Coronavirus

Tutte le informazioni, a seguito delle disposizioni nazionali e regionali, sono disponibili sul sito del Governo e della Regione Emilia Romagna

Aggiornamento 30 agosto 2021

Il Decreto Legge n° 111 approvato dal Governo introduce alcune novità sull'applicazione del green pass per scuola e trasporti a partire dal 1° settembre.


Scuola

Per l'anno scolastico 2021-2022 le attività scolastiche e didattiche dai nidi d'infanzia alle scuole superiori si svolgeranno in presenza.
Le attività didattiche e curriculari delle università si svolgeranno prioritariamente in presenza.
E' obbligatorio usare la mascherina (possono derogare all'obbligo bambini con meno di 6 anni, soggetti affetti da patologie incompatibili con l'uso del dispositivo, oppure durante l'attività sportiva) ed è sempre raccomandato mantenere la distanza di almeno un metro, salvo che le condizioni strutturali-logistiche degli degli edifici non lo consentano. E' vietato entrare e rimanere a scuola con temperatura corporea superiore a 37,5°.

Green pass

Dal 1° settembre per tutto il personale scolastico e universitario e per gli studenti universitari è necessario possedere ed esibire il green pass.
L'obbligo non si applica ai soggetti esenti al vaccino sulla base di apposita certificazione medica rilasciata in base ai criteri definiti dalla certificazione del Ministero della Salute.
Queste regole valgono anche per Istituzioni di Alta Formazione artistica musicale e coreutica e per le attività di altre istituzioni di formazione collegate alle università.

Trasporti

Dal 1° settembre, sarà necessario avere il green pass su:

  • Aerei
  • Navi e traghetti per il trasporto tra diverse regioni (ad eccezione dei collegamenti marittimi nello Stretto di Messina)
  • Treni Intercity, Intercity notte e Alta Velocità
  • Autobus adibiti a servizio di trasporto di persone, ad offerta indifferenziata, effettuati su strada in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due regioni ed aventi itinerari, orari, frequenze e prezzi prestabiliti
  • Autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente, ad esclusione di quelli impiegati nei servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale e regionale.

Sono esclusi dall'obbligo di green pass i soggetti esclusi per età dalla campagna vaccinale (bambini fino agli 11 anni compresi), o esclusi in base a certificato medico.

Aggiornamento 23 luglio 2021

Il Consiglio dei Ministri del 22 luglio 2021 ha deliberato, con il Decreto-Legge 23 luglio 2021, n. 105 "Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l'esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche", di prorogare fino al 31 dicembre 2021 lo stato di emergenza nazionale e ha deciso le modalità di utilizzo del Green Pass e i nuovi criteri per la “colorazione” delle Regioni.

Certificazione verde COVID-19 (Green Pass)

Dal 6 agosto 2021 sarà possibile svolgere alcune attività solo se si è in possesso di:

  • certificazione verde COVID-19, che può essere rilasciata dopo la somministrazione della prima dose di vaccino e ha validità dal quindicesimo giorno successivo fino alla data prevista per la somministrazione della seconda dose (nel caso di vaccino a doppia dose). La certificazione verde ha in ogni caso una validità di nove mesi dal completamento del ciclo vaccinale;
  • la guarigione dall'infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi);
  • effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (con validità 48 ore).

Questa documentazione sarà richiesta poter svolgere o accedere alle seguenti attività o ambiti a partire dal 6 agosto prossimo:

  • servizi per la ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso
  • spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi
  • musei, biblioteche, altri istituti e luoghi della cultura e mostre
  • piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso
  • sagre e fiere, convegni e congressi
  • centri termali, parchi tematici e di divertimento
  • centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione
  • attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò
  • concorsi pubblici

Per approfondire: www.governo.it

Scaricare il Green Pass dal sito dedicato: www.dgc.gov.it/web

Zone a colori

L’incidenza dei contagi resta in vigore ma non sarà più il criterio guida per la scelta delle colorazioni (bianca, gialla, arancione, rossa) delle Regioni. Dall'entrata in vigore del decreto i due parametri principali saranno:

  1. il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da Covid-19, 
  2. il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da Covid-19.

L'ordinanza del Ministero della Salute dell'11 giugno 2021 colloca la Regione Emilia Romagna in zona bianca a partire da lunedì 14 giugno.

