salta messaggio browser standard
Se leggete questo messaggio probabilmente non state usando un browser standard. Questo sito è accessibile da tutti i browser e gli user agent, ma il design e alcune funzionalità minori dell'interfaccia sono visibili solo con i browser che rispettano gli standard definiti dal W3C . Per maggiori informazioni consulta le pagine sugli Standard del Comune di Modena
Logo Museo d'Arte Immagine decorativa
 
Logo Museo d'Arte Museo Civico d'Arte di Modena
inizio menù di ritorno a monet - rete civica comune di modena
 Logo Monet

  •  
fine del menù di ritorno a monet - rete civica comune di modena



Elisabetta Sirani (Bologna, 1638-1665), Galatea. Olio su tela. Il Museo Civico d'Arte nasce nel 1962 a seguito della suddivisione dell'ottocentesco Museo Civico in due settori distinti: archeologico-etnologico e storico-artistico.
L'istituto, fondato dopo l'unità d'Italia, trae la sua vocazione primaria dall'essere luogo destinato alla conservazione delle "patrie memorie" e all'affermazione dell'identità civica. Le raccolte, frutto di generose donazioni private, di acquisti e di recuperi dal territorio, documentano aspetti della storia e della cultura modenese dal XII al XX secolo.
Il percorso espositivo è in continuità con quello del Museo Civico Archeologico Etnologico.

NEWS
31 GENNAIO ore 16.30 e 17.30
VISITE GUIDATE IN OCCASIONE DELLA FESTA DI SAN GEMINIANO
Il giorno di San Geminiano i Musei Civici propongono due visite gratuite a tema sulla figura di San Geminiano per ripercorrere aspetti noti e poco conosciuti della millenaria vitalità del suo culto.
I reperti e le opere d'arte che verranno prese in esame sono state selezionate con l'intento di proporre un percorso guidato che prende in considerazione le testimonianze del mondo tardo antico, la tradizione legata alla vita del Santo e il suo rapporto con la città e la devozione.
La visita ripercorre le tappe del legame secolare istituitosi tra il santo e la comunità cittadina e per l'occasione sarà esposto anche il sigillo della Comunità di Modena.
Ingresso gratuito senza prenotazione.
Per saperne di piu'
GRAZIOSI AROUND
Progetto vincitore della IV edizione del Concorso “Io Amo i Beni Culturali” promosso dall'Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna.
Si tratta di un progetto didattico promosso dall’Istituto d’arte “A. Venturi” e dal Museo Civico d’Arte, in collaborazione con la Scuola Alberghiera e di ristorazione di Serramazzoni, l’Istituto Agrario di Castelfranco Emilia, il Comune di Savignano sul Panaro e la Sezione modenese della FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta).
Il progetto si rivolge non soltanto ad un pubblico scolastico e giovanile ma ad un pubblico più vasto, in quanto propone la realizzazione di un itinerario alla scoperta delle opere dell'artista Giuseppe Graziosi presenti in città attraverso strumenti comunicativi crossmediali, che permettono cioè alle mappe cartacee di interagire con gli strumenti web.
Galleria di immagini

Per saperne di piu'
PANE A VILLA SORRA. Progetto partecipato dalla semina alla tavola
Martedi 3 Febbraio 2015 alle ore 20
Incontro pubblico di presentazione del progetto presso l'I.S.T.A. "L. Spallanzani", Aula Magna “Maurizio Boni” via Solimei 23, Castelfranco Emilia
Programma:
Francesca Piccinini, Direttrice Museo Civico di Modena: Presentazione del progetto
Loris Dalrio, docente dell'Istituto "Spallanzani”: Relazione sulla coltivazione del frumento.
A seguire:
Testimonianze degli studenti della classe 5° sulle attività nell’azienda agricola e
Degustazioni a cura della Sezione di Enogastronomia.
Prenotazione obbligatoria con contributo di € 8: prof. Loris Dalrio tel. 334 6757348 - dalrioloris@libero.it
www.villasorra.it

Per saperne di piu'
RIFLESSI NELLE SALE DEI MUSEI CIVICI
Gemme e cristalli tra storia, archeologia e collezionismo artistico
Musei Civici di Modena dal 24 gennaio al 29 marzo 2015
Ingresso gratuito

I Musei Civici di Modena e la Galleria Estense partecipano al progetto promosso dall’Università di Modena e Reggio Emilia “Cristalli a Raggi X” con un percorso per i visitatori dedicato ai “cristalli” dall’antichità all’Ottocento.
I marmi policromi che ornavano domus urbane e ville di campagna, stucchi e intonaci realizzati a imitazione dei preziosi marmi orientali e gemme rinvenute negli ultimi scavi archeologici, sono alcuni degli oggetti provenienti dalle vestigia della splendidissima Mutina, che a partire dal Medioevo vennero recuperati come emblema dell’antichità e della gloria cittadina. Tra i reperti di età medievale esposti in Museo spicca la preziosa croce di Frassinoro, databile attorno al 1071, tempestata di vetri colorati imitanti pietre preziose che testimonia l’abilità dell'artigianato locale e l'alto valore simbolico delle gemme.
Per saperne di piu'
BISOGNAVA ANDARE AVANTI a cento anni dalla Grande Guerra
Una risata ci salverà
Satira e caricatura a Modena negli anni della Grande Guerra
Modena, Musei Civici, Sala Boni; 7 marzo – 12 luglio 2015
La caricatura e la poesia satirica sono linguaggi in grado di esprimere in maniera efficace e accattivante, significati che vanno al di là della semplice immagine dei soggetti raffigurati o descritti, garantendo allo spettatore un coinvolgimento immediato e mai superficiale. Per questo, anche un evento catastrofico e di immensa portata come la Grande Guerra, che così profondamente ha segnato la storia dell'Europa e del mondo, riletto attraverso il filtro dell'ironia e l'opera dei letterati e artisti satirici del periodo, si presta a svelare sguardi inediti e ad aprire spunti di riflessione.
Nell'ambito delle iniziative "BISOGNAVA ANDARE AVANTI a cento anni dalla Grande Guerra".
Programma completo delle iniziative

Per saperne di piu'
HEARTBEAT
In Museo batte il cuore del DESIGN
Un antico tessuto per una nuovissima linea di oggetti. Vieni a scoprirli in Museo!
La collezione Heartbeat, in vendita presso il Bookshop del Palazzo dei Musei, prende avvio dal concorso Nutrire l’arte, promosso da Promotion Expo e destinato alla realizzazione di oggetti di design ispirato alle opere d’arte.
Heartbeat propone una rilettura in chiave moderna di un’opera del passato, modernizzata nelle linee e nei materiali.
Firmata dallo studio Davide Montanaro di Milano e realizzato da IPlex Factory di Recanati, la collezione offre un’ampia gamma di oggetti accattivanti, da quelli indossabili a quelli di arredo, realizzati con materiali quali cartone, metallo, cristallo acrilico.

Largo Porta S. Agostino 337 - 41121 Modena (Italia)
tel +39 059 2033100 museo.arte@comune.modena.it