Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Sala Stampa / Archivio Comunicati Stampa / 2018 / Gennaio / EX FONDERIE, “DALLA MEMORIA DEL ‘900 ALLE START UP”
Sala Stampa

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

09/01/2018

EX FONDERIE, “DALLA MEMORIA DEL ‘900 ALLE START UP”

Il sindaco Muzzarelli in occasione della commemorazione: “Presenteremo al bando della Regione il progetto per il primo stralcio dell’intervento di recupero”

La Palazzina storica delle ex Fonderie di Modena verrà riqualificata per ospitare la sede dell’Istituto storico, con un ampio spazio destinato alla biblioteca, e una mostra permanente sulla storia del lavoro del Novecento. Lo ha annunciato il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli in occasione della commemorazione dell’eccidio del 1950 precisando che per ottenere una quota di finanziamenti il progetto verrà presentato nei prossimi mesi a un bando della Regione Emilia-Romagna per il sostegno alle iniziative di riqualificazione urbana.

“Il costo per il primo stralcio dell’intervento – ha spiegato Muzzarelli – è di circa tre milioni di euro. Già prima di Natale abbiamo definito il percorso con la Regione e collaborerà alla realizzazione anche la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. Nel frattempo è in atto il confronto con Camera di commercio, Università e associazioni economiche per un secondo stralcio di recupero del fabbricato industriale a cui assegnare una forte caratterizzazione sul futuro del lavoro e della ricerca, con spazi per start-up e laboratori”.

Il primo stralcio dell’intervento, che ha come base il progetto sviluppato negli anni scorsi con il percorso partecipato, riguarda una superficie di 1.560 metri quadri e prevede la conservazione della facciata, interventi di consolidamento, opere strutturali, alcune demolizioni di muri interni e l’impiantistica. In programma anche la riqualificazione dell’area del monumento dedicato ai caduti del 9 gennaio 1950.

A piano terra della palazzina è prevista la realizzazione della biblioteca dell’Istituto storico e la sala espositiva in locali di circa 240 metri quadrati. Anche al primo piano verranno collocate due ampie sale di archivio e biblioteca (complessivamente circa 440 metri quadri), oltre agli uffici e alle sale riunioni, mentre al secondo piano si prevede la realizzazione di un’aula didattica accanto al terrazzo,

Azioni sul documento