Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Shaping Fair Cities - Integrare all'interno delle politiche locali, in tempo di grandi flussi migratori, l'Agenda 2030

 

Shaping Fair Cities è un progetto che intende aumentare la consapevolezza e coinvolgere attivamente decisori locali, funzionari pubblici, organizzazioni e cittadini nell’applicare a livello locale gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 (Sustainable Development Goals - SDGs), promuovendo il ruolo cruciale delle autorità locali nell'attuazione dei nuovi obiettivi e aprendo la strada a una Agenda 2030 locale.

Gli SDGs sono un insieme di 17 ambiziosi obiettivi globali, definiti nel 2015 e sviluppati attraverso un dialogo tra Stati membri delle Nazioni Unite, autorità locali, società civile, settore privato e altre parti interessate. Il progetto concentra l’attenzione su 4 SDGs: città sostenibili e resilienti (SDG 11); società pacifiche e inclusive (SDG 16); tutela dell’ambiente (SDG 13); parità di genere (SDG 5).

L’obiettivo è integrare l'Agenda 2030 nelle politiche locali, tenendo conto delle attuali sfide migratorie, attraverso una campagna di comunicazione ed un progetto di advocacy, condotti e realizzati dalle autorità locali coinvolte.

Il progetto prevede, fra le altre cose:

- attività di formazione e comunicazione, per educare e sensibilizzare cittadini e autorità locali;

- la produzione di diverse tipologie di materiali (videoclip, spot, info-grafiche, poster, volantini, cartoline, gadget, ecc.) e lo sviluppo di strumenti specifici da parte di organizzazioni della società civile, della cultura e dell'industria creativa;

- l’introduzione di diversi strumenti digitali, con una particolare attenzione al coinvolgimento di migranti e di gruppi vulnerabili e in una prospettiva di genere, come una piattaforma di apprendimento delle politiche, un canale YouTube di progetto e un web doc, prodotto con il coordinamento della Regione Emilia-Romagna;

- l’organizzazione dei “Fair Cities Days”, un evento europeo di tre giorni a Bologna, riservato a rappresentanti delle autorità locali, direttori aziendali, esperti e professori, che comprenderà laboratori, conferenze e dibattiti per studiare e approfondire i temi proposti, con l'obiettivo di creare una sinergia tra politica e aziende ed avviare un dibattito strategico sull'attuazione delle politiche di sviluppo a livello cittadino. Un'area speciale dell’evento accoglierà gli stand delle città partner, per permetter loro di far conoscere risultati, strumenti e progetti realizzati.


Candidatura

2017

Ente finanziatore

Commissione europea - EuropeAid

Programma

Programma Dear (Development Education and Awarareness Raising Programme)

Leader

Regione Emilia-Romagna (italia)

Partner

Albania: Comune di Scutari

Croazia: Comune di Spalato

Danimarca: Comune di Vejle

Grecia: Comune di Patrasso

Italia: Comune di Modena; Università di Bologna; Comune di Forlì; Fondazione E35; Comune di Reggio Emilia; WeWorld-GVC; Women of Mediterranean east and south European network

Mozambico: Comune di Pemba

Polonia: Centro migrazioni di Poznan; Centro regionale della Politica sociale di Poznan

Romania: Distretto di Iasi; Ufficio Regionale Cooperazione Transfrontaliera di Iasi

Spagna: Comune di Alicante; Generalitat Valenciana

Svezia: Comune di Falkopings

Durata

36 mesi