salta messaggio browser standard
Se leggete questo messaggio probabilmente non state usando un browser standard. Questo sito è accessibile da tutti i browser e gli user agent, ma il design e alcune funzionalità minori dell'interfaccia sono visibili solo con i browser che rispettano gli standard definiti dal W3C . Per maggiori informazioni consulta le pagine sugli Standard del Comune di Modena
Logo Museo d'Arte Immagine decorativa
 
Logo Museo d'Arte Museo Civico d'Arte di Modena
inizio menù di ritorno a monet - rete civica comune di modena
 Logo Monet

  •  
fine del menù di ritorno a monet - rete civica comune di modena



Elisabetta Sirani (Bologna, 1638-1665), Galatea. Olio su tela. Il Museo Civico d'Arte nasce nel 1962 a seguito della suddivisione dell'ottocentesco Museo Civico in due settori distinti: archeologico-etnologico e storico-artistico.
L'istituto, fondato dopo l'unità d'Italia, trae la sua vocazione primaria dall'essere luogo destinato alla conservazione delle "patrie memorie" e all'affermazione dell'identità civica. Le raccolte, frutto di generose donazioni private, di acquisti e di recuperi dal territorio, documentano aspetti della storia e della cultura modenese dal XII al XX secolo.
Il percorso espositivo è in continuità con quello del Museo Civico Archeologico Etnologico.

NEWS
GLI ESTE E LA GLORIA. Ambizioni e rinunce
12 settembre 2014 - 6 gennaio 2015
Musei Civici, sala Boni
Quattro duchi che dal XVI al XIX secolo hanno visto nella gloria militare i più alti valori del governo: Alfonso I rappresenta la solidità dell’onore conquistato con le armi; Alfonso III rinuncia alla “gloria terrena”; Francesco III, cui tocca in sorte il tramonto del ducato, subisce l’onta postuma della distruzione del monumento equestre eretto in suo onore; Francesco IV d’Austria-Este governa con rigida impostazione militaresca. In mostra dipinti, disegni, stampe, sculture, libri a stampa e manoscritti, insieme ai simboli caratteristici del potere e della gloria quali scettri, armi e armature, uniformi.
Nell'ambito di "I MUSEI PER IL FESTIVAL".
Per saperne di piu'
IL DENARO E' UN BENE COMUNE. Installazione di Marina Gasparini
11 ottobre 2014 – 6 gennaio 2015
Museo Civico d’Arte, sala Gandini
Il denaro è un bene comune è il titolo dell'installazione che l'artista Marina Gasparini propone all'interno della collezione tessile del Museo Civico d'Arte di Modena a partire dall' 11 ottobre 2014, in occasione della Giornata del Contemporaneo.
Al centro dell'intervento una riflessione sulla stretta relazione tra arte tessile ed economia come evidenzia l'epigrafe collocata nella sala Gandini del Museo alla quale l'artista si ispira: "Dall’arte della lana e della seta l’Italia ebbe ricchezza lustro e civiltà". Un'affermazione, questa, che condensa in sé il significato stesso della collezione, formato a supporto degli studi di storia del costume che interessarono Gandini, ma anche come immenso repertorio di modelli per l'industria tessile.
L'installazione si compone di una serie piante realizzate in filo di cotone, fissate alle catene della volta della sala, restituite nel loro aspetto come appaiono miniate nei testi illustrati del medioevo e del rinascimento.
Per saperne di piu'
BISOGNAVA ANDARE AVANTI a cento anni dalla Grande Guerra
Una risata ci salverà
Satira e caricatura a Modena negli anni della Grande Guerra
Modena, Musei Civici, Sala Boni; 7 marzo – 12 luglio 2015
La caricatura e la poesia satirica sono linguaggi in grado di esprimere in maniera efficace e accattivante, significati che vanno al di là della semplice immagine dei soggetti raffigurati o descritti, garantendo allo spettatore un coinvolgimento immediato e mai superficiale. Per questo, anche un evento catastrofico e di immensa portata come la Grande Guerra, che così profondamente ha segnato la storia dell'Europa e del mondo, riletto attraverso il filtro dell'ironia e l'opera dei letterati e artisti satirici del periodo, si presta a svelare sguardi inediti e ad aprire spunti di riflessione.
Nell'ambito delle iniziative "BISOGNAVA ANDARE AVANTI a cento anni dalla Grande Guerra".
Programma completo delle iniziative

Per saperne di piu'
IL PANE A VILLA SORRA
Progetto partecipato dalla semina alla tavola
Il progetto dei Musei Civici in collaborazione con l’associazione Per Villa Sorra, Slow Food e l'Istituto di Istruzione S. T. Agrarie “Spallanzani di Castelfranco Emilia, nasce in sintonia con il tema di Expo 2015 “Nutrire il Pianeta”. E' previsto un lungo cammino che dall'aratura, alla semina, alla mietitura porterà alla degustazione del pane fatto interamente in loco a partire da pratiche agricole di lotta integrata.
Villa Sorra, via Prati 50 - Gaggio di Castelfranco E.
www.villasorra.it

Per saperne di piu'
HEARTBEAT
In Museo batte il cuore del DESIGN
Un antico tessuto per una nuovissima linea di oggetti. Vieni a scoprirli in Museo!
La collezione Heartbeat, in vendita presso il Bookshop del Palazzo dei Musei, prende avvio dal concorso Nutrire l’arte, promosso da Promotion Expo e destinato alla realizzazione di oggetti di design ispirato alle opere d’arte.
Heartbeat propone una rilettura in chiave moderna di un’opera del passato, modernizzata nelle linee e nei materiali.
Firmata dallo studio Davide Montanaro di Milano e realizzato da IPlex Factory di Recanati, la collezione offre un’ampia gamma di oggetti accattivanti, da quelli indossabili a quelli di arredo, realizzati con materiali quali cartone, metallo, cristallo acrilico.

Largo Porta S. Agostino 337 - 41121 Modena (Italia)
tel +39 059 2033100 museo.arte@comune.modena.it