Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Retrospettiva itinerante "1989-2019 - Trent'anni senza muro" alla Sala Truffaut

Modena, prossima proiezione Mercoledì 27 Novembre 2019
Un progetto delle casa di distribuzione indipendente Reading Bloom che porta nella sale italiane tre lungometraggi documentari sulla DDR a cavallo del 1989. La rassegna "1989-2019 - Trent'anni senza muro", curata da Federico Rossini e Alessandro Del Re, è volta a presentare al pubblico uno spaccato di vita di quel periodo. Tutti i titoli in programma, realizzati da registi dell'ex DDR, provengono dagli archivi della Deutsche Kinemathek (Museo del film e della televisione di Berlino) e della DEFA (Deutsche Film AG).
SALA TRUFFAUT
Mercoledì 13 Novembre - ore 21.15
WINTER ADE' (Addio inverno)
Helke Misselwitz - 1989 - DDR - b/n - 112'
Poco prima del crollo della DDR, Helke Misselwitz ha viaggiato in treno attraverso il Paese, intervistando donna della Germania dell'Est di varie età e provenienze, rivelando le loro frustrazioni, speranze e aspirazioni personali e professionali. Misselwitz dipinge il quadro di una società che cambia.
Mercoledì 20 Novembre - ore 21.15
DIE MAUER (Il muro)
Jurgen Böttcher - 1990 - DDR - colore - 99'
Un film sugli ultimi giorni del Muro di Berlino nel centro della città intorno a Potsdamer Platz e alla Porta di Brandeburgo, in cui lo smantellamento del muro pervade i sensi. Il film più rappresentativo della caduta del Muro di Berlino in cui le immagini sono mostrate sullo sfondo acustico di macchine edili, masse curiose e l'arrivo inarrestabile dei media. Die Mauer riflette l'anima di Berlino in quei giorni di cambiamento.
Mercoledì 27 Novembre - ore 21.15
VERRIEGELTE ZEITE (Tempo bloccato)
Sybille Schönemann - 1990 - DDR - b/n - 94'
Sybille Schönemann era una regista della Germania dell'Est che nel 1984, con suo marito, è stata arrestata dalla Stasi e incarcerata per poi essere esiliata nella Germania Occidentale. Dopo la riunificazione,è tornata il patria con una troupe cinematografica per incontrare i suoi "carnefici", che non hanno mostrato alcun rimorso...