L’Europa prima e dopo il muro, le iniziative in ricordo dei trent'anni della caduta del Muro di Berlino

 

Dal 4 novembre Modena propone tante iniziative a trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino, avvenuta il 9 novembre 1989, per riflettere su Europa e futuro.

La rassegna dal titolo “L’Europa prima e dopo il muro” prende il via lunedì 4 novembre con due incontri con Filippo Focardi, dell’Università di Padova, mentre il Consiglio con Alfonso Botti di Unimore, si svolgerà giovedì 14 novembre.

In programma incontri per le scuole, ma aperti a tutti i cittadini, al Bper Forum Monzani di via Aristotele 33 (Forum for School, a cura dell’Istituto storico in collaborazione con Bper Banca: lunedì 4 novembre alle 11 “La svolta dell’89. Un’Europa tedesca o una Germania europea?” con Filippo Focardi, dell’Università di Padova; venerdì 6 dicembre alle 11 “Piazza Fontana e l’Italia delle stragi” con la scrittrice Benedetta Tobagi); c’è una rassegna di film a cura di Circuito Cinema e Arci alla Sala Truffaut di via Degli Adelardi 4 (a partire dalle proiezioni in prima visione alle 21.15 di mercoledì 6 novembre in versione originale con sottotitoli italiani e giovedì 7 novembre in versione italiana di “Herzog incontra Gorbaciov” di Werner Herzog e André Singer); c’è una performance teatrale di Ert in collaborazione con Laboratorio Aperto di Modena all’ex Aem di viale Buon Pastore 43 ( dove si svolge l’iniziativa sabato 9 novembre alle 18) “Dividere il cielo. Voci e immagini dal Muro di Berlino”); ci sono gli itinerari scuola – città promossi dal centro multieducativo MeMo; incontri all’Università; presentazioni di libri con gli autori (a partire da venerdì 8 novembre alle 18, quando in Galleria Europa, piazza Grande 17, la scrittrice Azra Nuhefendic’ presenta il suo “Le stelle che stanno giù. Cronache dalla Jugoslavia e dalla Bosnia Erzegovina”, Spartaco Edizioni 2011); c’è, inoltre, una mostra fotografica, “Linea nelle linee” di Antonella Bozzini, progetto a cura di Andréa Romeiro e Maurizio Rebuzzini, sulla trasformazione del territorio urbano in un confine: la “Linea” che una volta era delimitata dal Muro.
La mostra sarà visitabile gratuitamente da sabato 9 a sabato 30 novembre alla Galleria Europa di piazza Grande, sotto i portici di Palazzo comunale.
Giovedì 14 novembre in Municipio nel pomeriggio ci sarà un appuntamento in Consiglio comunale dedicato al trentesimo della caduta del muro. Introdotto dal presidente Fabio Poggi e dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli, nella seduta, svolgerà la sua relazione “L’Europa prima e dopo il muro”, il professor Alfonso Botti, ordinario di Storia contemporanea al Dipartimento di Studi linguistici e culturali Unimore.

 

Visualizza o scarica il programma completo delle iniziative


Da dieci anni, dal novembre 2019, un pezzo del Muro di Berlino è esposto nella Galleria Europa di piazza Grande, sede di Europe Direct Modena sotto i portici del Municipio.
Proprio il Centro Europe Direct è la struttura che, dalla fine degli anni Novanta, promuove e organizza percorsi didattici sulla cittadinanza europea ai quali hanno partecipato migliaia di ragazzi: oltre 4 mila lo scorso anno scolastico, sono già circa 3 mila quelli iscritti quest’anno.
La costruzione del Muro era iniziata nel 1961 per fermare l'esodo delle persone dalla Germania Est verso Berlino Ovest.
La data della caduta del muro nel 1989 è indicata nel 9 novembre, dichiarato dal Parlamento italiano dal 2005 “Giorno della libertà”.


Le iniziative sono organizzate dal Comitato comunale di Modena per la storia e le memorie del Novecento, con il contributo della Regione Emilia Romagna, e da un’attiva rete di istituti e partner (Istituto storico, Circuito cinema, Arci, Unimore, Europe Direct, Ert, Acit, Biblioteche e Ufficio storia urbana del Comune, Fondazione Mario Del Monte e in collaborazione con Bper Banca).





L'Europa prima e dopo il Muro

Programma completo delle iniziative