Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Eventi / EVENTI 2017 / Diario e note di guerra. La Grande Guerra di Battista Rompianesi
Eventi

Disposizioni per contrastare il Coronavirus

nuovo coronavirus

Sono sospese le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura inclusi quelli cinematografici e teatrali, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato, che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
I provvedimenti del Dcpm del 4 marzo 2020 sono validi fino al 3 aprile.

« aprile 2020 »
aprile
lumamegivesado
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30
Cerca evento

Misure urgenti di contenimento del contagio da Covid-19.
Sono sospese le manifestazioni organizzate, gli eventi in luogo pubblico o privato, compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico.
Sono chiusi i musei, le biblioteche e gli archivi, le aree e i parchi archeologici e i complessi monumentali.
Per informazioni sui provvedimenti consulta la pagina dedicata

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Diario e note di guerra. La Grande Guerra di Battista Rompianesi

Spettacolo

L’idea dello spettacolo nasce dai nipoti di Battista Rompianesi (1893 – 1986), in possesso del Diario e dell’Epistolario che il nonno ha conservato sull’esperienza nell’esercito e della prigionia durante la Prima Guerra Mondiale. Impressioni, pensieri, sentimenti di un soldato che scrive ai famigliari durante un conflitto tra i più sanguinosi che il XX secolo ricordi.

Lo spettacolo alterna brani musicali e canti, eseguiti dall’Orchestra MUTINAE PLECTRI e dal cantante Germano Salsi, alla lettura di estratti del Diario e delle Lettere di Battista, curata da Andrea Vaccari e Silvia Nerini, del gruppo teatrale “Il Nodo” (dell’Associazione Teatrale ARCOSCENICO), oscillando tra l’immagine ufficiale dell’Italia in guerra e quella, più veritiera, di chi ha vissuto e sofferto l’esperienza giorno per giorno.

A corredo dello spettacolo, proiezioni di immagini e filmati del tecnico Nicola Tassi.

 

Battista Rompianesi- la vita
Nato a Sassuolo nel 1893, ha vissuto quasi tutta la vita a Modena. Arruolatosi nell’aprile 1915, partecipò alla prima parte della Guerra Mondiale combattendo come sergente nell’83° Reggimento Fanteria, sul fronte in Valsugana. Fece parte dei “Plotoni Esploratori Volontari”, i coraggiosi che dovevano tagliare i reticolati nemici e che spesso non tornavano dalle missioni.
Fu preso prigioniero nel luglio 1916 nella battaglia sulle rive del torrente Maso a Borgo Valsugana. La detenzione terminò nei primi giorni del novembre 1918 dopo diversi passaggi a campi di prigionia: Mauthausen (Austria), Orsova (Ungheria - oggi in Romania), Semendria (Serbia).
Per alcuni episodi importanti svolti nel periodo 1915/16 fu decorato con la Medaglia di Bronzo al Valor Militare.
Fu decano dei poeti dialettali modenesi e socio fondatore della “Trivèla”, poeta delicato e sensibile ma anche astrofilo e falegname presso le ferrovie Provinciali della SEFTA.
Morto a 93 anni, ebbe 9 figli e un nutritissimo stuolo di nipoti.

Spettacoli
Dal 01/12/2017
Al 01/12/2017
Dove
Cajka Teatro
via della Meccanica, 19
Orario

ore 21.00

Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal