Tu sei qui: Home / Atlante delle architetture del '900 di Modena / Le 101 architetture / Spazio pubblico e città storica

Spazio pubblico e città storica

Il tema dello “spazio pubblico” è proposto, con le schede che seguono, in riferimento ai luoghi aperti come le piazze, storico paradigma dello spazio urbano destinato all’incontro e alle attività civili, o i parchi, che nel corso del Novecento cambiano sostanzialmente parte delle loro funzioni urbanistiche, assumendo a Modena particolare rilevanza nella struttura urbana, anche in termini sociali e ambientali.

La realizzazione nel Novecento delle piazze nella città storica è strettamente legata all’idea di città risanata, “igienica”, che domina a lungo la scena urbanistica italiana tra Ottocento e Novecento. I diradamenti operati dal “piccone risanatore” ridisegnano spazi e relazioni, spingendo l’espansione della città fuori dalle vecchie mura, che vengono atterrate. Oltre le mura si formano larghi varchi, spesso ampi incroci tra i viali alberati che bordano la città vecchia e delimitano le nuove geometrie della “città giardino”, come avviene in largo Giuseppe Garibaldi e in largo Aldo Moro.

C’è quindi una relazione stretta tra sviluppo urbanistico e interventi architettonici operati nel corso del Novecento nella città storica o ai suoi confini, su edifici e al loro interno. I linguaggi contemporanei vengono inseriti nella città storica, a Modena in misura minore che altrove, sostituendo preesistenze con nuovi edifici o con interventi parziali. Sorgono le case che si affacciano su piazza Libertà, ora piazza Giuseppe Mazzini, i cinema in “stile liberty”. Altri interventi vengono realizzati negli anni Trenta e poi, più diffusamente, tra gli anni Cinquanta e Sessanta, sperimentando il “linguaggio moderno” nelle sue diverse declinazioni, come nella sede della Cassa di Risparmio in Piazza Grande e negli edifici INA Casa in piazza Giuseppe Matteotti.

La scelta di proporre il tema dello spazio pubblico e della città storica, raccogliendo in questa parte delle schede eterogenei e significativi interventi del secolo scorso a Modena, è coerente con la volontà di evidenziare l’evoluzione culturale e politica nel rapporto tra architettura contemporanea e persistenze storiche.

L’evoluzione della legislazione nazionale e un mutato orientamento politico e culturale determinano infatti, dagli anni Settanta, un cambiamento radicale di approccio alla riqualificazione dei centri storici. La tutela e la conservazione attraverso il recupero e la rifunzionalizzazione degli edifici storici consentono a Modena l’utilizzo prevalente a fini pubblici del consistente patrimonio storico-architettonico presente. Gli interventi riguardano gli interni dei complessi, dove le esigenze delle nuove destinazioni portano a progettare soluzioni formalmente e strutturalmente innovative, come nel caso della nuova biblioteca della Fondazione Collegio San Carlo e della sede della Facoltà di Economia.

Sono soprattutto i “luoghi della cultura” a trovare nuovo o rinnovato spazio negli edifici della città storica.

 

PIAZZA XX SETTEMBRE e MERCATO COPERTO DI VIA ALBINELLI (mappa: 1)

PIAZZA GIUSEPPE MAZZINI (mappa: 2)

LARGO GIUSEPPE GARIBALDI (mappa: 15)

SALA BORSA e NUOVO INGRESSO AL PALAZZO COMUNALE (mappa: 21)

PIAZZA GIACOMO MATTEOTTI (mappa: 16)

CASSA DI RISPARMIO (mappa: 56)

COLLEGIO SAN CARLO (mappa: 68)

COMPLESSO SANTA CHIARA (mappa: 70)

PARCO “GIOVANNI AMENDOLA” (mappa: 82)

PARCO “ENZO FERRARI” (mappa: 76)

PARCO DELLA RESISTENZA (mappa: 89)

FORO BOARIO RISTRUTTURAZIONE (mappa: 85)

 

PDF900

 

SCARICA IL PDF CON TUTTE LE SCHEDE DI "SPAZIO PUBBLICO E CITTA' STORICA"