Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Alienazione/acquisizione di immobili

Alienazione beni immobili

Possono essere alienati esclusivamente i beni immobili comunali facenti parte del Patrimonio disponibile, cioè non utilizzati ai fini istituzionali e posseduti in regime di diritto privato, in relazione ai quali l'Ente può stipulare i contratti previsti dal Codice Civile.

Alienazione mediante Pubblico Incanto

L'alienazione avviene di regola mediante pubblico incanto con le modalità previste dall'art. 73, lettera c) e 76 del Regio Decreto 23 maggio 1924, n. 827, per mezzo di offerte segrete esclusivamente in aumento, da confrontarsi con il prezzo a base d'asta.

L'avviso d'asta, contenente tutte le indicazioni necessarie per l'esatta individuazione dell'immobile posto in vendita, le condizioni necessarie per la partecipazione e le modalità di espletamento della gara, completo di elaborati relativi alle specifiche tecniche ed urbanistiche, può essere ritirato presso il Servizio Patrimonio, ed è pubblicato su Internet, al sito www.comune.modena.it/bandi.

Estratto dell'avviso d'asta è pubblicato su quotidiani locali, sul sito dell'Amministrazione Comunale e affisso, mediante manifesti, in vari punti della città.

Alienazione mediante Trattativa privata

La trattativa privata per l'alienazione degli immobili comunali è uno strumento di vendita che si usa in via eccezionale. Generalmente è utilizzato per le compravendite con altri Enti Pubblici o in caso di permute, o quando oggetto di alienazione è un immobile che riveste interesse per un solo acquirente, o ancora quando sia stata tentata un'asta, andata deserta.

Peraltro possono essere alienate a trattativa privata porzioni di aree di modesta entità, intercluse e raggiungibili solo attraverso le proprietà confinanti, che non rivestono alcun interesse per l'Amministrazione Comunale, trattandosi di aree prive di autonomo utilizzo, il cui interesse all'acquisto rimane circoscritto ai soli proprietari confinanti.

La cessione delle aree, nel caso in cui non vi sia prelazione derivante da fondi agricoli, potrà avvenire mediante trattativa privata, preceduta da gara ufficiosa, o trattativa privata semplice qualora sia presente un solo confinante, previo parere favorevole dei competenti Settori del Comune e dei Quartieri. Il prezzo di cessione è stabilito dal Collegio Peritale, con riferimento ai valori di mercato.

Modalità di richiesta di alienazione

Il privato interessato, deve far pervenire apposita richiesta, redatta in carta semplice, indirizzata al Dirigente del Servizio Patrimonio, in cui dovranno essere indicati i motivi della richiesta e i riferimenti ai fini dell'esatta individuazione della porzione di area richiesta, allegando inoltre la relativa planimetria illustrativa.

Normativa di riferimento
  • Regio Decreto 23 maggio 1924, n. 827 "Regolamento sulla contabilità Generale dello Stato".
  • Legge 24 dicembre 1908 n. 783 "Unificazione dei sistemi di alienazioe e di amministrazione dei beni patrimoniali dello Stato".
  • Deliberazione di Consiglio Comunale 2 dicembre 1999 n. 170 "Alienazione mediante trattativa privata, preceduta da gara ufficiosa, di piccole porzioni di terreno di proprietà comunale costituenti relitti interclusi".
  • Deliberazione di Consiglio Comunale 11 luglio 2005 n. 49 "Piano triennale di dismissioni - Approvazione".
Acquisizione di beni immobili

Gli acquisti di beni immobili, non derivanti da espletamento di procedura espropriativa, sono effettuati nel rispetto della normativa vigente, per il conseguimento di interesse del Comune di Modena, debitamente motivato, e quando siano evidenti la necessità e la convenienza dell'Ente.

Sovente gli acquisti sono conseguenti ad Accordi di Pianificazione sottoscritti tra l'Amministrazione Comunale e i proprietari privati secondo quanto prevede la Legge Regionale 20/2000. La redazione di detti accordi spetta al Settore Pianificazione Territoriale che ne stabilisce patti e condizioni mentre il Servizio Patrimonio provvede in merito alla formalizzazione degli atti conclusivi dell'iter amministrativo, necessari per la stipula dell'atto pubblico di compravendita.

Normativa di riferimento
  • Legge regionale 24 marzo 2000 n. 20 "Disciplina generale sulla tutela e l'uso del territorio" e successive modificazioni e integrazioni.
  • Legge 24 dicembre 2012 n. 228 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato" (Legge di stabilità 2013) art. 1 comma 138 - Legge 6 giugno 2013 n. 64 "Conversione, con modificazioni, del decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35, recante disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali, nonché in materia di versamento di tributi degli enti locali. Disposizioni per il rinnovo del Consiglio di presidenza della giustizia tributaria".
  • R.U.E. - Regolamento Urbanistico Edilizio http://www.comune.modena.it/il-comune/regolamenti/regolamenti-urbanistici-1