Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2018 / Gennaio / CHIESA S.AGOSTINO, TORNANO ALLA LUCE ELEMENTI ARCHITETTONICI
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

09/01/2018

CHIESA S.AGOSTINO, TORNANO ALLA LUCE ELEMENTI ARCHITETTONICI

Proseguono i lavori di miglioramento sismico, restauro e ripristino. Ridata stabilità al soffitto in legno: ora è nuovamente visibile la caratteristica struttura di supporto

Dai banchi, guardando all’insù, il soffitto della chiesa S.Agostino appare un tutt’uno, con preziosi dipinti che raffigurano l’apoteosi di alcuni santi particolarmente cari agli Estensi. Ma da sopra, nel sottotetto, è ora visibile l’intera struttura di supporto, costituita da alcune centinaia di pendini in legno inchiodati alle travi del tetto a sostegno dei cassettoni che compongono il soffitto.

Proseguono i lavori di restauro e ripristino con miglioramento sismico della chiesa di S.Agostino e, grazie all’intervento di recupero, tornano alla luce caratteristici elementi architettonici e artistici di questo luogo sacro che presto sarà restituito alla città.

La chiesa di S.Agostino è infatti chiusa dal 2012, quando gli eventi sismici che hanno interessato il territorio modenese l’hanno resa inagibile, e dal luglio 2017 è stata sottoposta a un intervento di ripristino che sarà completato prima della prossima estate.

I lavori, per un importo a base di gara di 960 mila euro, sono stati finanziati per 500 mila euro dalla Regione Emilia-Romagna, per ripristino post sisma, e per circa 460 mila euro dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, che ha permesso l’estensione dell’intervento di restauro e consolidamento del soffitto e dell’apparato scultoreo decorativo, e il rifacimento dell’impianto di riscaldamento. Ad aggiudicarsi l’intervento attraverso bando di gara con la procedura negoziata prevista dal nuovo Codice degli appalti secondo l’offerta economicamente più vantaggiosa è stata l’azienda Edilgeco di Parma.

I lavori di miglioramento sismico comprendono interventi di riparazione, messa in sicurezza, eliminazione delle vulnerabilità della struttura e rafforzamento. È un intervento prevalentemente di tipo strutturale, cui si aggiungono lavori di finitura e restauro connessi, e viene realizzato tenendo conto delle caratteristiche del bene monumentale tutelato, con massima attenzione agli aspetti conservativi e di decoro dei luoghi durante tutte le fasi dei lavori.

Ad oggi sono stati ultimati i lavori di controllo dell’efficienza del controsoffitto in legno e di sostituzione degli elementi di sospensione ammalorati previa aspirazione della polvere e dei depositi all’estradosso (circa 2 tonnellate rimosse), ed è stata completata la centrale termica, con la sostituzione delle caldaie con generatori di calore a condensazione. Quasi ultimati anche i lavori di riparazione e restauro delle pedane della cantoria e gli interventi di verifica e riparazione degli stucchi, realizzata mediante rimozione di depositi superficiali incoerenti a secco, iniezione di emulsioni consolidanti, inserimento di perni in acciaio, microstuccatura, eventuale integrazione plastica di parti mancanti, e patinatura finale per integrazione cromatica. Sono in corso il consolidamento del solaio in legno della cappella (appartamento del parroco) mediante cappa armata in calcestruzzo alleggerito e connettori, e le riparazioni murarie, scuci cuci, iniezioni e connettori. Rimangono inoltre da realizzare le strutture metalliche volte a contrastare il ribaltamento della facciata principale e l’installazione delle pedane radianti che verrà fatta verso la fine del cantiere. Il nuovo impianto di riscaldamento sarà un sistema a tappeto radiante alimentato ad acqua assimilabile a un semplice arredo: sarà infatti costituito da pedane appoggiate al pavimento al di sotto dei banchi. Avrà la funzione di diffondere calore nella parte della navata occupata dai banchi e nella zona del presbiterio destinata alle celebrazioni. A protezione delle opere d’arte presenti nella chiesa sarà inoltre installato un impianto d’antifurto.

Azioni sul documento