Tu sei qui: Home / Mostre / Archivio / 2012 / Il giornale delle cose da niente

Il giornale delle cose da niente

Rivisitazione di un giornalino di fine Ottocento, racconta con leggerezza e non senza qualche provocazione le storie degli oggetti in mostra.

Al posto del catalogo, che accompagna abitualmente le mostre al Museo della figurina, questa volta c'è Il giornale delle cose da niente.

Pieno di immagini, foto, giochi, notizie divertenti e curiose sugli oggetti esposti e rappresentati nelle figurine, il giornale è un'originale elaborazione grafica della prof.ssa Antonella Battilani, ispirata dai giornalini per ragazzi conservati nel fondo Tagliavini-Roccatagliati, donato al Museo nel 1999.

All'interno del giornale trovano spazio anche tre racconti inediti, a cura di tre giovani studenti modenesi, Marta Milia, Anna Pavone e Giacomo Rutigliano. I racconti sono stati realizzati all'interno di Inventario, progetto didattico sviluppato nel corso dell'anno scolastico 2011-12 dal Museo della Figurina e l'Istituto Superiore d'Arte A. Venturi, con la partecipazione della Scuola Primaria G. Pascoli.

Il giornale, che si può acquistare al bookshop, è lo strumento ideale per approfondire la conoscenza delle storie e degli aneddoti attorno alle cose che, oggi dimenticate o divenute obsolete, hanno avuto grande importanza per le generazioni passate.

E per leggere in comodità e senza fretta, l'artista Clementina Mingozzi ha ideato e realizzato l'installazione Una cronaca insolita: siediti e leggi!. Sedute e chaise longue d'epoca, tante quante le stanze della casa, non aspettano altro che i visitatori si seggano, si immergano nella lettura oppure semplicemente sfoglino le pagine del giornale, adagiato su ognuna di esse.