Nuovo piano d'azione per l'integrazione e l'inclusione 2021-2027

Il piano, presentato lo scorso 24 novembre dalla Commissione europea, promuove l'inclusione per tutti riconoscendo l'importante contributo dei migranti all'UE.

Circa l'8 % degli abitanti europei sono nati fuori dall'UE e il 10 % dei giovani (di età compresa tra 15 e 34 anni) nati nell'UE hanno almeno un genitore nato in un paese terzo. I migranti e i cittadini provenienti da un contesto migratorio svolgono un ruolo cruciale nella società europea e in vari settori della nostra economia, anche come lavoratori essenziali. Tuttavia, continuano a sperimentare difficoltà nell'accesso all'istruzione, all'occupazione, all'assistenza sanitaria e all'inclusione sociale.

A completare le strategie esistenti e future dell'UE volte a promuovere l'uguaglianza e la coesione sociale, lo scorso 24 novembre è stato presentato dalla Commissione europea il piano d'azione per l'integrazione e l'inclusione.

Il piano d'azione propone un sostegno mirato e su misura che tiene conto delle singole caratteristiche che possono porre specifiche difficoltà alle persone provenienti da un contesto migratorio, come il genere o la religione. Le principali azioni previste riguardano: istruzione e formazione inclusiva; maggiori opportunità di impiego e un migliore riconoscimento delle competenze; promozione dell'accesso ai servizi sanitari; accesso ad alloggi adeguati a prezzi accessibili.

Il piano d'azione sarà attuato mobilitando finanziamenti dell'UE e creando partenariati con tutti i soggetti coinvolti: migranti, comunità di accoglienza, parti economiche e sociali, società civile, autorità locali e regio-nali e settore privato. Potenzierà e sosterrà il ruolo delle comunità locali nella formulazione e nell'attuazione delle misure e dei programmi di integrazione, accentuando al contempo la responsabilità dei singoli individui per quanto riguarda la partecipazione alla società ospitante. Cercherà di modernizzare l'accesso ai servizi ricorrendo a strumenti digitali. Infine, migliorerà la base di conoscenze per favorire l'ulteriore sviluppo delle politiche e per assicurare un valido monitoraggio dei risultati.

 

Per approfondire consultare il sito della Commissione europea – Rappresentanza in Italia