Elezioni europee 2019 - come si vota in Italia

Elezioni europee 2019 - come si vota in Italia

Elezioni europee 2019 - come si vota in Italia

Europa - News e aggiornamenti sulle opportunità per cittadini, scuole e associazioni offerte dai programmi dell'Unione Europea

 


 

Il 26 maggio 2019 si andrà a votare per il rinnovo del Parlamento europeo. Tutti gli aventi diritto al voto in Italia potranno recarsi ai seggi dalle 7:00 alle 23:00. Essi devono votare presso il seggio elettorale in cui sono iscritti, corrispondente alla sezione nel cui ambito territoriale è compreso il loro luogo di residenza.
Per conoscere il proprio seggio elettorale, è necessario controllare la tessera elettorale o rivolgersi all'Ufficio elettorale del proprio Comune di residenza. Per poter esercitare il diritto di voto, l'elettore dovrà esibire un documento di identità valido e la tessera elettorale.

Condizioni particolari di voto sono previste per i degenti in ospedale, elettori affetti da infermità tali da renderne impossibile l’allontanamento dall'abitazione, detenuti, elettori non deambulanti in sezioni diverse dalla propria se questa non è accessibile.
Militari, forze di polizia, vigili del fuoco e naviganti possono votare nel comune in cui si trovano per causa di servizio. (CLICCA QUI)

Le Circoscrizioni
In Italia ci sono cinque circoscrizioni elettorali europee, di dimensione sovra-regionale. Un candidato può presentarsi in più circoscrizioni. Gli elettori scelgono tra i candidati presenti nelle liste della propria circoscrizione di residenza:

  • Italia nord-occidentale (Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia) - scheda grigia;
  • Italia nord-orientale (Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna) - scheda marrone;
  • Italia centrale (Toscana, Umbria, Marche, Lazio)  - scheda fucsia;
  • Italia meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria) - scheda arancione ;
  • Italia insulare (Sicilia, Sardegna) - scheda rosa.

Come votare
Il voto di lista si esprime tracciando sulla scheda, con la matita copiativa che verrà consegnata al seggio, un segno X sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta.
E' possibile (non obbligatorio) esprimere da uno a tre voti di preferenza per candidati compresi nella lista votata.
ATTENZIONE! Nel caso di più preferenze espresse, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della seconda e della terza preferenza.
Ai sensi della legge elettorale europea, tutti i paesi membri devono usare un sistema elettorale proporzionale.
La normativa italiana, inoltre, fissa la soglia di sbarramento per l'elezione dei membri italiani al Parlamento europeo a quota 4%.

I Partiti e i candidati
Per ciascun partito, movimento e gruppo politico organizzato, sono state pubblicate sul sito del Ministero dell'Interno le liste dei candidati presentate, per ciascuna circoscrizione, presso la cancelleria della Corte d’appello del capoluogo di circoscrizione sede dell’Ufficio elettorale circoscrizionale.
I dati possono essere visualizzati per circoscrizione oppure per partito, movimento o gruppo politico; inoltre, è possibile effettuare la ricerca per nome del candidato: https://dait.interno.gov.it/elezioni/trasparenza/europee2019
I programmi politici sono reperibili sui siti dei Partiti

Per restare aggiornati, consultare https://www.elezioni-europee.eu/