Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

I. Camera Segreta. Codici Statutari, registri ed atti costitutivi della Comunità e delle Arti

Il proposito posto in atto dall'Amministrazione comunale di Modena nel 1963, è stato quello di dare inizio alla pubblicazione di una serie di Inventari dell'Archivio Storico del Comune.

La scelta del materiale da inventariarsi in questo primo volume non è stata suggerita dall'esigenza di dare un quadro generale delle serie esistenti - cosa che, data l'inevitabile genericità, sarebbe riuscita pressoché inutile -, ma da quella bensì di presentareStatuta Iudicum...Miniatura raffigurante sette giudici assisi subito un gruppo di documenti che si può dire sia sempre stato guardato come facente parte a sé e che, pur essendosi formato in base al criterio della riunione in unico corpo degli atti di carattere costitutivo, risulta suddiviso nei due seguenti settori: da un lato, i registri di privilegi, i testi statutari e gli atti fondamentali sui quali poggiava e nei quali si articolava l'esistenza stessa della Comunità; dall'altro, gli statuti delle più importanti corporazioni d'arti e mestieri, nelle cui funzioni tanta parte si concretizzava di quella consociazione di vitali interessi che della Comunità costitutiva il tessuto connettivo e la forza propulsiva.

In tal modo, mentre l'inventariazione è iniziata con quello che a ragione può considerarsi il nucleo centrale dell'archivio, d'altro canto è stato proposto fin dall'inizio all'attenzione degli studiosi -Statuta Mutine reformata-Miniatura di S.Geminiano con l'aggiunta ai testi statutari degli atti e registri delle singole corporazioni - un materiale di interesse affatto particolare per quelle indagini sulle strutture sociali ed economiche che stanno attualmente al centro dell'impegno storiografico. In seguito, verrà la volta delle grandi serie che più tipicamente riflettono la quotidiana attività politica ed amministrativa del Comune; dopo di che, comincerà a delinearsi quel profilo storico-istituzionale della Comunità e dei suoi organi.

Gino LUCCHI 
Modena 1963
(non in vendita)