Spostamenti
  • senza limiti relativi agli orari o ai motivi dello spostamento, verso altre località della zona bianca
  • senza limiti di orario, verso tutto il territorio nazionale, se lo spostamento avviene per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute;
  • verso località della zona gialla, senza doverne giustificare il motivo, nel rispetto delle specifiche restrizioni di orario previste per gli spostamenti in zona gialla e di quelle relative agli spostamenti verso le altre abitazioni private abitate.
  • verso tutto il territorio nazionale se la persona che si sposta è in possesso di una “certificazione verde COVID-19” valida, nel rispetto delle specifiche restrizioni di orario previste per gli spostamenti nella zona di destinazione.
  • È sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

L'ordinanza del Ministro della Salute del 22 giugno 2021 sospende dal 28 giugno nelle zone bianche l'obbligo di indossare la mascherina all'aperto, con le seguenti indicazioni.

Uso delle mascherine

In zona bianca, i dispositivi di protezione delle vie respiratorie (meglio conosciuti come mascherine) devono essere obbligatoriamente indossati quando si è al chiuso in luoghi diversi dalla propria abitazione, compresi i mezzi di trasporto pubblico (aerei, treni, autobus), tranne quando si è in presenza soltanto di persone conviventi. 

Devono inoltre essere obbligatoriamente indossati all’aperto:

  • in tutte le situazioni in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale o siano possibili assembramenti o affollamenti (per esempio quando si è in coda o ci si trova in un mercato o in una fiera)
  • negli spazi all’aperto delle strutture sanitarie
  • in presenza di persone delle quali si conosca una alterata funzionalità del sistema immunitario.

L’obbligo non è comunque previsto per:

  • bambini sotto i 6 anni di età
  • persone che, per la loro invalidità o patologia, non possono indossare la mascherina
  • operatori o persone che, per assistere una persona esente dall’obbligo, non possono a loro volta indossare la mascherina (per esempio: chi debba interloquire nella L.I.S. con persona non udente).

Inoltre, non è obbligatorio indossare la mascherina, sia all’aperto che al chiuso:

  • mentre si effettua l’attività sportiva;
  • mentre si mangia o si beve, nei luoghi e negli orari in cui è consentito;
  • quando si sta da soli o esclusivamente con i propri conviventi.

Per quanto riguarda lo svolgimento dell’attività lavorativa e delle attività scolastiche, la mascherina è obbligatoria nelle situazioni previste dagli specifici protocolli di settore. È comunque fortemente raccomandato l’uso delle mascherine anche all’interno delle abitazioni private, in presenza di persone non conviventi.


Per ogni ulteriore approfondimento

Vai alle Faq del Governo

Vai alle Faq della Regione Emilia Romagna


Tutta la normativa nazionale
www.governo.it/it/coronavirus-normativa

Tutta la normativa regionale
www.regione.emilia-romagna.it/coronavirus/norme

Protocolli di sicurezza

Tutte le attività devono essere svolte nel rispetto dei protocolli di sicurezza
www.regione.emilia-romagna.it/coronavirus/protocolli-di-sicurezza

Telegram

Iscriviti al canale Telegram
per ricevere informazioni e aggiornamenti in caso di allerta o emergenza

Buoni spesa

Il termine per presentare la domanda per i Buoni Spesa è scaduto il 19 dicembre 2020.

>> Consulta la pagina dedicata

Buoni viaggio o Buoni taxi

Buoni a parziale copertura dei costi per spostamenti effettuati con taxi o servizio di trasporto di noleggio con conducente.

>> Consulta la pagina dedicata

Numeri utili

  • Servizio di Igiene Pubblica  dell’Azienda USL di Modena tel. 059 3963663 da lunedì a venerdì ore 8-16, sabato ore 8-12
  • In presenza di sintomi respiratori o si è venuti in contatto con persone risultate positive a COVID-19, non recarsi in Ospedale, Pronto Soccorso o ambulatori ma contattare il proprio medico curante o il pediatra o il 118 in caso di emergenze
  • Non hai sintomi respiratori ma sei stato in contatto con un caso confermato di COVID-19, occorre restare a casa e contattare il Servizio di Sanità Pubblica dell'Azienda USL di Modena tel. 059 3963663 da lunedì a venerdì ore 8-16, sabato ore 8-12

Gestione degli animali da compagnia

Chi ha un animale d’affezione ma non se ne può prende cura perchè si trova in isolamento, in quarantena o perchè è stato ricoverato deve fare più possibile affidamento alla propria rete famigliare e amicale/vicini di casa. Se ciò non fosse possibile ci si può rivolgere al servizio attivato dal Comune di Modena per fornire aiuto concreto ai cittadini.

Consulta la pagina dedicata