Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Eventi / EVENTI 2018 / 27 gennaio, Giorno della Memoria
Eventi

Disposizioni per contrastare il Coronavirus

nuovo coronavirus

Sono sospese le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura inclusi quelli cinematografici e teatrali, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato, che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
I provvedimenti del Dcpm del 4 marzo 2020 sono validi fino al 3 aprile.

« marzo 2020 »
marzo
lumamegivesado
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31
Cerca evento

Sono sospese le manifestazioni organizzate, gli eventi in luogo pubblico o privato, compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico.
Sono chiusi i musei, le biblioteche e gli archivi, le aree e i parchi archeologici e i complessi monumentali.
I provvedimenti del Dcpm dell'8 marzo 2020 sono validi fino al 3 aprile.
Con decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dpcm) del 9 marzo le disposizioni vengono estese su tutto il territorio nazionale con divieto di qualsiasi forma di assembramento  di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

27 gennaio, Giorno della Memoria

Incontri, lezioni, film, musica, reading, conversazioni per ricordare il Giorno della Memoria

Il 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, è riconosciuto come “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare lo sterminio del popolo ebraico, le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonchè coloro che, anche in campi eschieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

Tutti gli anni l'Amministrazione comunale, il Comitato comunale permanente per la Memoria e le Celebrazioni e l'Istituto storico, con la collaborazione della Provincia, organizzano diverse iniziative per non dimenticare ciò che accaduto. Visualizza il programma completo delle iniziative dal 23 gennaio al 4 febbraio 2018

 

Dal programma:

 

Giovedì 25 gennaio alle 10 nella sede dell’Ateneo in via Università 4 sarà deposta una corona alla lapide in memoria dei docenti e degli studenti perseguitati a causa delle leggi razziali, mentre alle 18 nella Sinagoga di piazza Mazzini si svolge una lettura di salmi e preghiere in ricordo dei deportati con Beniamino Goldstein, Rabbino capo della Comunità ebraica (comebraica.mo.re@gmail.com).


Giovedì 25 gennaio
alle 16 alla sala Giacomo Ulivi di via Ciro Menotti 137 (ex mercato ortofrutticolo)
è in programma un momento di formazione per i docenti, liberamente aperto anche a tutti i cittadini. Francesco Maria Feltri presenta “Il libro nero. Il genocidio nazista nei territori sovietici 1941 - 45” di Vasilij Grossman e Il’ja Grigor’evič Ėrenburg. A seguire, “La Shoah in Urss narrata dai sopravvissuti” con introduzione di Francesca Negri, del team didattica dell’Istituto storico di Modena


Venerdì 26 gennaio alle 15 e alle 21.15 al Teatro Cittadella va in scena “Memoria d'un viaggio di sola andata”, reading tratto da “Se questo è un uomo” e “La tregua” di Primo Levi, con la Compagnia teatrale Andrea Ferrari, a cura di Anmig e in collaborazione con Anpi (a pagamento, info tel. 059 235292), mentre alle 21.15 alla Sala Truffaut si proietta in prima visione il film “Maestro” di Alexandre Valenti e quindi “Jacopo, resti mortali e immortali” di Angela Huemer, anteprima nazionale. Sempre venerdì 26 alle 18, all’aula magna del Ferraris in via Divisione Acqui 160, “I ragazzi ricordano la shoah. Viaggio con Marta Affricano (presente in sala) nella Roma delle leggi razziali e del sabato nero” e si presentano i filmati finalisti al concorso del Miur, tra esibizioni dell’orchestra della scuola, canzoni e racconti.


Sabato 27 gennaio le iniziative proseguono alle 9 al Teatro della Fondazione Collegio San Carlo in via San Carlo 5, dove dopo la presentazione di Carlo Altini si proietta per gli studenti delle scuole superiori il film “Ogni cosa è illuminata” di Liev Schreiber (2005). Introduce al film Vittorio Iervese, del Dipartimento di Studi linguistici e culturali di UniMoRe.


Sabato 27 alle 21 al Teatro Comunale Pavarotti, appuntamento col “Concerto della memoria e del dialogo” degli Amici della Musica (www.teatrocomunalemodena.it).


Domenica 28 gennaio lo stesso film si proietta per tutti a ingresso libero fino a esaurimento posti, alle 20.30 alla tenda di viale Molza angolo Monte Kosica. Nell’occasione l’introduzione è affidata a Giulia Ricci dell’Istituto storico. Nel pomeriggio alle 18 alla Tenda, sempre domenica, è in programma l’incontro pubblico “Antisemitismo di lunga durata: il caso della Russia e dell’Urss”, argomento di cui discutono Antonella Salomoni, dell’Universita di Bologna e Carlo Saletti, della Fondazione ex Campo Fossoli. Segue un aperitivo leggero.





Conferenze, Seminari, Incontri e Lezioni, Spettacoli, Anniversari e Commemorazioni, Musica, Altri eventi
ingresso libero
Dal 25/01/2018
Al 27/01/2018
Dove
Sedi diverse, vedi programma
Orario

vedi orari nel programma

Attachments
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal