Meschiari Lisa

Indietro
Un viaggio in mongolfiera……
Sono iniziate da poco le vacanze estive, Roberta, che abita a Roma con la famiglia, decide di andare a trovare il nonno, con suo fratello Giuseppe. E' una mattina molto afosa, quando vedono il nonno Armando trafficare con un oggetto immenso di stoffa, lo guardano, non capiscono e Roberta sussurra a Giuseppe che le sembra un pallone, chiede:" Nonno, cos'è quell'oggetto dietro di te, che non riesco a capire?".
Il nonno: " Oggi riordinando in garage, ho trovato uno scatolone molto grande, e dentro c'era questa mongolfiera. Penso che fosse di mio padre, e che desiderasse farla volare!".
Giuseppe incuriosito da questa mongolfiera, chiede:" Nonno, visto che il tuo papà non è mai riuscito a farla volare, perché non ci proviamo noi?"
" Io ho già provato a farla volare, ma non tiene il calore, penso ci sia un buco nel pallone. Se volete farci un giro, vi conviene rimboccarvi le maniche e darmi una mano."
Dopo una caccia al buco, Roberta dice: " Nonno ho trovato il buco che cosa facciamo?"
" Bisogna rattoppare il buco con una pezza, gli aghi, i fili; le pezze sono in un cestino sotto il telefono in casa."
Roberta rattoppa il buco, la mongolfiera è pronta verso sera.
Giuseppe dopo tanta fatica, dice: " Mi è venuta un'idea, abbiamo a disposizione i tre mesi delle vacanze estive, perché non andiamo a fare un viaggio?"
Il nonno ci pensa un attimo e risponde: " Perché no? Farà bene a tutti e tre un po' di divertimento! Č ora che vi riporti a casa!"
Arrivati a casa dei nipoti, trovano sia la madre Elisabetta, che il padre Massimo e il nonno dice: " Oggi, io e i ragazzi, abbiamo pensato di fare un viaggio per tutta l' estate, in mongolfiera, in giro per il mondo!"
La madre quasi sviene, invece il padre tranquillo risponde: " Vi voglio dire è che io e la mamma vi diamo il permesso."
La madre, sentite queste parole, si arrabbia: " Ma sei matto a mandarli a fare un viaggio in giro per il mondo, loro tre da soli, addirittura in mongolfiera!!". Ma alla fine si convince. I preparativi per il viaggio sono lunghi, finalmente il fatidico giorno arriva. Prima di partire il nonno e i ragazzi rassicurano ancora una volta la madre. "Pronti? Si parte!!!
Oggi fa molto caldo, ci affacciamo dalla mongolfiera per vedere il panorama… c'è una città grandissima.
Atterriamo e solo allora capiamo dove ci troviamo. Dopo tante ore di viaggio, siamo ancora in Italia, ma in una città nuova, Milano. Appena scesi a terra, Roberta prova a convincere il nonno e Giuseppe a visitare la città. Al nonno e a Giuseppe non interessa visitare musei e monumenti, allora il nonno da il permesso a Roberta di andare da sola, lui e Giuseppe visitano la città, ma solo per comprare souvenir e provviste per il viaggio. Quella notte si fermano a Milano, ma ripartono all'alba.
Arrivano in Francia, nella capitale che i ragazzi hanno sempre sognato di visitare, perché il nonno era nato a Parigi. Questa volta decidono di fermarsi qualche giorno, per vedere i musei, i quartieri più belli, e soprattutto il quartiere dove era nato e cresciuto il nonno.
Il viaggio continua,vedono tante città nuove: Barcellona, Madrid, Lisbona, Budapest, Praga, Berlino…. in questa vacanza con il nonno i ragazzi si divertirono molto e i tre mesi passano in un lampo. L'ultimo giorno di libertà restano in mongolfiera tutto il giorno, le vacanze sono finite, sono già a casa del nonno, i ragazzi non se ne accorgono, perché dormono, quando atterrano i due ragazzi si sono appena svegliati.
Mentre i ragazzi aiutano il nonno a sistemare la mongolfiera, già pensano al viaggio dell'anno prossimo……
In lontananza Roberta sente la voce della madre che la chiama… peccato era solo un sogno……
Roberta scende in salotto , vede il nonno, gli racconta il sogno e con sua grande gioia scopre che la mongolfiera esiste veramente…..


Meschiari Lisa

Indietro Ti sei perso? Clicca qui!