Tu sei qui: Home / Mostre / Archivio / 2015 / Figurine di gusto #2

Figurine di gusto #2

Industria alimentare e tradizione in un secolo di immagini

Dopo la prima parte della mostra in cui è possibile 'assaporare' con gli occhi ghiottonerie e tesori della dispensa, inaugura a Palazzo S. Margherita, venerdì 18 settembre alle 18, con aperitivo, il secondo episodio della mostra Figurine di gusto, a cura dello storico dell'alimentazione e della cucina Alberto Capatti.

Più di 300 immagini, figurine e non solo, mettono in luce l'imporsi di alimenti pensati, per la prima volta, per la lunga conservazione, una vasta distribuzione e una facile preparazione.

È 'trasformare' la parola chiave della mostra: dalla seconda metà dell'Ottocento non vengono trasformati solo i prodotti della natura, ma anche il concetto che la nutrizione umana debba essere condizionata dall'imponderabilità del clima. Tutto diventa conserva e le figurine mostrano come quasi non esista circostanza in cui non sia possibile sgranocchiare una barretta di cioccolato o gustare una scatoletta di sardine o un brodo fatto con l'estratto di carne.

Dal 1880 al 1914 l'alimentazione diventa globale: senza dimenticare i tortellini, il parmigiano e il lambrusco dell'Emilia Romagna, le figurine permettono di vedere coltivazioni a perdita d’occhio e mercati esotici nelle colonie e nel continente americano, ma pure di guardare al passato: narrano, ad esempio, di come re Carlo II d'Inghilterra ordinò Cavaliere della giarrettiera un enorme controfiletto o la leggenda del caffè, scoperto grazie a delle capre saltellanti.

Una sezione, interamente dedicata ai menu (in collaborazione con Menu Associati), consente di conoscere alcune delle pietanze e dei vini pregiati in voga più di un secolo fa, mentre un video, a cura di Intersezione, sembra far prendere vita alle figurine: si raccolgono tartufi nel Périgord oppure si passa dal banchetto del sindaco di Londra a quello di Sancio Panza ad un pasto in famiglia all'età della pietra. 

Durante i tre giorni del festivalfilosofia sarà possibile visitare entrambi gli episodi di Figurine di gusto e intrecciare così le suggestioni di 'assaporare' (Palazzina dei giardini, fino al 20 settembre) e 'trasformare'.

Anche il catalogo, edito dalla Franco Cosimo Panini, attraverso più di 700 immagini, permette una lettura unitaria delle due mostre. 

 

I due episodi della mostra Figurine di gusto sono realizzati grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.

 

 

Orari

da mercoledì a venerdì 10.30-13; 15-18
sabato, domenica e festivi 10.30-19. Lunedì e martedì chiuso
 
In occasione del festivalfilosofia:
venerdì 18: 9-23; sabato 19: 9-01; domenica 20: 9-21

 

Ingresso libero

 

Scarica la cartolina invito