Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2017 / Ottobre / GIORNATA DELLE FAMIGLIE AL MUSEO / 2 – “OCCHIO ALLA ROSA”
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

05/10/2017

GIORNATA DELLE FAMIGLIE AL MUSEO / 2 – “OCCHIO ALLA ROSA”

Domenica 8 ottobre ai Musei civici di Palazzo dei Musei si gioca nelle sale espositive

Anche i Musei civici di Palazzo dei Musei in largo Sant’Agostino a Modena aderiscono con una iniziativa ludica alla “Giornata delle famiglie al museo 2017”, domenica 8 ottobre per tutta la durata dell’apertura delle Sale con le Collezioni al terzo piano (come ogni domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19). L’idea con la quale i Musei coinvolgeranno bambini e adulti, figli e genitori, nipoti, zii e nonni, è quella di fare partecipare tutti a un gioco, ispirato alla mostra attualmente in corso “Rose di pietra e di seta. Un percorso tra arte e artigianato”.

“Occhio alla Rosa!” è il titolo del gioco per le famiglie: si tratta di un'avventurosa caccia al particolare che invita a osservare e riconoscere dettagli presenti nelle opere d'arte esposte. Il gioco si snoda in tutte le sale dei Musei civici.

La partecipazione è gratuita, libera e senza prenotazione.

Per informazioni si può telefonare al numero 059 2033121 o allo 059 2033101.

Domenica 8 ottobre è anche l’ultimo giorno per poter visitare gratuitamente la mostra “Rose di pietra e di seta”, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.

“Seguendo il filo di un motivo decorativo, è talvolta possibile attraversare secoli di storia dell'arte e dell'artigianato – spiega l’introduzione alla mostra -; tale traccia può essere costituita da una rosa, fiore carico di significati e onnipresente da millenni quasi in ogni latitudine culturale. I Musei Civici consentono di seguire le evoluzioni botaniche e le loro interpretazioni artistiche in epoche, stili e tecniche differenti: le semplici rosette a cinque petali dei monumenti romani divengono corolle stilizzate e geometrizzate che si rincorrono sulle lastre sepolcrali del lapidario, sulle terrecotte architettoniche, su carte, galloni e argenteria. Le “centifoglie”, introdotte invece in età moderna, sono onnipresenti in scagliole, dipinti, cuoi, ceramiche e stoffe”

Informazioni on line (www.museicivici.modena.it). I Musei civici di Modena sono anche presenti sui social media Facebook, Instagram e YouTube.

Azioni sul documento