Fondo per la sicurezza della Camera di Commercio, domande fino al 17 aprile

Il Comune di Modena partecipa al Fondo per la sicurezza destinato ad erogare contributi per l'installazione di sistemi di difesa passiva alle imprese, mirati alla prevenzione dei reati.

 

Il Fondo per la Sicurezza è un intervento cofinanziato da Camera di Commercio, dal Comune di Modena e da altri 30 comuni del territorio.

È rivolto alle imprese che intendono dotarsi di sistemi di sicurezza per affrontare il problema dei reati predatori.

 

Chi può presentare domanda
Possono presentare domanda le piccole imprese esercenti attività economiche (che occupano meno di 50 addetti con un fatturato annuo non superiore a 10 milioni di euro), iscritte al Registro Imprese, con sede o unità locale in provincia di Modena, che non abbiano ottenuto la concessione del contributo Fondo Sicurezza almeno una volta negli ultimi tre anni (2017, 2018 e 2019).
Sono ammissibili le piccole imprese appartenenti a tutti i settori economici

 

Per quali interventi è previsto il contributo
Sono ammissibili al contributo sul Fondo di Sicurezza le spese di acquisto e di installazione, al netto dell'IVA, dei seguenti sistemi di sicurezza:

  • a) sistemi di videoallarme antirapina conformi ai requisiti previsti dal Protocollo d'Intesa del 14/07/2009, rinnovato il 12 novembre 2013 e rinnovato il 12/12/2019, collegati in video alla Questura e ai Carabinieri
  • b) sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso, sistemi antintrusione con allarme acustico e nebbiogeni
  • c) sistemi passivi: casseforti, blindature, antitaccheggio, inferriate, vetri antisfondamento e sistemi integrati di verifica, contabilizzazione e stoccaggio del denaro (l'elenco è esaustivo)

Nel caso di impianti installati in comuni aderenti all'iniziativa, il contributo copre il 50% delle spese fino ad un massimo di 3.000,00 € per i sistemi di tipologia a) e fino ad un massimo di 1.200,00 € per i sistemi di tipologia b) e c).
Nel caso di impianti realizzati in comuni non aderenti, il contributo copre il 40% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di 2.400,00 € per i sistemi di tipologia a) e fino ad un massimo di 960,00 € per i sistemi di tipologia b) e c).
L'intervento è retroattivo per spese sostenute a partire dal 1 ottobre 2019.

 

Scadenza partecipazione al bando
Le domande di contributo, dovranno essere inviate, esclusivamente in modalità telematica con firma digitale del legale rappresentante dell’impresa o di un suo delegato dalle ore 10.00 del 2 marzo alle ore 20.00 del 17 aprile 2020, mediante la piattaforma TELEMACO
www.registroimprese.it/altri-adempimenti-camerali


Per informazioni e il bando completo:
www.mo.camcom.it/sportello-genesi/contributi-camerali/fondo-per-la-sicurezza-anno-2020