Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Edizioni antiche Biblioteca Poletti

Provengono sia da lasciti e donazioni di illustri modenesi, sia da acquisti fatti dalla biblioteca fin dalla sua apertura nel 1872.

Fondo dell'architetto Luigi Poletti
Il nucleo costitutivo del patrimonio antico della biblioteca deriva dal lascito dell'architetto Luigi Poletti (4.600 volumi del XVI-XIX sec.), di rilevante interesse e pregio per la rarità delle edizioni e l'abbondanza di tavole incise: si tratta di testi prevalentemente di carattere storico-artistico, con particolare riguardo per la storia, la teoria e la pratica dell'architettura. Significativa anche la presenza di opere scientifiche di matematica, geometria, chimica, geologia, ingegneria idraulica e meccanica.

Oltre al fondo Poletti, si segnalano i fondi di provenienza privata più consistenti e significativi:

Fondo del marchese Giuseppe Campori
2.000 volumi dal XVI al XIX sec., legato ai molteplici interessi che la sua versatile personalità coltivò nel settore della storia e critica d'arte.

Fondo dell'architetto Vincenzo Maestri
290 volumi dal XVI al XIX sec., studioso di archeologia e cultura locale, con innumerevoli incarichi pubblici: opere di interesse prevalentemente storico-artistico.

Fondo del professore Chiaffredo Hugues
470 volumi dal XVI al XIX sec., cultore degli studi storico-artistici. Il nucleo più consistente è costituito da testi sulla pittura e sul disegno (trattati, manuali, studi teorici e critici, biografie).

Fondo del generale Antonio Morandi
960 volumi dal XVI al XIX sec., molto ricco soprattutto di opere di economia, diritto, storia militare, geografia, storia italiana ed europea.

Fondo del professore Giuseppe Silingardi
2.800 volumi dal XVI al XIX sec., a lungo insegnante al ginnasio di Modena e scrittore colto e prolifico: il nucleo più consistente è rappresentato da opere di lettaratura, linguistica e storia.

Fondo del bibliofilo Gustavo Baccarani
116 volumi dei secoli XVI, XVIII, XIX, ricco di opere d'interesse prevalentemente letterario: classici antichi e moderni, sia italiani che stranieri, in parte illustrati.

Fondo dell'avvocato Ercole Zuccoli
240 volumi del XVIII e XIX sec.: presenta una spiccata prevalenza di testi scientifici, per lo più ad uso scolastico, tecnico-professionale e di divulgazione popolare.

Immagine sopra: Jacopo Barozzi, Regola delli cinque ordini d'architettura, In Siena, Pietro Marchetti for., 1635

 

 

Cataloghi edizioni antiche

 

Cinquecentine
Le 331 edizioni del XVI secolo sono presenti nel catalogo on line BiblioMo. La biblioteca ha partecipato, inoltre, al censimento nazionale delle edizioni stampate in Italia e di quelle in lingua italiana stampate all’estero dal 1501 al 1600 (catalogo online EDIT 16).

Seicentine
Versione on line del catalogo a stampa e su CD pubblicato nel 1999. La descrizione catalografica è arricchita da circa 3.000 immagini di occhietti, frontespizi, antiporte, epistole dedicatorie, epistole al lettore, imprimatur, privilegi, colophon, registri, stemmi e ritratti. Dal 2006 le seicentine sono presenti nel catalogo online BiblioMo senza riproduzioni.

Edizioni 1701-1899
Nel 2003 è stata avviata la catalogazione in SBN, tuttora in corso. La ricerca nel catalogo online BiblioMo dovrà, pertanto, essere integrata con la consultazione del catalogo cartaceo in biblioteca.

 

 

Galleria immagini

 

                      
1                                                         2                                                         3                                                         4

 

                      

5                                                         6                                                         7                                                        8



Legenda

1. Valentino Pini, Fabrica de gl'horologi solari, In Venetia, appresso Marco Guarisco, 1598
2. Georg Andreas Bockler, Theatrum machinarum novum, exhibens aquarias, alatas, iumentarias, manuarias; pedibus, ac ponderibus versatiles, plures, et diversas molas, Noribergae, sumptibus Pauli Furstii technipragmatici, 1662
3. Galasso Alghisi, Delle fortificationi di M. Galasso Alghisi da Carpi architetto dell'eccellentiss. signor duca di Ferrara. Libri tre, Venezia, Grazioso Percacino, 1570
4. Giorgio Vasari, Delle vite de' più eccellenti pittori scultori et architetti, In Bologna, presso gli eredi del Dozza, 1647
5. Agostino Valentini, La patriarcale basilica Vaticana, Roma, 1845-1855
6. Athanasius Kircher, Musei kirkeriani in Romano Soc. Iesu collegio aerea notis illustrata, Romae, ex typographia Johannis Zempel, 1763-1765
7. Onofrio Panvinio, De ludis circensibus, Patauii, typis Pauli Frambotti bibliopolae, 1642
8. Giacono Zanoni, Istoria botanica, In Bologna, per Gioseffo Longhi, 1675