Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sessant'anni di costruzione europea: retrospettiva e riflessioni sul futuro

Curricula e biografie dei relatori della V Summer School Renzo Imbeni

 

Francesca Ratti

Francesca Ratti è stata Segretario generale aggiunto del Parlamento europeo dal novembre 2009 fino al novembre 2016, data del suo pensionamento.

È stata la prima donna ad occupare il secondo grado più importante dell’Istituzione e la funzionaria italiana con il più alto ruolo nelle istituzioni europee.

La funzione di segretario generale aggiunto è la seconda carica amministrativa del Parlamento europeo. La persona designata assiste il Segretario generale in tutta la gestione amministrativa e legislativa del Parlamento, assicurando in particolare l'organizzazione ed il coordinamento dei lavori della plenaria.

Francesca Ratti, nata a Napoli, si è laureata all' Università partenopea ed ha poi fatto un master in diritto ed economia all'istituto Don Sturzo di Roma. È entrata al Parlamento europeo nel 1979, dove ha avuto, tra l'altro,dove tra l’altro è stata collaboratrice di Altiero Spinelli, uno dei padri fondatori dell'Europa.

Tra gli altri incarichi è stata, dal luglio 1989 al gennaio 1992, Consigliere nel gabinetto del Presidente del Parlamento europeo, Enrique Baron Crespo e quindi, fino al 1997, Consigliere nel gabinetto del Segretario Generale del Parlamento Enrico Vinci. 

È stata poi Capo divisione alla Direzione generale della Presidenza, quale responsabile della programmazione dei lavori parlamentari e, dal 1998 al 2003, Direttore alla direzione generale della Presidenza.

Dal gennaio 2004 fino al novembre 2009, è stata Direttore generale della comunicazione del Parlamento europeo, considerata tra le direzioni più importanti, sia per il numero dei funzionari, sia per il ruolo strategico. In questo incarico Francesca Ratti ha tra l'altro modernizzato e dato grande impulso alla comunicazione istituzionale per promuovere il ruolo e l’immagine del Parlamento in tutti gli Stati membri dell’Unione.

Tra le più importanti iniziative, la creazione della WEB TV, del centro per i visitatori Parlamentarium, ed il lancio della prima campagna pan-europea per le elezioni del 2009.

La Direzione generale della comunicazione ha inoltre competenza sugli uffici di informazione del Parlamento europeo presenti in tutti gli Stati membri.

Dal 2010 ha assunto anche le funzioni di Direttore generale della sicurezza.

Erique Barón Crespo

Nato a Madrid nel 1944, è un avvocato ed economista.Ha conseguito un dottorato in Giurisprudenza presso l'Università Complutense di Madrid (UCM). 

Laureato in Amministrazione d'Impresa presso l'ESSEC (Parigi) e l'ICADE (Madrid). È stato avvocato per i diritti umani durante la dittatura franchista.

È stato professore della UCM e dell'ICADE, e ha avuto il ruolo di presidente dell'Istituto Universitario Euroforum.

Dal 1977 al 1987 Deputato Costituente in Spagna, ha inoltre ricoperto la posizione di Ministro del Governo di Spagna che concluse le negoziazioni per l'adesione alla Comunità Europea (1982 – 1985).

Dal 1986 al 2009 deputato del Parlamento europeo, ha inoltre ricoperto la carica di Presidente del Parlamento europeo, della Commisione per gli Affari Esteri e della Commissione per il Commercio Internazionale. È Anche autore di saggi e articoli su temi politici, economici e sociali.
[CV completo, ES]

Beatrice Covassi

L'attuale Capo Rappresentanza della Commissione europea in Italia, Beatrice Covassi, ha ricoperto la carica di Primo Consigliere dell'Ambasciatore presso la delegazione dell'UE negli Stati Uniti a Washington DC dal 2010 al 2014, dove è stata responsabile dell'allora nuovissimo portafoglio economia digitale e cibersicurezza transatlantica.

Negli Stati Uniti, Beatrice Covassi, ha inoltre coordinato le attività dirette alla governance di Internet alla cibersicurezza e alla tutela della vita privata in rete e impartito un corso di politica dell'UE in materia di mezzi di comunicazione come visiting professor presso la George Mason University di Arlington .

Precedentemente, all'inizio del nuovo millennio, il Capo Rappresentanza ha ricoperto diverse cariche presso la Commissione europea a Bruxelles e a Lussemburgo, volte principalmente alla promozione dello sviluppo del mercato unico digitale.

Beatrice Covassi, infine, si è laureata con lode alla Scuola di Scienze Politiche "Cesare Alfieri" dell'Università di Firenze con una tesi di diritto amministrativo comparato e dell'Unione europea e ha conseguito inoltre due diplomi post-universitari presso il Collegio d'Europa di Bruges e presso l'Accademia di diritto pubblico europeo.

Carlo Altini

Carlo Altini, direttore scientifico della Fondazione San Carlo di Modena, è professore di Storia della filosofia all’Università di Modena e Reggio Emilia.

È membro del comitato direttivo della Consulta Nazionale di Filosofia e della direzione della rivista «Filosofia politica». Ha tenuto corsi, conferenze e seminari alle Università di Bari, Bologna, Cordoba, Ferrara, Firenze, Jerusalem, Lausanne, Macerata, Milano, Padova, Perugia, Pisa, Roma La Sapienza, Roma Tor Vergata, Siena, Tilburg, Torino, Trento, Uppsala, Venezia Ca’ Foscari e all’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales (Paris), al Max-Weber-Kolleg (Universität Erfurt), alla Scuola Normale Superiore (Pisa), all’Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento (Firenze) e al Gabinetto Vieusseux (Firenze).

Oltre a numerosi saggi su Machiavelli, Hobbes, Spinoza, Leo Strauss, Carl Schmitt, Karl Löwith e Alexandre Kojève, ha pubblicato alcuni volumi di storia della filosofia (sull’idea di progresso, sulla relazione potenza/atto etc.) e di filosofia politica (sulla sovranità, sulla democrazia, sull’utopia etc.).