Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

La struttura portante del nuovo Piano

fase4.pngUna volta inquadrate le conoscenze, fatte le valutazioni, definite le strategie generali ed indagati gli scenari di impatto, si apre la fase della vera e propria costruzione del piano urbanistico.

Per elaborare un progetto complesso come quello relativo alla gestione, alla crescita ed al controllo del territorio servono strumenti differenti abbinati a differenti livelli di azione ed attuazione: la base di lavoro sarà l'inquadramento territoriale che illustra dove ci troviamo, la conoscenza dei luoghi ci permette quindi di elaborare una prima generale classificazione delle diverse parti del territorio ,  occorre poi confermare le scelte strategiche e di indirizzo sostenibili delineate nella fase preliminare attraverso un solido impalcato di regole scritte che trovano riscontro e riferimento nelle tavole grafiche; si delineano così i parametri per la gestione del sistema edilizio esistente e della rete infrastrutturale di collegamento, delle dotazioni a servizio di carattere sia urbano che sovra comunale, del territorio rurale e del sistema ambientale e paesaggistico.

L'impianto normativo del piano urbanistico attiene anche alle regole sull'utilizzo e sulle trasformazioni delle risorse disponibili non ancora utilizzate, all'assolvimento della domanda in rapporto all'attuale offerta in termini di alloggi, servizi, aree produttive, aree commerciali ed al sostegno dell'agricoltura.

L'intricata articolazione dei sistemi che convivono in un territorio deve essere organizzata e coordinata dal Piano, gestita attraverso le regole ed implementata da lungimiranti politiche di sviluppo sostenibile: questa è in somma sintesi la gestione che l'amministrazione comunale è tenuta a garantire con il piano urbanistico generale.

 

Documenti utili
  • in preparazione