Zanzara tigre

Impedire ogni occasione di moltiplicazione della zanzara per contrastarla efficacemente

Tutti gli anni, dal periodo primaverile, si inizia a parlare di zanzare e di come difenderci dalle loro punture legate a problematiche sanitarie ormai ben note: la zanzara tigre potrebbe potenzialmente trasmettere Chikungunya, Dengue o Zika e la zanzara comune il virus West Nile.
Il fatto che siano le zanzare ad essere il vettore di queste patologie ci permette di utilizzare semplici azioni di prevenzione per poter colpire il vettore (le zanzare appunto) ed arrivare ad avere successo nell'impedire il diffondersi delle sopra citate malattie.

Infatti, se le zanzare NON sono in grado trasmettere il Coronavirus, possono però trasmettere altri virus con la loro puntura: la zanzara tigre potrebbe potenzialmente trasmettere Chikungunya, Dengue o Zika e la zanzara comune potrebbe essere vettore di virus West Nile.

Come negli anni passati il programma di lotta al vettore prevede, già nei mesi primaverili, lo svolgimento di trattamenti larvicidi delle caditoie stradali e lungo i canali (effettuati dal Comune) e dei tombini siti nelle aree private (effettuati dai cittadini). I trattamenti adulticidi invece sono previsti solo in casi eccezionali, su indicazione dell'AUSL per evitare fenomeni di resistenza negli insetti.

Rimane sempre attivo, in caso di emergenza sanitaria, il piano straordinario di lotta sia nelle aree pubbliche, mirato a limitare la riproduzione della zanzara con trattamenti notturni di disinfestazione sia il coinvolgimento delle aree private situate nei pressi dell'abitazione dell'ammalato.

Le aree private costituiscono la maggior parte dei siti a rischio, è quindi fondamentale che ogni singolo cittadino, enti, istituzioni, società, aziende, ospedali, centri e associazioni sportive, amministratori condominiali provvedano alla rimozione di tutti i potenziali focolai larvali (tutti i possibili ristagni d'acqua) e al trattamento con larvicidi di quelli che non possono essere eliminati (tombini, caditoie, pluviali delle grondaie, ecc.) mettendo in pratica alcune semplici norme di comportamento indicate nell’Ordinanza Comunale.

Queste azioni sono efficaci sia nei confronti della zanzara tigre che della zanzara comune, potenziale vettore di West Nile virus. Tale virus, anche se risulta asintomatico nell'80% delle persone che ne vengono in contatto, può causare febbre o addirittura complicanze importanti in persone debilitate.

Fondamentale è ricordarsi che una delle azioni più efficaci nei confronti di entrambi i tipi di zanzare è la protezione individuale: installazione di zanzariere, emanatori, repellenti cutanei, vestiti lunghi e chiari quando si staziona all'aperto.

E teniamo sempre a mente che esistono in natura dei competitori naturali: uccelli, pesci, anfibi, pipistrelli, ecc. E' importante quindi non ostacolare tali predatori naturali.
Quest'anno un accento particolare preme metterlo sulle apparecchiature automatiche per la distribuzione di insetticidi chimici o prodotti repellenti che che negli ultimi anni vengono proposte come fossero un toccasana per l’eliminazione delle zanzare. Questi meccanismi, simili a un normale impianto di irrigazione automatica, sono dotati di un serbatoio che contiene il prodotto ad azione repellente e/o insetticida, che viene aerodisperso con una frequenza temporale predefinita dall’utente tramite una centralina.

E' da tener presente che i prodotti presentati al pubblico con funzione di abbattimento e/o allontanamento di insetti molesti debbono essere preventivamente autorizzati dal Ministero della salute, al fine di assicurarne l’efficacia e, in particolare, la sicurezza per l’uomo e l’ambiente se impiegati secondo le condizioni prescritte.

La possibilità di un impiego di prodotti insetticidi o insetto repellenti attraverso impianti automatici per la nebulizzazione con frequenza temporale predefinita è quindi da considerarsi ammissibile ove espressamente prevista o comunque conforme alle indicazioni riportate nelle autorizzazioni rilasciate dal Ministero della salute. Inoltre si deve porre attenzione al prodotto irrorato la cui modalità di impiego attraverso questi strumenti deve essere espressamente prevista o essere comunque conforme a quanto riportato nel provvedimento di autorizzazione.

Riportiamo il link al sito regionale in cui potete trovare maggiori informazioni in merito: Sistemi automatici per la lotta alle zanzare (zanzaratigreonline.it)
E' ormai consolidata la consapevolezza dell'importanza dei singoli comportamenti nel raggiungimento di grandi obiettivi per la collettività per sviluppare un efficace programma di lotta agli insetti nelle pertinenze private e di prevenzione delle malattie da questi trasmesse.

Ogni aspetto della Campagna di sorveglianza e lotta contro le zanzare è definito in accordo con le linee guida della Regione Emilia-Romagna.
L’Assistenza Tecnico Scientifica ai progetti di sorveglianza e lotta alle zanzare nel Comune di Modena è stata affidata al Centro Agricoltura Ambiente Giorgio Nicoli di Crevalcore (BO).
Il monitoraggio si svolge con la collaborazione degli Ecovolontari (GEVV), che da tempo, riguardo ai temi ambientali, rappresentano un punto di riferimento importante per tutti i cittadini.

Altre risorse

Questa pagina ti è stata utile?