Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Poesiafestival'19: 'Cantiere poetico'

Martedì 17 settembre, ore 17.30, Biblioteca Delfini - Dialogo sul volume 'Poesia marzolina' elaborato dagli studenti dell'Istituto A. Venturi (MO)

 

 

 

 

 

 

 

 

Cantiere poetico

Martedì 17 settembre, ore 17.30, Biblioteca Delfini

Un momento di confronto sulla poesia e sulle attività che la celebrano. Ascoltiamo com'è nato il volume collettivo Poesia marzolina, scaturito dai laboratori pittorici con cui gli studenti dell'Istituto d'arte A. Venturi (MO) hanno dialogato con i poeti.

Partecipano Roberto Alperoli, Enrico Ferri, Emilio Rentocchini. Leggono le loro poesie Evaristo Seghetta e Marco Marangoni, in dialogo con Alberto Bertoni e Roberto Galaverni.

 

Roberto Alperoli

poeta e amministratore modenese, ha ideato il Poesia Festival nel 2005. È autore di quattro libri di poesia, tra cui l’ultimo Il cielo di oggi (Incontri Editrice, 2014). Il suo sodalizio con Alberto Bertoni ed Emilio Rentocchini ha dato alle stampe due raccolte collettive di versi Recordare, apparsa nel 2011, seguita da Cani alla catena, con introduzione di Marco Santagata, nel 2017, entrambe per Incontri.

 

Alberto Bertoni

modenese, insegna Letteratura italiana contemporanea all’Università di Bologna. Tra i suoi numerosi contributi sulla poesia, si segnalano i più recenti Trent’anni di novecento. Libri italiani di poesia e dintorni 1971-2000 (Book Editore, 2006) e La poesia contemporanea (Il Mulino, 2012). Come poeta, è autore di dieci libri di poesia, tra cui Zàndri (Ceneri), in dialetto, e Versi modenesi (Book Editore, 2018). Per Nino Aragno editore ha raccolto i suoi testi dal 1980 al 2014, Poesie (2018). Il suo sodalizio con Roberto Alperoli ed Emilio Rentocchini ha dato alle stampe due raccolte collettive di versi Recordare, apparsa nel 2011, seguita da Cani alla catena, con introduzione di Marco Santagata, nel 2017, entrambe per Incontri Editrice.

 

Enrico Ferri

è docente di materie letterarie presso l’Istituto d’Arte A. Venturi di Modena e ha ideato il laboratorio Poesia marzolina, che è diventato recentemente un volume con i testi dei poeti e i lavori pittorici degli studenti.

 

Roberto Galaverni

modenese, è critico letterario del Corriere della Sera. Tra i suoi volumi più importanti, l’antologia Nuovi poeti italiani contemporanei (Guaraldi, 1996), la raccolta d’interventi critici Dopo la poesia. Saggi sui contemporanei (Fazi Editore, 2002) e il pamphlet Il poeta è un cavaliere Jedi. Una difesa della poesia (Fazi Editore, 2006). Svolge in Italia e all’estero una consistente attività come insegnante e conferenziere. Il suo ultimo libro è una guida tra le migliori poesie del 2017, Poesie italiane 2017 (Elliot, 2018).

 

Marco Marangoni

poeta e critico letterario, è stato tra gli ideatori del progetto Ossigeno nascente. Atlante dei poeti contemporanei per l’Università di Bologna. Ha pubblicato diverse raccolte di versi, in ultimo La passione degli anni (Stampa 2009), uscito l’anno scorso.

 

Emilio Rentocchini

sassolese, è annoverato tra i maggiori poeti italiani dall’uscita del volume Ottave (Garzanti, 2001), seguito da Giorni in prova (2005), poesie in italiano, e Del perfetto amore (2008), pubblicati da Donzelli. Sulla sua opera la regista Daria Menozzi ha girato il film Giorni in prova. Emilio Rentocchini poeta a Sassuolo (2006). Nel 2016 vince il premio Lerici Pea per la poesia in dialetto. Con la raccolta 44 ottave (Book Editore, 2019), giunge al numero tondo di 300 ottave pubblicate. Il suo sodalizio con Roberto Alperoli e Alberto Bertoni ha dato alle stampe due raccolte collettive di versi Recordare, apparsa nel 2011, seguita da Cani alla catena, con introduzione di Marco Santagata, nel 2017, entrambe per Incontri.

 

Evaristo Seghetta

ternano, ha pubblicato quattro raccolte di versi, tra cui l’ultima Paradigma di Esse (Passigli, 2017).

 

 

Poesiafestival'19

La XV edizione della kermesse poetica sviluppa un programma fin dalle sue origini finalizzato alla 'diffusione della poesia' intesa come 'uno strumento di profondità, di maggior comprensione del mondo, di conforto e di purificazione del linguaggio. Fare e ascoltare poesia vuol dire potenziare e raffinare gli strumenti di sensibilità e di riflessione delle persone'.

L'iniziativa è promossa dall'Unione Terre dei Castelli.

Programma