce l’onta postuma della distruzione del monumento equestre eretto in suo onore; Francesco IV d’Austria-Este governa con rigida impostazione militaresca. In mostra dipinti, disegni, stampe, sculture, libri a stampa e manoscritti, insieme ai simboli caratteristici del potere e della gloria quali scettri, armi e armature, uniformi.
Nell'ambito di "I MUSEI PER IL FESTIVAL".
Per saperne di piu'

IL PANE A VILLA SORRA
Percorso partecipato dalla semina alla tavola
Il progetto dei Musei Civici in collaborazione con l’associazione Per Villa Sorra, Slow Food e l'Istituto di Istruzione S. T. Agrarie “Spallanzani di Castelfranco Emilia, nasce in sintonia con il tema di Expo 2015 “Nutrire il Pianeta”. E' previsto un lungo cammino che dall'aratura, alla semina, alla mietitura porterà alla degustazione del pane fatto interamente in loco a partire da pratiche agricole di lotta integrata.
Villa Sorra, via Prati 50 - Gaggio di Castelfranco E.
www.villasorra.it

Per saperne di piu'

HEARTBEAT
In Museo batte il cuore del DESIGN
Un antico tessuto per una nuovissima linea di oggetti. Vieni a scoprirli in Museo!
La collezione Heartbeat, in vendita presso il Bookshop del Palazzo dei Musei, prende avvio dal concorso Nutrire l’arte, promosso da Promotion Expo e destinato alla realizzazione di oggetti di design ispirato alle opere d’arte.
Heartbeat propone una rilettura in chiave moderna di un’opera del passato, modernizzata nelle linee e nei materiali.
Firmata dallo studio Davide Montanaro di Milano e realizzato da IPlex Factory di Recanati, la collezione offre un’ampia gamma di oggetti accattivanti, da quelli indossabili a quelli di arredo, realizzati con materiali quali cartone, metallo, cristallo acrilico.


Largo Porta S. Agostino 337 - 41121 Modena (Italia)
tel +39 059 2033100 museo.archeologico@comune.modena.it