Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

30 anni di Erasmus: Carta della Generazione Erasmus e nuova piattaforma di partecipazione

Trent'anni fa, grazie alla forte volontà dei responsabili politici europei, degli studenti e delle Università, nasceva il programma Erasmus.
Da allora è andata crescendo una generazione composta da nove milioni di ex studenti, apprendisti, volontari, professori ed educatori.
Il 9 maggio, giornata dell’Europa, si è svolta a Firenze, nel Salone de’ Cinquecento in Palazzo Vecchio, la conferenza “Erasmus+ e il futuro dell’Europa”, con l’obiettivo di avviare un dialogo tra decisori politici, studenti e partecipanti al Programma Erasmus per dare un nuovo impulso all’Europa di domani.
Nella prima parte della mattinata, rappresentanti di Indire, garagErasmus ed Erasmus Student Network Italia hanno consegnato ai decisori politici la Carta della Generazione Erasmus, il documento politico-culturale elaborato da studenti ed ex partecipanti al Programma nell’ambito
degli Stati Generali della Generazione Erasmus. Il documento è disponibile a Modena presso il centro Europe Direct, oppure online al link:
La Commissione europea ha lanciato per l’occasione un punto d'incontro virtuale, che servirà a costruire insieme il futuro del programma dopo il 2020: http://app.wetipp.com/erasmusplusgeneration/wall/ . Da questa nuova piattaforma gli utenti, una volta effettuata la registrazione, possono condividere il proprio punto di vista sul futuro del programma Erasmus+ postando le loro storie, raccomandando progetti di successo, organizzando attività ed eventi o creando un proprio gruppo. Per rendere gli scambi di idee il più interattivi possibile, la piattaforma offre un insieme di funzionalità diverse: per stimolare la discussione grazie allo scambio di idee, video e documenti; per poter discutere e commentare le proposte avanzate; per votare per le idee preferite; per poter programmare eventi e gruppi di discussione ovunque in Europa.