PILLOLE DI APPROFONDIMENTO

MODENA EBRAICA: LA SINAGOGA E LA DEMOLIZIONE DEL GHETTO

Grande successo  per la visita all’antico Ghetto e a Piazza Mazzini, il 27 gennaio 2022

Un itinerario alla scoperta dell'antico ghetto ebraico e dell'attuale Piazza Mazzini, attraverso gli spunti offerti da Giordano Bertuzzi (1934-2019) in Trasformazioni edilizie e urbanistiche a Modena tra '800 e '900, la rilettura di documentazione conservata nell'Archivio Storico del Comune di Modena e l'analisi delle emergenze architettoniche ancora presenti.



Grazie a  Margherita Beggi,  Silvia Berselli, Ottavio Secchi e Marta Affricano, per i loro interessantissimi interventi


Storia del ghetto, Margherita Beggi




 P.zza Mazzini, Silvia Berselli




 Sinagoga, interno


 PILLOLE DI APPROFONDIMENTO:

 

21 gennaio 2022

MODENA EBRAICA: LA SINAGOGA E LA DEMOLIZIONE DEL GHETTO
Giorno della memoria 2022
Atti della Comunità, Vacchetta anno 1619
A testimonianza dell’atteggiamento antisemita, particolarmente vivo nel mondo economico modenese, restano tracce documentarie interessanti ed importanti come la vacchetta del 1619. L’8 marzo del 1619, infatti, i massari delle arti e corporazioni di Modena riferiscono al Consiglio della Comunità sulle somme raccolte per la “fabrica del ghetto”. Si tratta di una delle prime iniziative cittadine, formalizzate nella verbalizzazione della seduta di Consiglio, per incentivare la definizione di spazi urbani dove concentrare le abitazioni e le attività commerciali ed economiche degli Ebrei che, numerosi, erano confluiti a Modena da Ferrara a seguito del trasferimento della capitale. Passeranno circa 20 anni ancora prima dell’istituzione ufficiale del ghetto, nel 1638, che troverà la sua collocazione nelle strade da via Torre a Vicolo Squallore e dalla via Emilia a Via Taglio.

 

22 gennaio 2022

MODENA EBRAICA: LA SINAGOGA E LA DEMOLIZIONE DEL GHETTO
Giorno della memoria 2022
Continuano gli approfondimenti in vista del #giornodellamemoria del 27 gennaio. Oggi ci occupiamo di architettura!
LA SINAGOGA 
ASCMO, Atti amministrativi, 1908. Ing. E. Guastalla, Progetto per la nuova sistemazione del fronte della Sinagoga (fotomontaggio su foto Orlandini del 1908).
Foto Orlandini databile al 1908. In: Dossier/Restauri, 4. Ministero per i beni culturali e ambientali, Soprintendenza per i beni artistici e storici di Modena e Reggio Emilia, 1997, p.79.
La piazza è già in larga parte ultimata con i nuovi fronti e con il giardino pubblico al centro.
Intervento di restauro delle coperture e pulitura delle facciate ad opera dell’architetto Franca Stagi, 1995-1997.
#visitmodena Città di Modena

 

23 gennaio 2022

MODENA EBRAICA: LA SINAGOGA E LA DEMOLIZIONE DEL GHETTO
Giorno della memoria 2022
Continuano gli approfondimenti in vista del #giornodellamemoria del 27 gennaio. Oggi ancora una pillola di storia!
Codice Estense
Nel “Codice di Leggi e Costituzioni per gli Stati di sua Altezza Serenissima” del 1771, il titolo IX è riservato alle disposizioni di legge “Degli Ebrei”; le diverse rubriche restituiscono l’immagine di una città che continua a relegare gli ebrei negli spazi angusti e malsani del ghetto dove si svolgeva quasi tutta la loro vita. Ad esempio era imposto l’obbligo delle inferriate alle finestre che si affacciavano fuori dal ghetto e vigeva la proibizione di avere finestre o porte da cui si potesse accedere facilmente alle strade limitrofe.

 

24 gennaio 2022

MODENA EBRAICA: LA SINAGOGA E LA DEMOLIZIONE DEL GHETTO
Giorno della memoria 2022

Continuano gli approfondimenti in vista del #giornodellamemoria del 27 gennaio. Oggi ci occupiamo di architettura!
DAL GHETTO ALLA PIAZZA 
Il ghetto nella città di Modena e la divisione dei palazzi di famiglia dopo la creazione di Piazza della Libertà, oggi Piazza Mazzini. In: P. Belloi, E. Colombini, Colombini editore, Modena, 2003 (1 ed 1992), pp. 472-473.
Alcune scene di vita del ghetto di Modena (Biblioteca Poletti, Fondo speciale Tonini)

 

25 gennaio 2022

MODENA EBRAICA: LA SINAGOGA E LA DEMOLIZIONE DEL GHETTO
Giorno della memoria 2022

Continuano gli approfondimenti in vista del #giornodellamemoria del 27 gennaio. Un' ultima pillola di storia!
Delibere del Consiglio Comunale - Atti a stampa
Quello che era stato per secoli il ghetto, cioè il “quartiere segregato per gli Israeliti”, per unanime volontà del Consiglio Comunale viene abbattuto a partire dal 1904 e, nel giro di dieci anni, l’isolato tra via Coltellini e Vicolo Squallore viene bonificato: “per la secolare incuria, quei fabbricati sono in condizioni pessime di costruzione e conservazione, privi dell’aria, della luce della salubrità necessaria all’uomo per vivere e crescere sano”.
La città acquista così nuovi e definiti spazi e si arricchisce della Piazza della Libertà dove, ancora oggi, spicca imponente l’emergenza architettonica della Sinagoga costruita tra il 1869 e il 1873. 
Difficile e controversa è in quegli anni la definizione e la sistemazione di Vicolo Squallore che oggi rimane forse l’unica strada del centro cittadino a trasmetterci una pallida idea di come dovessero essere il ghetto e le sue strade buie ed anguste.

 

26 gennaio 2022

MODENA EBRAICA: LA SINAGOGA E LA DEMOLIZIONE DEL GHETTO 
Giorno della memoria 2022
Nell'attesa di incontrarci, un ultimo post di architettura! Ringraziamo Margherita Beggi di Archimedia e Silvia Berselli, storica dell'architettura, per l'aiuto nella stesura di queste pillole. Saranno le nostre guide nella giornata di domani  insieme a Marta Affricano e Ottavio Secchi che ci accompagneranno in visita alla Sinagoga.
IL LIBERTY IN PIAZZA MAZZINI
Le facciate dei palazzi subito dopo la creazione di Piazza Mazzini (Biblioteca Poletti, Fondo speciale Tonini)
A. Prati, Prospetto per rifacimento in stile Liberty della facciata del palazzo Formiggini-Donati, 1905
Casa Levi, Piazza della Libertà (poi Mazzini). Dettaglio della balaustra del balcone padronale con una struttura a scudo e motivi floreali tipici dello stile Liberty (foto di Vanni Bulgarelli)

 

 Galleria fotografica


Infine un sentito ringraziamento a tutte e tutti per il grande interesse dimostrato per questo evento che a sorpresa abbiamo dovuto replicare, riempiendo subito anche il secondo turno.
Continuate a seguirci su FB e iscrivetevi alla newsletter 1x1 del Comune di Modena per rimanere sempre aggiornati sulle iniziative dell'Archivio.

 

 Purtroppo non tutti hanno potuto partecipare, ma ci saranno presto altre occasioni!