Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2017 / Settembre / MUSEO FIGURINA / 2 –L’ARTE DELLA PUBBLICITÀ E I SUOI PROFUMI
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

13/09/2017

MUSEO FIGURINA / 2 –L’ARTE DELLA PUBBLICITÀ E I SUOI PROFUMI

La mostra apre con festival filosofia e si può visitare gratuitamente fino al 18 febbraio

Profumati con qualche essenza spesso reclamizzata all’interno, nel suo formato più diffuso i piccoli almanacchi protagonisti della mostra “L’arte in tasca. Calendarietti, réclame e grafica 1920-1940” si presentavano in forma di libriccini di dodici o sedici facciate. Ciò che poi li ha fatti diventare un genere artistico autonomo degno di rilevanza e oggetto di collezionismo, sono stati i contenuti, le pagine a colori finemente illustrate in cui i mesi del calendario campeggiavano all’interno di una tematica: la bellezza delle dive del cinema, le avventure d’amore lette nei libri o viste a teatro, gli eroi e i grandi personaggi della storia, il fascino dei lontani paesi esotici, e tutto ciò che poteva offrire innocenti evasioni della fantasia, ispirate dalle immagini seducenti e dalle fragranze che quelle pagine emanavano.

Ma al di sopra di ogni altra cosa è stato il mondo della bellezza, dei profumi e dei cosmetici il tema dominante che ha influito non poco per la fortuna stessa di questo genere artistico: il legame tra i calendarietti tascabili, la loro profumazione e le réclame correlate delle diverse case produttrici è stato infatti uno dei fattori più importanti per la loro stessa popolarità, permettendo che quei piccoli foglietti illustrati fungessero da veicolo pubblicitario gradevole e duraturo.

Nel catalogo “L’arte in tasca. Calendarietti, réclame e grafica 1920-1940” (Franco Cosimo Panini) i testi del curatore Giacomo Lanzilotta e di Maurizio De Paoli.

La mostra al Museo della Figurina di Modena a Palazzo Santa Margherita in corso Canalgrande 103, in occasione del festivalfilosofia è aperta gratuitamente con orario esteso anche fino a tarda sera: venerdì 15 settembre dalle 9 alle 24; sabato 16 dalle 9 all’una di notte; domenica 17 dalle 9 alle 21. Negli altri giorni l’esposizione si può visitare, sempre a ingresso libero, fino al 18 febbraio 2018, da mercoledì a venerdì (10.30-13; 15-19) e sabato, domenica e festivi (10.30-19); lunedì e martedì chiuso.

Informazioni online (www.museodellafigurina.it).

Azioni sul documento