Minerali e conflitti. Dove la storia degli smartphone ha inizio

Memo
Museo Universitario Gemma 1786 - UNIMORE
Istituto Storico di Modena


Mostra, interventi di esperti e testimonianze
24 febbraio - 4 marzo 2018
Residenza San Filippo Neri
via Sant’Orsola 52 - Modena

Perchè parlare di minerali e conflitti?
Senza i minerali non esisterebbero smartphone, telefoni cellulari, tablet, computer e molti altri dispositivi elettronici, e l’apparente “naturalezza” con la quale usiamo questi prodotti  tende a farci dimenticare cosa si trova dietro la loro produzione. Molto spesso, infatti, questi beni sono prodotti utilizzando i cosiddetti “minerali dei conflitti”, ossia minerali estratti sotto il controllo di bande armate, gruppi di ribelli e di contrabbandieri che sfruttano le popolazioni locali e le pongono in condizioni di schiavitù per finanziarsi con il controllo dell’estrazione e del commercio di tali risorse. L’estrazione di questi minerali è concentrata soprattutto in zone di guerra dei paesi più disagiati in Africa, Asia, America meridionale. Tra questi, la Repubblica Democratica del Congo ne costituisce uno degli esempi più drammatici.
La serie di incontri rappresenta il momento conclusivo di un progetto che comprende attività di alternanza scuola lavoro con 50 studenti dei Licei scientifici Wiligelmo e Tassoni di Modena, incontri pubblici con esperti, momenti formativi rivolti a docenti ed interessati.

Calendario degli incontri / eventi


Sabato 24 febbraio ore 10 -13
Inaugurazione della mostra "Minerali clandestini"
Saluti
Cécile Kyenge, Europarlamentare
Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna
Angelo Oreste Andrisano, Magnifico Rettore Università di Modena e Reggio Emilia
Interventi
Monica Saladini, Direttrice Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche Unimore
Gabriele Salmi, Documentarista e fotografo di reportage dal Congo
Donata Frigiero, Curatrice mostra MINERALI CLANDESTINI
Sede: Residenza San Filippo Neri,  via Sant’Orsola 52  Modena

Sabato 24 febbraio ore 16 -17
Visita guidata alla mostra
ore 17- 18.30
Storie dal sottosuolo. Minerali e geopolitica nel Congo (1885-2003)    
Relatori: Giuliano ALBARANI, Istituto Storico di Modena
con la partecipazione di studenti in alternanza scuola lavoro
Sede: Residenza San Filippo Neri - via Sant’Orsola 52 – Modena

Mercoledì 28 febbraio ore 15.30 - 17.30
Racconti in suoni a ritmo d’Africa
Performance musicale CPIA
Studenti CPIA, docente Teresa Laganà
Sede: Residenza San Filippo Neri - via Sant’Orsola 52 – Modena

Giovedì 1 marzo  2018 ore 17 - 18.30
Così si presenta l’Africa
Relatrice: Isabella Ferretti e Miche Martino, Casa Editrice 66thand2nd
L'idea della casa editrice 66th and 2nd nasce a New York e diventa realtà a Roma. Isabella Ferretti è l’anima delle Edizioni 66thand2nd che dà voce a grandi scrittori africani per eliminare lo stereotipo di un’Africa disgraziata dove non si muoverà mai niente.

Sede: Libreria Ubik, via dei Tintori 2 Modena

Sabato 3 marzo ore 10 - 12
Vittime della nostra ricchezza
Relatori: John Mpaliza, ingegnere informatico di origine congolese. Da anni gira l'Europa a piedi per sensibilizzare persone e istituzioni sul dramma del popolo congolese
Don Germain Nzinga, Assistente Ecclesiastico presso Cattolici Africani Francofoni
Sede: Residenza San Filippo Neri - via Sant’Orsola 52 – Modena

Destinatari: insegnanti di scuola primaria, secondaria di 1° e 2° grado

Durata: 5 incontri per un totale di 11 ore

Info e prenotazioni:  museo.gemma1786@unimore.it – 059.2055873
La mostra è visitabile tutti i giorni dal 24 febbraio al 4 marzo:
sabato-domenica: ore 10-13   15-19
lunedì-venerdì: ore 9-13   14-18
Visite guidate la mattina su prenotazione, il pomeriggio a ingresso libero
Le visite guidate su prenotazione sono per classi e gruppi

scarica la cartolina

Il corso è collegato all'itinerario n.388  “Minerali e conflitti”