Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2017 / Aprile / TERRAMARA MONTALE, TRAPANI E SCAVI A PASQUA E PASQUETTA
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

11/04/2017

TERRAMARA MONTALE, TRAPANI E SCAVI A PASQUA E PASQUETTA

Prenotazioni aperte per domenica 16 e lunedì 17 aprile al Parco archeologico

Trapani e altri utensili nella preistoria nella domenica di Pasqua, 16 aprile, al Parco archeologico all’aperto di Montale. E il lunedì 17, Pasquetta, la possibilità di cimentarsi in attività di scavo diventando “Archeologi per un giorno”.

Domenica 16 aprile, nella giornata intitolata “Le origini del trapano”, a cura di Elisa Fraulini, i visitatori saranno accompagnati alla scoperta, con dimostrazioni di impiego, degli utensili da traforo creati fin dalla preistoria: dal bulino al trapano ad archetto, dal volano alla manovella. Per l’occasione verranno esposti anche trapani a mano provenienti dalla raccolta di cultura materiale di Villa Sorra.

Un divertente laboratorio (consigliato a chi ha fra 6 e 13 anni) permetterà a bimbi e ragazzi di cimentarsi nella costruzione di un trapano e sperimentare l’ingegnosità di un attrezzo che gli artigiani delle terremare utilizzavano nella lavorazione del legno e nella produzione di utensili e ornamenti. Al termine delle attività ogni piccolo artigiano potrà portare a casa il proprio trapano realizzato con materiali naturali.

Lunedì 17 aprile ritorna “Archeologi per un giorno”, un laboratorio di scavo archeologico consigliato dai 6 ai 13 anni per scoprire insieme come si ricostruisce la Storia. La disponibilità è fino ad esaurimento posti e perciò è fortemente consigliata la prenotazione (tel. 059 2033101 dal martedì al venerdì dalle 9 alle 12; sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19). Dedicato interamente a bambini e famiglie, “Archeologi per un giorno” fa vivere l’emozione dello scavo archeologico nel luogo stesso in cui è avvenuta la scoperta del villaggio dell’età del bronzo di Montale. Dal rinvenimento all’osservazione e interpretazione dei reperti, i bambini ripercorrono i passi degli archeologi fino a diventare i protagonisti della ricostruzione della più antica Storia del nostro territorio. I laboratori hanno inizio a orari precisi: 9.30; 11.15; 14.30; 16.15; 17.45.

In collaborazione con Comune di Castelnuovo Rangone e Castelnuovo Immagina, il Parco della Terramara propone anche quest’anno di abbinare la visita alla scoperta dell’enogastronomia del territorio. Le aziende che aprono gratuitamente le porte al pubblico della Terramara per visite e degustazioni sono l’Acetaia e mostra permanente Boni (Solignano), l’Acetaia Ferrari (Montale) e la Cantina Da Vinci (Montale). Una convenzione con il MuSa Museo della Salumeria Villani di Castelnuovo prevede ingressi ridotti per chi visita la Terramara, e viceversa.

Il Parco museo archeologico della Terramara di Montale, via Vandelli (Nuova Estense), apre al pubblico nelle domeniche e nei festivi dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 18.30 (ultimi ingressi alle 11.45 e 17.30).

Ogni 45 minuti circa partono visite guidate per gruppi di massimo 50 persone

L’ingresso costa intero 7 euro , ridotto 5, gratuito fino a 5 e oltre 65 anni di età.

Il programma e le informazioni per organizzare la visita su www.parcomontale.it e anche sulla pagina facebook “parcomontale”; telefono 059 532020.

Azioni sul documento