Pomponio Serena

Indietro
Il mio sogno
1..2..3..4..5..6..7..8 mi ripetevo sempre!!! Fin da piccola questi numeri sono stati importantissimi, e appena li potevo abbinare con una bellissima canzone…ero già lì, pronta a dare il massimo di me stessa lasciandomi trasportare dalla musica. In compagnia di due mie amiche per divertirmi, inizio a ballare facendo finta di essere una ballerina di successo. Ad un tratto sento qualcuno che mi tocca la spalla…è un ragazzo bellissimo e, dal suo abbigliamento capisco che gli piace molto la musica! Parliamo della nostra vita quotidiana,poi mi dice che gli piace molto il mio modo di ballare…. E che frequenta la scuola d'arte di Londra,mi chiede se mi piacerebbe visitarla…..
Vedo alcuni ragazzi che ballano, il mio sguardo trasmette una forte sensazione a Michael, balliamo anche noi…... Parliamo al lungo della scuola d'arte, ma io gli dico che non c' è nessuna possibilità e, involontariamente uso un tono poco carino. Mi scuso subito con lui e cambio immediatamente discorso; non so il perché, però ci tiene molto a convincermi ad iscrivermi…è cosi bello parlare con lui! Vorrei che quella conversazione non finisse mai!
Mi accompagna a casa, questo gesto mi fa capire che è l'inizio di una bellissima "amicizia"; a dire la verità Michael mi piace moltissimo sia per il carattere che fisicamente, per ringraziarlo della bellissima giornata trascorsa, gli dico che durane la notte avrei riflettuto sulla sua proposta e che mi sarebbe molto piaciuto rivederlo…lui mi risponde: " PUOI CONTARCI!".
Apro la porta felicissima, corro subito in camera mia e accendo lo stereo…mille emozioni, mille sentimenti e scoppio a piangere. Piango per tutta la notte perché la nostra condizione economica non ci permette di pagare la scuola. E' giorno, raggiungo le solite mete, con la speranza di rivedere Michael, ma invano, torno a casa un po' delusa, accendo la radio e sento il campanello suonare. Apro la porta e…un tonfo al cuore!!! ho di nuovo davanti a me quei bellissimi occhi che mi fanno sognare!!!! Lo invito in casa e, fidandomi di lui come se lo conoscessi da tantissimo tempo, gli spiego la mia situazione: gli racconto che il mio sogno è la danza, e che pur avendo molte opportunità, non posso iscrivermi in nessuna scuola perché la mia famiglia non può sostenere quelle spese. E' tardi e Michael va a casa promettendomi una bellissima sorpresa… E' tutto un sogno,o è realtà?
Mi sveglio alle 7.30, vado a fare colazione e di colpo si sentono delle urla provenire dal salotto; spaventata corro subito verso i miei genitori per capire cosa succede, la scena che mi trovo davanti è indimenticabile! Mia madre, mio padre e mio fratello che saltano sul divano! In quel momento non so se credere che siano diventati tutti matti o cosa…e allora mia madre mi mostra il biglietto della lotteria: ora possiamo far fronte agli impegni della famiglia! Dopo i festeggiamenti, io parlo della possibilità di iscrivermi alla scuola d'arte di Londra, precisando che è una cosa a cui tengo molto. Il pomeriggio esco come al solito, rivedo Michael che, come promesso, ha una sorpresa per me. Mi porta in uno strano posto isolato, e dallo zaino tira fuori uno stereo…gli chiedo spiegazione e lui mi confessa che in questo " posto fantasma" si allena oppure balla quando ha bisogno di sfogarsi. Accende la radio e mi spiega che l'hip-pop descrive la nostra vera personalità e che se riusciamo a trovare un buon rapporto con la musica, è buono anche il rapporto che abbiamo con gli altri.Mi fa vedere alcuni passi e dentro di me sento come una scossa. Ci divertiamo, poi torniamo verso casa, come al solito mi riaccompagna fino alla porta; non riesco a tenere il segreto e gli dico, che grazie alla vincita dei miei genitori, ora posso iscrivermi alla scuola d'arte.
Così il mio sogno si realizza.
Capisco che solo se si crede veramente nei propri sogni, sipossono vedere realizzati.


Pomponio Serena
Indietro Ti sei perso? Clicca qui!