Tu sei qui: Home / Sportello Unico / Impresa / Procedimento Semplificato

Procedimento Semplificato

(art. 4 D.P.R. 447/98 e successive modifiche)
E' detto anche procedimento mediante conferenza di servizi.
Viene usato:
  • per gli impianti e i depositi descritti nell'articolo 27 del D. Lgs. 112/98;
  • nei casi previsti nell'articolo 1, comma 3 del D.P.R. 447/98 e successive modifiche;
  • quando il richiedente non vuole usare il procedimento per autocertificazione
Avvio del procedimento
Il procedimento inizia con la presentazione della domanda allo Sportello Unico, che si occupa poi di coinvolgere le amministrazioni e di ottenere gli atti istruttori e i pareri tecnici necessari.
Conclusione del procedimento
Le amministrazioni devono rispondere alla richiesta dello Sportello Unico entro 90 giorni. Appena ottenuti i pareri, lo Sportello Unico redige l'atto finale. Il provvedimento conclusivo del procedimento sostituisce tutte le autorizzazioni e i pareri, ed è il titolo unico per la realizzazione dell'intervento richiesto.
Se l'intervento richiede la valutazione di impatto ambientale il termine è di centoventi giorni, ampliabile al massimo di altri sessanta giorni.
Sospensione del procedimento
Se nel corso dell'istruttoria si riscontra la mancanza di documentazione, può essere richiesta una sola integrazione, entro 30 giorni dalla presentazione della domanda. Il termine di 90 giorni per la risposta resta sospeso fino alla presentazione degli atti integrativi richiesti.
Risposta negativa da altre amministrazioni
Se una delle amministrazioni dà parere negativo alla richiesta, deve comunicarlo entro 3 giorni allo Sportello Unico; il procedimento allora si intende concluso, e lo Sportello Unico ne dà comunicazione al richiedente. Il richiedente, entro 20 giorni dalla comunicazione, può chiedere allo Sportello Unico di convocare una conferenza di servizi per concordare le modifiche da apportare al progetto e ottenere una risposta favorevole. Si tratta di una conferenza istruttoria perché ordinata a trovare soluzioni che il richiedente dovrà far proprie e in base alle quali presentare un nuovo progetto.
Mancata risposta da altre amministrazioni
Se nei 90 giorni una o più amministrazioni non danno risposta, entro i successivi 5 giorni il responsabile del procedimento convoca una conferenza di servizi.Alla conferenza possono partecipare con osservazioni tutti i soggetti che hanno interessi legati alla realizzazione dell'intervento.Il verbale della conferenza dei servizi sostituisce tutti i pareri e gli atti altrimenti necessari.Il verbale con le decisioni prese in conferenza dei servizi sostituisce il provvedimento amministrativo conclusivo del procedimento. Il procedimento si conclude nel termine massimo di cinque mesi.
Per le opere da sottoporre a valutazione di impatto ambientale il procedimento si conclude nel termine di nove mesi.
Per i progetti di centrali termoelettriche e turbogas sottoposti alle procedure di inchiesta pubblica di cui all'allegato IV del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 dicembre 1988, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 4 del 15 gennaio 1989, il procedimento si conclude nel termine di dodici mesi.