Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Prima relazione della Commissione in materia di previsione strategica: verso un'Europa più resiliente

Per la prima volta in assoluto, la Commissione europea ha presentato una relazione in materia di previsione strategica, intesa a individuare i problemi emergenti e le opportunità per orientare meglio le scelte strategiche dell'Unione europea.

La previsione strategica fungerà da base per le principali iniziative politiche e aiuterà la Commissione a elaborare politiche e normative adeguate al futuro, che rispondano sia alle attuali esigenze dei cittadini europei che alle loro aspirazioni a lungo termine. La relazione 2020 illustra le ragioni per cui è opportuno ricorrere alla previsione strategica nel processo di elaborazione delle politiche dell'UE e introduce un concetto globale di resilienza dell'UE.

Alla luce dell'ambizioso Piano europeo per la ripresa, la relazione in materia di previsione strategica 2020 esamina la resilienza dell'UE sotto 4 aspetti: sociale ed economico, geopolitico, verde e digitale. Per ciascun aspetto la relazione indica le capacità, le vulnerabilità e le opportunità evidenziate dalla crisi del coronavirus, che devono essere affrontate a medio e lungo termine.

La previsione strategica consente di migliorare l'elaborazione delle politiche, sviluppare strategie adeguate al futuro e garantire che le azioni a breve termine siano coerenti con gli obiettivi di lungo termine. La Commissione si basa sulla previsione strategica da molti anni e ora intende integrarla in tutti i settori per sfruttarne il valore strategico.  L'integrazione della previsione strategica sarà realizzata mediante:

  • lo svolgimento sistematico di attività di previsione in relazione a tutte le principali iniziative strategiche;
  • la pubblicazione di relazioni annuali di previsione strategica lungimiranti, che analizzino le tendenze e i problemi emergenti al fine di orientare il nostro processo decisionale e politico;
  • il sostegno allo sviluppo di capacità di previsione nelle amministrazioni dell'UE e degli Stati membri;
  • la costituzione di una comunità collaborativa e inclusiva, di cui facciano parte l'UE, le istituzioni e i partner internazionali, che svolga tali attività di previsione.
Vai al sito della Commissione europea - Rappresentanza in Italia